Politica
Istanza di fallimento della società Asite. Rigetto della sentenza. Il sindaco Brambatti: “L’Asite è un’azienda in ottima salute”. LEGGI LA SENTENZA INTEGRALE

Conferenza stampa, questa mattina, in Comune. Il sindaco Nella Brambatti, l’assessore all’ambiente Silenzi e il presidente Asite Cipitelli hanno commentato il rigetto della sentenza sull’istanza di fallimento della società Asite.

Istanza di fallimento della società Asite.  Rigetto della sentenza. Il sindaco Brambatti: “L’Asite è un’azienda in ottima salute”. LEGGI LA SENTENZA INTEGRALE

La sentenza del tribunale di Fermo in merito all'Asite è chiara: “ L’esercizio…deve intendersi sostanzialmente positivo, tenuto conto anche di un margine operativo nettamente migliorato rispetto all’esercizio precedente e pari a euro 4.703.794”. In virtù di ciò, la Fermo Ambienti Servizi Impianti Tecnologici Energia s.rl. non può essere soggetta ad istanza fallimentare.
Si è tenuta oggi a mezzogiorno, presso la Sala della Giunta del Comune di Fermo, la conferenza stampa per commentare la sentenza riguardante l’Asite. Queste le parole del sindaco Nella Brambatti: “La sentenza mette fine a ogni polemica. Come dimostrato, l’Asite è un’azienda in salute e con un futuro roseo. Non converrebbe a nessuno se fallisse, in quanto è una società di tutti. Anzi, va detto, come nel corso degli anni l’azienda sia passata da una situazione economica estremamente negativa a una abbastanza positiva”.

Il lavoro di ristrutturazione, iniziato con la nuova gestione dell’Asite, ha portato a notevoli cambiamenti all’interno dell’azienda che ha portato ad uno stato d’equilibrio. Come dichiara lo stesso Roberto Cipitelli, presidente dell’Asite: “Quando siamo arrivati abbiamo trovato una situazione abbastanza confusionaria. Per risanare l’azienda abbiamo innanzitutto messo ordine alle carte, redatto contratti con tutti i nostri fornitori e clienti, come quello stipulato con il comune di Sogliano nel Lazio, abbattuto i costi e i debiti e messo in pratica un sistema di monitoraggio delle varie attività, affinché non ci potesse sfuggire più niente. In pratica, tutto l’opposto di come era in passato.” In aggiunta: “Nel 2014 non ci sarà alcun aumento, le tasse rimarranno uguali come nel 2013, quando avevamo stabilito le nuove tariffe. Per il 2015, invece, daremo il via a un nuovo piano finanziario.”

Polemico, al contrario, l’assessore all’ambiente Matteo Silenzi che dichiara: “Dagli atti ufficiali, già dal 16 Gennaio di quest’anno, si era dimostrato durante il Consiglio Comunale, come l’Asite godesse di ottima salute e che tutti i suoi conti erano praticamente in ordine. Gli attacchi che abbiamo ricevuto non hanno alcuna oggettività, in quanto sono stati presi alcuni dati a caso e utilizzati per i propri comodi.” L’assessore, inoltre, ha precisato: “La nostra è stata una risposta basata sui dati oggettivi, di conseguenza chi vuole attaccare o fare polemica lo faccia in maniera adeguata e, soprattutto, che diano una giustificazione a tutto ciò. Oppure si potrebbe pensare che stiano barando e che vogliano fornire una versione distorta della realtà solo per creare instabilità“.

LEGGI LA SENTENZA INTEGRALE

Letture:2051
Data pubblicazione : 23/07/2014 17:21
Scritto da : Iacopo Luzi
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • x Stranotto

    24-07-2014 11:19 - #4
    In città ci sono pure dei cani che abbaiano alla luna, ma ce ne sono tanti che abbaiano a comando e per scoprirli facilmente, mio caro Stranotto, devi guardare dall'altra parte.
  • Dario

    24-07-2014 10:05 - #3
    Ritengo che l'assessore all'ambiente Silenzi poteva risparmiarsi la polemica, in quanto se guardiamo il suo operato ne potremmo fare tanta su di lui, dai rifiuti abbancati nella discarica comunale di San Biagio provenienti da fuori provincia dichiarati dopo che erano apparse notizie sulla stampa, il piano antenne al centro di un'infuocata polemica e tutto da verificare, dal caos negli orti sociali con denunce da parte di chi li coltiva, aspettiamo sempre il nome degli assegnatari, dei criteri di assegnazione, del costo sostenuto dal comune, della scadente condizione di pulizia della città con relativi odoracci, e ......... Ma non pensa l'assessore Silenzi, che l'instabiltà che si respira a Fermo non sia dovuta al loro modo di amministrare ?, se la prende con l'opposizione all'acqua di rose, che più moscia di quella che c'è a Fermo è difficile da trovare, quindi, è la gente che si oppone a voi Silenzi, ogni giorno di più. Si ricordi infine, che ha sostituito un assessore che si era candidato alle lezioni e che aveva preso oltre 300 preferenze, uno dei più votati, fatto fuori perchè non parte del cerchio magico della Brambatti, ora ridotto a cerchietto ...... e mi sembra, che Lei non sia sia candidato Silenzi .....
  • giggi

    24-07-2014 08:42 - #2
    se leggete la sentenza, il Tribunale ritiene che l'asite sia in grado di pagare il creditore ricorrente, se non erro per una somma di € 25.000, quindi rigetta l'stanza di fallimento; eh allora ?????????? cosa cambia questa sentenza sull'asite ???????? Perchè non portate in Tribunale, ops in Procura l'atto sottoscritto dall'asite con l'asia ambiente e poi saranno questi ultimi a pronunciarsi sullo stesso. Paura eh !!!!!!!!!
  • Stranotto

    23-07-2014 17:32 - #1
    E ADESSO I CANI KE ABBAIAVANO ALLA LUNA DIVENTERANNO + MANSUETI!?!?!?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications