Istruzione
Fermo-Germania, la collaborazione si allarga: il Liceo Classico Annibal Caro stipula un gemellaggio con il Liceo di Rothenburg

Si allarga ancora la rete di contatti tra Fermo e la Germania. Sulla scia dell'ormai consolidato gemellaggio ultradecennale tra il capoluogo e la città teutonica di Ansbach, in questi giorni una delegazione di docenti del liceo di Rothenburg è a Fermo per studiare nuove forme di collaborazione con il Liceo Classico Annibal Caro.

 

Fermo-Germania, la collaborazione si allarga: il Liceo Classico Annibal Caro stipula un gemellaggio con il Liceo di Rothenburg

Un'operazione che ha ricevuto la compiaciuta benedizione del sindaco del capoluogo Paolo Calcinaro: “Per me è molto importante sostenere queste connessioni tra scuole – ha commentato il primo cittadino – in primis perché sono utili ai nostri studenti, che rispetto ai loro colleghi del passato hanno la fortuna di poter godere di una maggiore facilità di uscita dalle frontiere cittadine, nazionali e a volte anche europee: stiamo cercando di creare altri ponti per far conoscere nuove realtà continentali in modo sempre più frequente”.

 

Diverse le iniziative reciproche portate avanti negli anni nell'ambito del gemellaggio con Ansbach: i fermani si sono recati più volte in Germania a mostrare le proprie eccellenze, tra cui la Cavalcata dell'Assunta, e i tedeschi partecipano sempre all'Oktober Fest del capoluogo, ma gli scambi hanno interessato anche realtà come la Protezione civile e le scuole. Ora quindi si aggiunge un altro tassello: l'Annibal Caro ha attivato un corso pomeridiano opzionale di tedesco per gli studenti del triennio e questa collaborazione con il Liceo di Rothenburg può naturalmente rappresentare uno stimolo innanzitutto per loro.

 

Piero Ferracuti, preside dello storico istituto fermano, nel ricordare come a fine '800 un insegnante della scuola fosse il corrispondente di Theodor Mommsen, grande studente tedesco di storia romana, ha illustrato i motivi dietro questo nuovo gemellaggio, accennando anche a come potrebbe svilupparsi concretamente: “Anche nella scuola dei nostri ospiti si studiano sia il greco che il latino e, se noi italiani abbiamo un'eredità di sangue nei confronti di queste lingue, loro hanno un'eredità culturale, perché tra i Paesi a nord delle Alpi la Germania è quello in cui il latino e il greco godono di maggiore considerazione – ragiona il dirigente -. In questi giorni cercheremo di capire quali possano essere le modalità di collaborazione e di gemellaggio, che potranno riguardare non solo e non direttamente queste due lingue, ma magari un progetto che parli del loro ruolo. Troveremo poi delle modalità, anche nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro, di portare avanti degli scambi e di lavorare insieme: la parte fondamentale di questa iniziativa è il coinvolgimento degli studenti secondo linee di azione di cui oggi cominceremo a discutere”.

 

Molto soddisfatto anche Francesco Gismondi, presidente dell'associazione Amici di Ansbach, colui che ha sostanzialmente fatto da apripista alla collaborazione con la Germania e che oggi si è messo a disposizione degli studenti per qualsiasi loro necessità: “Questo gemellaggio è una sorta di contenitore, dentro al quale possono esserci scambi culturali, musicali, sportivi e ricreativi – commenta esortando i ragazzi a vivere quest'opportunità in tutte le sue sfaccettature -. Mettiamo in piedi queste iniziative affinché voi cogliate al massimo delle possibilità che in passato non c'erano”.

 

A prendere la parola in conclusione è stato Tom Greve, un docente del liceo tedesco che, accompagnato a Fermo dai suoi colleghi Philip Ohme e Gisela Huesinger-Herz, si è detto molto contento della calorosa accoglienza ricevuta: “Grazie al lavoro di intermediazione dell'associazione Amici di Ansbach è stato possibile creare le basi di questa collaborazione che dovrebbe servire a rendere più diretti i rapporti e quindi a creare maggiore integrazione in ambito europeo – osserva prima di rivolgersi agli studenti dell'Annibal Caro invitandoli a visitare la loro scuola – i nostri alunni sarebbero molto contenti di potervi accogliere e ospitare a Rothenburg”.

Letture:1588
Data pubblicazione : 28/04/2018 12:38
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications