Lavoro
Attacco ai lavoratori, sciopero della Fiom Cgil il 22 luglio. Condanna anche alla deriva xenofoba

Approvato all'unanimità un documento del Direttivo nel quale si fa riferimento anche al grave fatto di sangue avvenuto a Fermo

Attacco ai lavoratori, sciopero della Fiom Cgil il 22 luglio. Condanna anche alla deriva xenofoba

Il grave attacco ai diritti dei lavoratori, dalla legge Fornero al Jobs Act, sino alla chiara ed esplicita volontà di cancellare il contratto nazionale, mette a dura prova la tenuta sociale di questo Paese. La disgregazione del mondo del lavoro, causata da una lunga crisi ancora in atto e da questi provvedimenti legislativi, richiede un impegno straordinario di tutta l'organizzazione sindacale per impedire che si trasformi in una guerra tra poveri, si cerchi il capro espiatorio nell'immigrato, nel rifugiato, in chi vive una situazione di sofferenza indicibile e di ingiustizia inaccettabile.

 

Il Direttivo esprime una dura condanna ad ogni forma di intolleranza e deriva xenofoba e fascista che stanno contaminando anche il nostro territorio e che sono la causa della morte di un nostro fratello nigeriano, impegna tutte le RSU nel contrasto quotidiano nei luoghi di lavoro, delle facili quanto insulse frasi razziste, ormai all'ordine del giorno, fondate su ignoranza e su informazioni costruite ad arte, per distogliere l'attenzione dai veri problemi e dalle cause dell'impoverimento complessivo del mondo del lavoro e di una disoccupazione strutturale e di massa, da addebitare ai veri responsabili che detengono il potere delle scelte politiche, sociali ed economiche.

 

Tutti i lavoratori devono lottare per difendere il contratto nazionale, senza il quale la disgregazione sarà totale, senza il quale aumenteranno le diseguaglianze all'interno della stessa azienda, tra aziende e tra territori, il contrario del principio solidaristico che il contratto nazionale garantisce, senza il quale il prezzo più alto lo pagheranno i lavoratori più deboli.

 

L'indebolimento della classe lavoratrice, favorisce l'imbarbarimento della società, l'individualismo ed il venir meno della solidarietà.

 

Difendere i diritti dei lavoratori, a partire dal contratto nazionale significa difendere la democrazia, ricostruire un tessuto sociale, lacerato dalle sofferenze e dalle ingiustizie che grazie alla strumentalizzazione in atto, favoriscono derive di intolleranza e violenza di "tutti contro tutti".

 

Per questo scioperiamo il 22 luglio.

Letture:6576
Data pubblicazione : 13/07/2016 17:17
Scritto da : Fiom Cgil Fermo
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications