Istruzione
IL CASO. Il destino della scuola di Casette appeso alla conversione del Milleproroghe. Venerdì l’assemblea pubblica

A Sant'Elpidio a Mare sta tenendo banco in questi giorni la questione che riguarda la chiusura della Scuola d'Infanzia di Casette d'Ete e il relativo trasferimento di 76 bambini nel plesso del Capoluogo, ragazzi che inizieranno l'anno scolastico il prossimo lunedì, con una settimana di ritardo rispetto a tutti gli altri istituti del Fermano.

IL CASO. Il destino della scuola di Casette appeso alla conversione del Milleproroghe. Venerdì l’assemblea pubblica

Ma andiamo con ordine e ripercorriamo la vicenda insieme al consulente legale dei genitori, nonché consigliere comunale di minoranza del comune elpidiense, Roberto Greci. "Sulla scrivania del primo cittadino Alessio Terrenzi - ci spiega l'avvocato -, lo scorso 5 settembre è arrivata una lettera anonima in cui si chiedevano le condizioni dell'edificio in questione e la relativa documentazione che fosse in grado di comunicare l'indice di vulnerabilità sismica.”

Una questione indubbiamente primaria quella della sicurezza, ma sono le modalità di azione dell'Amministrazione comunale a non aver convinto (e a non continuare a convincere) i genitori dei bambini.

"Innanzitutto - spiega Greci - i genitori sono stati avvisati attraverso mezzo stampa della chiusura della scuola. Dunque nessuna comunicazione al Provveditorato, nessuna lettera ufficiale, niente. Il Sindaco ha inoltre chiesto la documentazione sulla situazione dell'edificio alla proprietà, che corrisponde alla persona del Parroco Marcelli, il quale ha fornito tutto il necessario.

Il Comune ha poi deciso, anche in mancanza del documento che attesta l'indice di vulnerabilità sismica (un certificato che era possibile richiedere fino al 31 agosto), di chiudere la scuola, trasferendo i bambini nel plesso del Capoluogo fino a dicembre, per spostarli poi a gennaio nella scuola Della Valle, dove ci sono delle aule vuote.

"Se la conversione in legge del decreto Milleproroghe - spiega il legale, portavoce dei genitori – dovesse avvenire tra oggi o domani, ci sarebbe un prolungamento per la richiesta del certificato che attesta l’indice di vulnerabilità fino al 31 dicembre e dunque la scuola potrebbe riaprire ai ragazzi. Inoltre se il Comune decidesse di chiudere tutti gli edifici che non dispongono dell’indice di vulnerabilità, allora il 60 % delle strutture elpidiensi andrebbero incontro allo stesso destino della scuola di Casette.”

"La volontà del Comune - è la denuncia dei genitori - è quella di non far tornare i ragazzi nella scuola di Casette e chiuderla, andando a sacrificare una sala pubblica (i locali della scuola Della Valle), che negli ultimi anni ha portato nella nostra città moltissimi personaggi di elevata caratura, ha ospitato associazioni e ha creato aggregazione sociale. Il Comune invece di aggiungere alla comunità, in questo modo lo andrebbe a togliere."

Venerdì, alla sala parrocchiale accanto alla Chiesa del Santissimo Redentore, a partire dalle ore 21:00, in seguito alla decisione sul Milleproroghe, ci sarà un'assemblea pubblica, indetta dal legale e consigliere comunale Greci, per fare chiarezza sul caso della scuola di Casette.

Letture:1679
Data pubblicazione : 19/09/2018 11:50
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications