Istruzione
L’ex conceria fra passato e futuro. Una mattinata di eventi con gli studenti del Fermano

Venerdì 27 maggio dalle ore 9.45 all'interno della struttura in contrada Girola Valtenna. La soddisfazione di Calcinaro e Trasatti

L’ex conceria fra passato e futuro. Una mattinata di eventi con gli studenti del Fermano

Se con l’associazione Casa Comune è stato realizzato un tavolo che ha programmato e sta programmando iniziative sulla riqualificazione e l‘utilizzo futuro dell’ex conceria, con la manifestazione di venerdì 27 maggio si vuole invece recuperare la memoria di quell’area, il suo legame con il territorio, il rapporto identitario con Fermo ed il Fermano con il coinvolgimento attivo di giovani e studenti (Ipsia “O. Ricci”, Liceo Artistico “Preziotti-Licini” di Fermo e Porto San Giorgio, Liceo “A. Caro” di Fermo, Isc “Da Vinci-Ungaretti” di Fermo) , attraverso rappresentazioni teatrali, musica, documentari e arti visive.

 

Coinvolgerà le scuole della città “La memoria viva dell’ex conceria - restituire la storia per comprendere il futuro” che avrà luogo il 27 maggio, a partire dalle ore 9.45, nell’ex conceria di contrada Girola Valtenna.

 

Dopo il saluto delle autorità inizierà il corteo della memoria con gli interventi musicali del Battaglione Batà ed il recital teatrale degli studenti dell’Ipsia “O. Ricci” di Fermo diretti dall’attrice Scilla Ricci. Alle ore 10.45 proiezione del documentario “Memoria Viva”, realizzato con le interviste ai testimoni da parte degli studenti dell’Isc “Da Vinci-Ungaretti” e del Liceo “A. Caro” di Fermo diretti dal regista Guido Bandini. Alle 11.30 inaugurazione del murales “Schizzi di memoria”, realizzato dagli studenti del liceo Artistico “Preziotti-Licini” di Fermo e Porto San Giorgio con la direzione della prof.ssa Ermanna Seccacini.

 

“Questi eventi sono la risposta, un focus ed un’attenzione a quest’area per troppo tempo dimenticata, l’ex conceria viene dall’oblio di troppi anni” ha detto in sede di presentazione il Sindaco Paolo Calcinaro.

 

“Ad un anno dall’emendamento - ha detto Francesco Trasatti, Assessore alla Cultura - presentato dai Consiglieri Massimo Rossi e Maria Giulia Torresi e che la maggioranza ha recepito, abbiamo voluto dare vita ad una progettualità sull’ex conceria che riguarda il futuro ed il passato di questo sito. Sulla valorizzazione di quelli che sono aree o immobili in disuso, stiamo lavorando, quest’estate ci sarà una mostra con fotografi fermani su ex strutture di Fermo”.

 

A delineare un quadro storico dell’ex conceria Costantino Di Sante, a dettagliare il programma del 27 il direttore artistico Gianluca Valeriani, mentre a gestire il progetto “Sistema Museo”, rappresentato nel corso della presentazione da Lucia Medei.

Letture:3439
Data pubblicazione : 24/05/2016 19:34
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • mariadefischittu

    26-05-2016 10:46 - #3
    Concordo con quanto detto da Lucio. Appena finita la guerra gli alleati, in funzione anticomunista, hanno cercato di proteggere gli ustascia (nazisti creoati) . Il campo di prigionia è stato adibito a centro raccolta degli ustascia(da li la famosa madonna croata dipinta su un muro dei un capannone). Certamente la storia non spiega bene perchè gli alleati hanno salvato questi collusi con il regime nazista. Eppure nel corso degli anni è venuto fuori tutto il gioco ordito dagli USA e dal Vaticano che hanno salvato queste persone (non solo in italia). Le hanno fatte vivere bene nei paesi sudamericani e se ne sono servite per organizzare i colpi di stato nel giardino di casa (centro e SudAmerica)
  • lucom49

    26-05-2016 09:17 - #2
    Iniziative lodevoli e interessanti e spettacolo assicurato. Per quello che riguarda la storia e' meglio andare cauti.Fu' sicuramente campo porigionia (PG 70) e successivamente centro raccolta sfollati slavi. C'erano sicuramente famiglie bisognose di accoglienza ,ma c'erano anche ustascia croati in fuga in attesa di documenti falsi per l'espatrio. E sappiamo chi erano gli ustascia e quello che hanno fatto.........
  • Antonio

    25-05-2016 12:05 - #1
    Tutto questo interesse per una proprietà privata non lo capisco, ma perchè non si occupano dell'ex Ceramica Lauretana, l'ex Sadam, con la stessa energia? Questo focus sull'ex conceria come dice Calcinaro, perchè? E l'ex mercato coperto sotto Piazza? Boh, è un mistero, chissà cosa bolle in pentola.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications