Politica
Provincia di Fermo. Bilancio di fine mandato del consigliere Di Ruscio: “E’ mancato un vero e proprio progetto politico-amministrativo per il territorio provinciale”. LEGGI IL DOCUMENTO

L'ex consigliere provinciale Saturnino Di Ruscio traccia un bilancio sui cinque anni della provincia di Fermo. Un lungo documento in cui parla di bilancio, ma anche di progetti per il territorio. Di Ruscio che denuncia la mancanza di un piano:“Che ridisegnasse concretamente e non a parole lo sviluppo in una visione di sostenibilità e che creasse così le condizioni per nuove attività, occupazione e lavoro in questo territorio”.

Provincia di Fermo. Bilancio di fine mandato del consigliere  Di Ruscio: “E’ mancato un vero e proprio progetto politico-amministrativo per il territorio provinciale”. LEGGI IL DOCUMENTO

Tra i vari punti evidenziati nel documento scritto da Saturnino Di Ruscio emerge come: “Dopo 5 anni ancora non è stata appaltata la bretella di Fermo, l’unica opera strategica della provincia perché il capoluogo non è più Ascoli Piceno, bensì Fermo! Gli interventi fatti sino ad oggi, sicuramente importanti e necessari (ampliamento valdaso nei tratti Pedaso-Campofilone e Montefalcone-Comunanza) sono quelli previsti dai Presidenti Gianni Basso, Pietro Colonnella e Massimo Rossi quando il capoluogo era Ascoli Piceno, quindi più funzionali al collegamento con Ascoli che Fermo grazie al traforo di Croce di Casale”.

Di Ruscio che nel documento aggiunge: “Nel formulare l’ipotesi di bilancio 2014 l’Amministrazione Provinciale, con il quadro così fosco nelle entrate e, bloccata ogni possibilità di agire sulle stesse con leva fiscale già completamente utilizzata (residua solo una minima possibilità di controlli e recuperi), non ha potuto far altro che mantenere la copertura delle spese fisse di personale e di finanziamento dell’apparato burocratico cercando di ridurre ed ottimizzare al massimo le seconde, assegnando tutte le risorse residuali ai due servizi esterni cardine (viabilità e patrimonio soprattutto scolastico).Non va sottaciuto che, comunque, un precario equilibrio è stato raggiunto grazie anche all’operazione di rinegoziazione dell’indebitamento conclusa a dicembre 2013/gennaio 2014 dalla Provincia di Ascoli Piceno. La suddetta provincia, formalmente in pre-dissesto finanziario, è ancora titolare di tutto l’indebitamento e la Provincia di Fermo ne ha autorizzato la novazione a proprio carico nella stessa seduta consiliare in cui è stato esaminato il bilancio di previsione 2014 ( ultimo adempimento a carico connesso alle operazioni di separazione), a parte la definizione di eventuali contenziosi/debiti fuori bilancio. La Provincia di Fermo, nell’approvazione del bilancio consuntivo 2013, non ha condiviso tali operazioni di rinegoziazione del debito fatta da Ascoli, mettendone anche in dubbio la validità finanziaria nel tempo. Nella seduta del 23 giugno, con l’approvazione del bilancio preventivo 2014, ne ha invece esaltato la virtuosità. Conosciamo tutti le abilità “camaleontiche” del Presidente Cesetti che essendo un campione nell’ arte “ di aver sempre ragione”, riesce a dire e contraddire il “Cesetti pensiero” a seconda delle occasioni”.

Di Ruscio che conclude: “Mi spiace che il mandato si sia chiuso con un provvedimento riguardante l’ex FIM, portato all’attenzione del consiglio l’ultimo giorno utile e che avrebbe richiesto più tempo affinché, sulla base della esperienza pregressa, ognuno di noi avrebbe potuto dare il proprio positivo contributo. Il ritardo e la contestuale fretta non trovano logica spiegazione, ma la vera motivazione sicuramente ci sarà nota nei prossimi mesi”.

LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE DEL CONSIGLIERE DI RUSCIO

Letture:1827
Data pubblicazione : 28/06/2014 09:22
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Marcello

    28-06-2014 19:05 - #2
    Caro Mendicante , lei che critica l'operato del'ex Sindaco Di Ruscio , non vede quello che succede oggi a Fermo . Mi auguro che apra gli occhi e si renderà conto di come siamo messi con questa Amministrazione Brambatti , che lei ha votato .
  • mendicante

    28-06-2014 12:48 - #1
    Visti i suoi dieci anni comune, io mi starei zitto...
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications