Politica
Il consigliere regionale Letizia Bellabarba: “Non possiamo rimanere indifferenti”. Il Governo italiano chieda l'abrogazione della legge sulla blasfemia in Pakistan

Approvata all'unanimità, questa mattina in consiglio regionale, la mozione presentata con alcuni colleghi da Letizia Bellabarba, consigliera regionale Pd, per chiedere al Governo italiano di attivarsi presso il Governo pakistano e chiedere l'abrogazione della legge sulla blasfemia in Pakistan. Ecco la nota del consigliere sulla situazione in Pakistan.

Il consigliere regionale Letizia Bellabarba: “Non possiamo rimanere indifferenti”. Il Governo italiano chieda l'abrogazione della legge sulla blasfemia in Pakistan

La denuncia del Presidente della Federazione delle Associazioni Pakistane in Italia Adan Farhaj Bakhsh, che ha chiesto il nostro sostegno, è chiara. Questa legge prevede la pena di morte, in Pakistan, per chi mancherebbe di rispetto al profeta Maometto, ma è spesso utilizzata per vendette e scopi privati, abbattendosi in particolare contro le minoranze religiose in Pakistan.

La libertà di parola e la libertà di religione costituiscono un fondamentale diritto per ogni individuo: non possiamo restare indifferenti. Per averla definita legge nera l'ex governatore del Punjab Salmon Taseer fu assassinato il 4 gennaio 2011 per mano degli estremisti islamici; per analoghi motivi fu ucciso il 2 marzo dello stesso anno anche l'ex Ministro per le minoranze religiose, Shahbaz Bhatti, cristiano, che in seguito alle prime condanne chiedeva di rivederla affermando che la legge sulla blasfemia è spesso utilizzata come uno strumento per risolvere questioni personali; l'85% dei casi sono falsi; Sawan Masih è una delle più recenti vittime di questa legge, condannato a morte per ingiuste accuse di blasfemia; un intero villaggio cristiano è stato bruciato; Sawan Masih, Shafqat e Shagufta Emmanuel, Asia Bibi sono solo alcuni tra coloro che sono ingiustamente detenuti, sui quali pesa una condanna a morte per blasfemia.

Ogni nazione dovrebbe alzare la voce contro queste ingiustizie e chiedere con forza al Governo pakistano la liberazione degli innocenti incarcerati e l'abolizione di questa legge iniqua che soffoca l'essenza della libertà.

 

Letture:1457
Data pubblicazione : 15/04/2014 15:52
Scritto da : Letizia Bellabarba, consigliere regionale PD
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications