Lavoro
Le aziende del Fermano mettono le scuole al centro del Micam 2018: ripartire dalla formazione e dal fare squadra

Il Micam si svolgerà dall’11 al 14 febbraio a Milano Fiera Rho e il tema di questa nuova edizione sarà il coinvolgimento attivo e formativo della realtà delle scuole per connettere il territorio con il mondo e rilanciare la produttività. Il Micam mira alla promozione delle aziende del distretto calzaturiero delle Marche, in collaborazione con la Regione, le associazioni di categoria e le istituzioni e quest’anno anche con il coinvolgimento degli Istituti superiori con indirizzi di studio in linea con quelle che sono le necessità del Distretto.

Le aziende del Fermano mettono le scuole al centro del Micam 2018: ripartire dalla formazione e dal fare squadra

La conferenza stampa di presentazione, tenutasi questa mattina presso la Camera di Commercio, è stata aperta dal vicesindaco di Fermo Francesco Trasatti che ha ricordato come “ogni anno ci troviamo a fare il punto della situazione carichi di aspettative e mi auguro ogni volta che il successo sia sempre migliore dell’anno passato, in linea con lo spirito e l’entusiasmo che caratterizzano l’imprenditorialità. Il rapporto con la scuola è qualcosa che ci sta molto a cuore – ha sottolineato Trasatti -. Non siamo nuovi alla sinergia tra istruzione, formazione e azienda e ogni anno con la caparbietà che contraddistingue gli Istituti e i dirigenti, cercheremo di mettere un mattoncino in più per un legame sempre presente e di qualità”.

 

La parola poi a Graziano Di Battista, Presidente della Camera di Commercio di Fermo, che ha ringraziato tutti i presenti e tutte le aziende che andranno al Micam. “Siamo bravi a fare le scarpe – ha esordito Di Battista – ma siamo bravi anche nell’enogastronomia, nel settore del cappello, nell’accessoristica e soprattutto nella formazione dei giovani. È fondamentale che oltre al “pezzo di carta”, che pure è importante, gli studenti si avvicinino alla conoscenza della realtà che un domani andranno a gestire. Deve esserci una forte attenzione soprattutto su quella che è la nuova missione della Camera di Commercio e cioè la formazione e l’alternanza scuola-lavoro, oltre all’industria 4.0 in termini di utilizzo degli strumenti di comunicazione mediatici”.
“Portiamo i ragazzi a Milano e facciamo in modo che si rendano conto che con il lavoro frenetico e costante che si fa nelle aziende ci si propone poi al mondo. Dal risultato di questa manifestazione dipende il futuro dell’economia del nostro territorio e saranno proprio i ragazzi a metterci del loro, sviluppando all’interno degli istituti scolastici dei progetti per poter dare consigli agli imprenditori stessi” - ha concluso Di Battista.

 

Nazareno Di Chiara, presidente dell’Azienda Speciale “Fermo Promuove”, ha parlato del dover “affermare la nostra imprenditorialità territoriale che si distingue per qualità nonostante il momento di crisi. Raccontiamo – ha proseguito Di Chiara – il mondo e la bellezza delle nostre imprese, ma anche del nostro territorio. Viviamo in un paradiso ed è giusto conservarlo e raccontarlo anche attraverso la collaborazione con le scuole”.

 

E' intervenuta poi la Presidente della Provincia Moira Canigola che ha parlato di un “momento importante per il territorio, per le aziende e per tutti. Il rapporto tra il Micam, le scuole, i sindaci e i rappresentanti delle aziende deve cercare di essere il più proficuo possibile per diventare migliori in futuro. Con l’industria 4.0 bisogna traghettare il sistema, che oggi si trova in grosse difficoltà, verso l’impresa del domani”.

Saranno 120 gli studenti partecipanti provenienti dall’IPSIA di Fermo, dal Liceo Economico Sociale dell’”Annibal Caro”, dall’ITET Carducci Galilei, dall’ITIS Montani e dal “Polo Carlo Urbani” di Porto Sant’Elpidio e di Montegiorgio. 

 

Enrico Ciccola, presidente della sezione calzaturieri di Confindustria Fermo, ha sottolineato la crisi del Distretto e illustrato alcune condizioni per far sì che la situazione migliori. “Credo che la Fiera non risolverà la mancanza di lavoro che c’è sul nostro territorio; ci sono delle aziende che vanno bene ma ci sono anche molte imprese che stano soffrendo. La produzione del nostro territorio è molto variegata e non è facile capire la direzione futura di quelle che saranno le problematiche”.
“Bisogna insistere – ha spiegato Ciccola – tutti insieme per poter far partire delle politiche che garantiscano quel plus valore per il futuro necessario a una competizione maggiore sul prezzo e sul costo del lavoro (sbilanciato da sei a dieci volte rispetto a quello di altri Paesi)”.

 

La parola poi a Carlo Cipriani, di Confindustria Macerata, che ha spiegato come il Distretto abbia tutte le carte in regola per superare le difficoltà. “Il Micam – ha sottolineato Cipriani – è una vetrina non solo per le calzature, ma per tutto il territorio e per i suoi settori produttivi. Si diceva che questo Distretto – ha continuato Cipriani – sa fare qualità e produzione, però si diceva anche, e forse si dice ancora, che le nostre aziende hanno delle difficoltà a vendere e a presidiare i mercati. Bisogna quindi saper fare aggregazione perché il mercato è sempre più organizzato e le nostre aziende sono troppo piccole. Bisogna anche avere la capacità di presidiare il digitale, essere in grado di utilizzare tutti gli strumenti possibili per ottimizzare la produzione, aiutare i produttori a essere più forti e affinare le conoscenze per affrontare nuove sfide, oltre alla formazione per i ragazzi e per le scuole. Dobbiamo riconoscere le nostre capacità di produrre e di fare qualità, consapevoli che c'è però una distribuzione internazionale sempre più presente. Questa è sicuramente un’opportunità di lavoro ma rischiamo di perdere la regia del rapporto con il mercato”.

 

Marino Silvi, vicepresidente della Cassa di Risparmio di Fermo, ha spiegato come “a forza di dire che dobbiamo fare squadra e aggregarci  mi sembra che il territorio, dal punto di vista calzaturiero, si stia desertificando. Anche a livello bancario il territorio ha vissuto delle vicissitudini e noi, essendo una banca locale, dobbiamo prestare attenzione al nostro territorio, non possiamo permetterci di trascurarlo.”

 

Giammarco Ferranti della CNA Fermo ha portato i saluti del Presidente Paolo Silenzi e ha spiegato: “Mi ritrovo nelle parole di Silvi, ma voglio anche congratularmi con Ciccola perché ha dato corpo a questo e con il suo impegno ha creato un tavolo di lavoro e di collaborazione tra associazioni. Auspico che a settembre ci ritroveremo a parlare di ciò che siamo riusciti a fare e il Micam è molto importante in questo senso”. 

 

Simone Del Gatto, della sezione calzature Confartigianato, è uno degli imprenditori che andrà a Milano: “Partiamo carichi di aspettative ma ci aspettiamo di tornare anche con gli ordini. È importante che le aziende arrivino a realizzare questi progetti con le scuole: bisogna aggregarsi  e speriamo che la fiera ci dia il la per questo tipo di trattative.”

 

Ediana Mancini ha concluso spiegando che il Comune di cui è Sindaco “vive di calzatura da sempre e ha molta attenzione per il settore, che ora sta vivendo una crisi spaventosa. Questa Camera di Commercio ha sempre lavorato per cercare di promuovere e vendere il territorio. L’analisi spietata, ma di grande onestà intellettuale, di Enrico Ciccola, ha messo in luce i punti deboli ai quali noi dobbiamo necessariamente far fronte, in primis partendo dalla formazione nelle scuole.” 

Letture:6216
Data pubblicazione : 07/02/2018 15:34
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications