Istruzione
Il Montani ancora una volta al centro dell’attenzione del sistema istituzionale e produttivo della Provincia di Fermo e della Regione Marche

Sabato 28 febbraio, alle ore 9, presso l’aula magna del Montani si terrà il forum: “Sviluppo territoriale e competitività:nuovi modelli nella formazione tecnica”.Questo incontro proposto dal Rotary Club di Fermo nasce con un duplice obbiettivo: fare il punto di aggiornamento sull’avanzamento del “Progetto Fenice” che, lanciato dai Club Rotary del Fermano nel 2011, richiede oggi una puntualizzazione di orientamento per lo sviluppo ottimale della parte “SOFT” del programma e nel contempo, verificata la coerenza con la visione strategica della UE e della Regione Marche per il ruolo richiesto alla “Formazione Tecnica”, valorizzare i risultati ottenuti assumendo Fenice come modello nell’ambito di una proposta più vasta per conseguire“sviluppo territoriale e competitività attraverso un nuovo modello di formazione tecnica”.

Il Montani ancora una volta al centro dell’attenzione del sistema  istituzionale e produttivo della Provincia di Fermo e della Regione Marche

Il contributo di ciascuno dei qualificati relatori è sintetizzato nel programma allegato; in particolare. Francesco Jovane, Professore Emerito del Politecnico di Milano e Vice Presidente della Piattaforma Europea “Manufuture”, illustrerà i nuovi scenari nel manifatturiero e come, sempre più, la Formazione Tecnica dovrà assumere, particolarmente per l’Italia, un ruolo fondamentale a tutti i livelli per assicurare al Sistema Produttivo i tecnici altamente preparati per poter competere con successo a livello globale;Margherita Bonanni, Dirigente del Montani, richiamerà la storia di eccellenza dell’Istituto ma soprattutto i notevoli miglioramenti operativi degli ultimi anni che hanno certamente contribuito all’incremento eccezionale dei nuovi iscritti ;Luca Romanelli, Presidente Incoming del Rotary Club di Fermo, farà il punto sul Progetto Fenice e ne indicherà i passi futuri. Protagonista anche Stefano Luzi, Presidente dell’Associazione Ex Allievi, ribadirà la necessità di sviluppare il progetto “Gilab” per garantire, parallelamente a FENICE, lo sviluppo della capacità formativa del Montanti chiamando al sostegno diretto quegli industriali che a suo tempo hanno avuto il Montani come fucina della loro formazione tecnica di successo;Flavio Corradini, Rettore dell’Università di Camerino, parlerà dei nuovi modelli di sviluppo delle START UP innovative con possibili coinvolgimenti operativi dell’Istituto Montani e dei suoi allievi;Francesco Ottaviano, del Distretto Rotary 2090, approfondirà come il successo di ogni nuova iniziativa imprenditoriale, ed ancor più le Start Up, sia condizionata dallo sviluppo sistematico di una progettualità operativa integrata fra Scuola, Impresa e Finanza.
Alle esposizioni dei relatori seguiranno interventi qualificati dalla sala e le conclusioni di Giuseppe Amici, Presidente del Club Rotary di Fermo. La grande attualità dell’argomento trattato ci viene continuamente evidenziato dal confronto con i sistemi economici in competizione con il nostro: bastano due soli esempi Svizzera e ancor più Germania. Per questo secondo paese vale la pena citare lo studio pubblicato e presentato recentemente a Roma, in gennaio, da Treellle e Fondazione Rocca: “Educare alla cittadinanza, al lavoro e all’innovazione: il modello tedesco e proposte per l’Italia” che si muove con le stesse motivazioni del Forum Rotary del prossimo 28 febbraio.

Letture:3074
Data pubblicazione : 26/02/2015 17:03
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Ex allievo e figlio di ex allievo.

    26-02-2015 19:05 - #1
    Raggiungere un numero di iscritti decente non rappresenta un "incremento eccezionale dei nuovi iscritti", ma soltanto , come si direbbe in Borsa, un rimbalzo tecnico. E come avrebbe dovuto esprimersi allora il preside Zacchilli quando, negli anni sessanta, gli iscritti arrivarono a circa 4600 ? Arbace Santarelli
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications