Politica
La vendita della Sangiorgio Energie anima la discussione politica a Porto San Giorgio. Botta e risposta tra Forza Italia e l’assessore al Bilancio

L’acquirente del 49% della Sangiorgio Energie si conoscerà nella serata di martedì: alle 17.30 del 18 novembre prossimo, infatti, nella sala consiliare del Comune di Porto San Giorgio, ci sarà la seduta pubblica dei lavori della commissione di gara, durante la quale saranno aperte le buste contenenti l’offerta economica delle due società candidate a diventare soci della Sangiorgio. 

La vendita della Sangiorgio Energie anima la discussione politica a Porto San Giorgio. Botta e risposta tra Forza Italia e l’assessore al Bilancio

Nel frattempo la discussione resta, come noto, accesa. Dopo i dubbi di Agostini, arrivano quelli di Forza Italia che, per bocca del coordinatore cittadino, Francesco Pavoni, si chiede quali siano i veri motivi della vendita, definendola “frettolosa”. Non solo, in una nota, si comunica che, a seguito del “trasferimento di fondi da parte del governo (deroga al patto di stabilità n.d.r.) per permettere ai comuni di rientrare nel patto di stabilità […] il bilancio del comune non rischia più il tracollo”. F.I. si chiede poi quali siano le “cause di forza maggiore” e, se non quelle di sistemare il bilancio, “probabilmente i motivi sono altri e segretamente nascosti tra le mura del palazzo comunale”. Pavoni e il suo gruppo politico non sono convinti nemmeno del fatto che per la vendita non siano stati coinvolti i revisori dei conti e che per la valutazione si dia particolare peso alla progettazione tecnica, peso maggiore rispetto a quella economica. Tutto questo porta, secondo F.I., a far si che “i cittadini sangiorgesi oggi perdano una parte di società comunale importante che forniva al comune fino a 500.000 € di utili, ad un prezzo molto al di sotto del valore di mercato che, secondo noi, doveva essere almeno il doppio in relazione agli utili che la società crea”.

La risposta dell’amministrazione comunale arriva puntuale e l’assessore al Bilancio, Renato Bisonni, non tarda a commentare che vuole “mettere le cose in chiaro per evitare che i sangiorgesi credano e prendano come verità una bugia che viene ripetuta e reiterata”. L’assessore sottolinea che si tratta di una bugia perché nel bilancio comunale non c’è proprio traccia dell’introito di vendita della Sangiorgio e, parole sue, “ciò è supportato dal documento approvato dall’ultimo consiglio comunale (e dai revisori stessi), che ha votato un bilancio assolutamente in pareggio”. Tale somma, tuttavia, ci sarà presto e sarà votata dal prossimo consiglio comunale, previsto per il 27 novembre. Detto questo Bisonni, nel ricordare che la maggioranza ancora non ha deciso cosa fare con quei fondi, ha ribadito che lo Sblocca Italia, non ha dato maggiori soldi al comune, bensì “ci ha solo permesso di poter spendere quanto già avevamo allocato e quindi nelle nostre disponibilità. Se qualcosa non convince, si può sempre leggere il bilancio e portarlo, nel caso, alla Corte dei Conti”. Alla magistratura contabile, tuttavia, già ci è finito nelle scorse settimane, per mano di Agostini. L’assessore al bilancio conclude che, qualunque sia la decisione che sarà presa, i proventi della Sangiorgio “saranno utilizzati per un’opera di pubblica utilità per la città e non certo per risanare un bilancio che già di suo è in equilibrio e che ci rende un comune virtuoso”.

Letture:1626
Data pubblicazione : 15/11/2014 15:11
Scritto da : Chiara Morini
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • nello

    15-11-2014 22:35 - #1
    Ma ancora perdete tempo a replicare a Pavoni o Agostini. Abbandonateli al loro inutile destino ... costretti a vita a pettinare le bambole e girare i pollici
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications