Economia
Coldiretti Marche. L'OK all'etichetta di origine su latte e derivati

L'obbligo dell'etichetta d'origine metterà finalmente in trasparenza i circa 170mila quintali di formaggi prodotti nelle Marche. A sottolinearlo è la Coldiretti regionale dopo lo storico via libera della Unione europea alla richiesta italiana di indicazione di origine obbligatoria per il latte e i prodotti lattiero-caseari.

Coldiretti Marche. L'OK all'etichetta di origine su latte e derivati

Sono, infatti, scaduti senza obiezioni alle ore 24 del 13 ottobre i tre mesi dalla notifica previsti dal regolamento 1169/2011 come termine per rispondere agli Stati membri che ritengono necessario adottare una nuova normativa in materia di informazioni sugli alimenti. Una buona notizia per il 15 per cento di cittadini marchigiani che, secondo Istat, mangiano formaggi tutti i giorni, ma anche per gli allevatori a cui oggi arrivano compensi oscillanti tra i 30 e i 40 centesimi, spesso al di sotto dei costi di produzione, e che ora potranno veder meglio valorizzato il proprio lavoro.

Il provvedimento riguarda, sottolinea la Coldiretti, l'indicazione di origine del latte o del latte usato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari che dovrà essere indicata in etichetta con:

a) "paese di mungitura: nome del paese nel quale è stato munto il latte";

b) "paese di condizionamento: nome della nazione nella quale il latte è stato condizionato"

c) "paese di trasformazione: nome della nazione nella quale il latte è stato trasformato";

Qualora il latte o il latte usato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari sia stato munto, condizionato e trasformato nello stesso paese, l'indicazione di origine può essere assolta, precisa la Coldiretti, con l'utilizzo della seguente dicitura: "origine del latte: nome del paese". Se invece le operazioni indicate avvengono nei territori di più paesi membri dell'Unione europea, per indicare il luogo in cui ciascuna singola operazione è stata effettuata possono essere utilizzate le seguenti diciture: "miscela di latte di Paesi Ue" per l'operazione di mungitura, "latte condizionato in Paesi Ue" per l'operazione di condizionamento, "latte trasformato in Paesi Ue" per l'operazione di trasformazione. Infine se le operazioni avvengono nel territorio di più paesi situati al di fuori dell'Unione Europea, per indicare il luogo in cui ciascuna singola operazione è stata effettuata possono essere utilizzate le seguenti diciture: "miscela di latte di Paesi non Ue" per l'operazione di mungitura, "latte condizionato in Paesi non Ue" per l'operazione di condizionamento, "latte trasformato in Paesi non Ue" per l'operazione di trasformazione. L' entrata in vigore e fissata 60 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e quindi, conclude la Coldiretti,  auspicabilmente dal primo gennaio 2017 come è stato previsto per un testo analogo in Francia.

Letture:6883
Data pubblicazione : 14/10/2016 10:30
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications