Istruzione
Fermo. Polo scolastico di via Salvo D'Acquisto: consegnata l'area alla ditta aggiudicataria dei lavori
Nuovo e importante passo sul Polo Scolastico di via Salvo d’Acquisto. Questa mattina è avvenuta la consegna dell’area alla ditta aggiudicataria dei lavori, la Cogepa di Napoli (Raggruppamento Temporaneo di Imprese). Nei prossimi giorni avverranno le operazioni preliminari e propedeutiche al cantiere vero e proprio, ovvero il decespugliamento e la sistemazione con i picchetti dell’area interessata.
Fermo. Polo scolastico di via Salvo D'Acquisto: consegnata l'area alla ditta aggiudicataria dei lavori
Questa mattina erano presenti l’assessore ai lavori pubblici Ingrid Luciani, il Dirigente Comunale Alessandro Paccapelo, Geremia Iommetti dell’Ufficio Tecnico Comunale, l’ing. Aldo Supino (direttore tecnico) della ditta, l’arch. Antonia Cocozza, Responsabile del procedimento per conto dell’Ufficio del Commissario per la Ricostruzione, l’arch. Stefano Saudelli responsabile della sicurezza dell’Ufficio del Commissario per la Ricostruzione e l’ing. Stefano Babini della Regione Marche.
 
Come noto, a seguito dei fenomeni sismici del 2016, le scuole medie Betti e Fracassetti di Fermo hanno subìto danni a seguito dei quali è stata dichiarata l’inagibilità degli edifici che li ospitavano, con il conseguente trasferimento della prima al Polo Scolastico provinciale di via Marsala e la seconda dapprima con il trasferimento nei locali della scuola di San Michele Lido e, dopo gli interventi di ristrutturazione, nei locali originari di via Visconti d’Oleggio.
 
Con ordinanza del 2017 del Commissario di Governo queste due scuole sono state comprese nel novero di quelle da ricostruire, decidendo di accorparle in un unico edificio.  A seguito di questo l’Amministrazione Comunale ha individuato la zona per la realizzazione del nuovo Polo scolastico in via Salvo D’Acquisto, lungo la Circonvallazione Nord della Città.
 
L’immobile sarà articolato in due corpi ad “L” e sarà composto da aule per l’attività didattica, laboratori, biblioteca, un auditorium nel primo edificio e una palestra nel  secondo per l’attività sportiva.
 
Le aule si affacceranno anziché sulla strada (in favore della sicurezza di studenti, insegnanti e genitori), direttamente sugli spazi verdi e attrezzati che circondano il complesso. L’area a verde a disposizione del Polo sarà molto ampia e si svilupperà principalmente verso il panorama a nord. L’intera area avrà dei parcheggi e dei percorsi di collegamento pedonali e carrabili.
 
“Un primo e importante passo – ha detto il Sindaco Paolo Calcinaro - per quella che dovrà essere una realizzazione che nei prossimi 10-12 mesi dovrà assolutamente arricchire il panorama della scolastica fermana. Un passo molto importante perché iniziano dei lavori di cantierizzazione che accorceranno i tempi di realizzazione di contratto. Intorno al 20 di questo mese ci sarà un ulteriore passo presso Invitalia con la validazione dello strutturale, quindi si potrà andare avanti con questa opera fondamentale e attesa, finanziata dal Commissario”.
 
“Negli obiettivi – ha detto l’assessore ai lavori pubblici Ingrid Luciani - che ci si è dati dopo il terremoto per dare a queste due scuole, agli alunni dei due plessi, agli insegnanti e al Personale un immobile nuovo e definitivo, la consegna di questa mattina rappresenta un passaggio importante in un percorso che potrà dare così anche alle famiglie e alla città un Polo scolastico nuovo, dove poter riprendere le attività didattiche in una struttura adeguata”.
 
2polos
 
Letture:1040
Data pubblicazione : 09/10/2018 17:06
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • un postaccio infame

    10-10-2018 01:09 - #1
    Che postaccio infame ! Da fermano attempato , conosco bene l'edificio dell'Ugo Betti: una bella scuola a misura di ragazzo,con un corridoio ampio e funzionale, in cui hanno studiato generazioni di fermani, con spazi adeguati, nel cuore della città. Tutti i soldi che si butteranno in un ennesimo scatolone , in un postaccio fuori città, irraggiungibile a piedi per chiunque, che aumenterà a dismisura l'inquinamento e il traffico, che allontanerà ragazzi e famiglie dalla vita cittadina, tutti questi soldi si potevano usare per rendere agibile la vecchia scuola. Scuola che è stata dichiarata inagibile , ma di cui non si è mai saputo bene perché e per come e quanto si sarebbe speso per renderla agibile. E questo scempio di spostare due scuole medie in estrema periferia, anzi, campagna, come detto nell'articolo, è stato propugnato dal sindaco che doveva valorizzare Fermo. Complimenti vivissimi al sindaco e all'assessore, vera testa d'uovo, che ha affermato che il disabile che trova una transenna , messa dal comune abusivamente davanti al suo posto per disabili, non deve far altro, ogni volta, che chiamare un vigile per spostarla e così usufruire del suo diritto !
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications