Politica
Fermo. Il segretario del Circolo Fermo Est Sonia Marrozzini torna alla carica. Dopo Bagalini ora nel mirino finisce Paolo Nicolai. La resa dei conti interna? LEGGI LA NOTA INTEGRALE

Quando le acque sembravano ormai calme all'interno del PD fermano, a meno di una settimana dalle dimissioni tandem del sindaco Brambatti e del segretario comunale Manolo Bagalini, è la segretaria di circolo Fermo Est Sonia Marrozzini a riaccendere i riflettori (e le polemiche) all'interno del Partito Democratico fermano. La domanda a questo punto è d'obbligo. Che sia in atto una vera e propria resa dei conti interna? Dopo le dimissioni di Bagalini, il circolo Fermo Est si prepara a chiedere qualche altra testa? Un rilbatone interno che vede capofila proprio il circolo Fermo Est?

 Fermo. Il segretario del Circolo Fermo Est Sonia Marrozzini torna alla carica. Dopo Bagalini ora nel mirino finisce Paolo Nicolai.  La resa dei conti interna? LEGGI LA NOTA INTEGRALE

“Dalla conferenza stampa congiunta del Sindaco e del Segretario cittadino ancora non si hanno notizie, né ufficiali né ufficiose, circa la data di convocazione dell'Unione Comunale del PD – scrive la Morrozzini unico organismo deputato a decidere circa la ratifica delle dimissioni rassegnate dal Segretario e a comporre un quadro interno oggi complicato da resistenze che poco hanno a che fare con la politica e con il rilancio urgente del partito”.

Sonia Marrozzini che aggiunge: “Dopo quanto accaduto nel corso delle due ultime Unioni Comunali del 9 dicembre e del 19 gennaio, non si ritiene possibile tergiversare oltre. Il Partito Democratico di Fermo sarà chiamato nelle prossime settimane ad affrontare e superare diverse sfide decisive, sia in merito alla campagna elettorale cittadina, che sul piano regionale. Occorre allora, al più presto, ritrovare l'unità all'interno del partito. Unità che in occasione del congresso del 2013 venne consegnata in dono al Segretario Bagalini, come valore aggiunto e come precisa scelta politica di convergenza su quelle linee di mandato presentate dal candidato unitario (in cui chiaro ed inequivocabile era il sostegno all'Amministrazione in essere), che poi però non si sono tradotte in azioni politiche conseguenti. Si convenne che in quel modo il PD di Fermo sarebbe stato più forte, sia a Fermo città che in Provincia, anche in conseguenza della duplice veste di Manolo Bagalini: Segretario dell'Unione e consigliere comunale (già capogruppo). Purtroppo nessuno può negare che quel patrimonio è stato di fatto depauperato per effetto di errate valutazioni e scelte politiche”.
Da qui anche un riferimento al segretario provinciale Paolo Nicolai: “A partire da quanto accaduto in occasione delle ultime elezioni provinciali, dove prima il PD di Fermo rivendica con forza la doppia candidatura di due Consiglieri Comunali del PD, avendo i numeri per eleggerli, e poi fallisce platealmente l'obiettivo con la mancata elezione della Montanini e il quinto posto di Malvatani che ben avrebbe potuto essere il più votato, a tutto vantaggio di giochi provinciali in cui, nonostante il Segretario provinciale Nicolai sia di Fermo e sieda in Consiglio fino all'arrivo del Commissario prefettizio, Fermo ha fatto da comparsa e da bacino di attingimento per altri territori. Per non parlare del fatto che oggi, a seguito della caduta dell'Amministrazione, il PD di Fermo non avrà più alcun rappresentante nel consiglio provinciale per i prossimi 2 anni, in ragione della decadenza dello stesso Malvatani per quanto previsto dal decreto Delrio; oltre a perdere la Presidenza del C.A.L. Regionale, cui la Brambatti era stata da poco nominata. Anche per quanto riguarda lo scenario regionale il PD di Fermo sta scontando un grave ritardo. Nonostante i solleciti, infatti, il Segretario comunale dimissionario non ha mai convocato gli organismi per discutere della candidatura alle regionali per la nostra città, nel mentre tutti i territori della provincia sono da tempo in fermento. Tornando al locale, e guardando all’immediato futuro, vanno affrontati con credibilità i nodi delle alleanze e della individuazione del candidato Sindaco, con una certa urgenza, laddove, come da più parti auspicato, si decida di percorrere la via delle primarie, perché allora bisognerà anche predisporre un regolamento ed i tempi sono serratissimi. In questo contesto non è possibile sfuggire alle proprie chiare responsabilità politiche facendo melina”.

Marrozzini che conclude: “Il Partito Democratico di Fermo deve al più presto superare questa fase di marginalità, immobilismo e divisione, individuando una figura di sintesi capace ed autorevole, che traghetti il PD nella fase elettorale, restituendogli un’anima forte ed il giusto peso politico. Poi ci sarà tutto il tempo di sentire i circoli e ritornare a congresso”.

 

LEGGI LA NOTA INTEGRALE DI SONIA MARROZZINI

Letture:3724
Data pubblicazione : 27/01/2015 16:30
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
17 commenti presenti
  • Piero

    30-01-2015 07:46 - #17
    La Marozzini e' il braccio armato della Brambatti, fa fuori tutti gli ostacoli della Brambatti, che alla fine ritira le sue dimissioni, poi con il ricatto di un anno di commissario continuerà a fare il sindaco di Fermo per compiere gli ultimi misfatti, Solgas, Coop, ecc.
  • mendicante

    29-01-2015 10:35 - #16
    La Giunta è caduta per inefficienza e cialtroneria, per aver lottizzato le partecipate e per non aver fatto un lavoro discontinuo rispetto alla vecchia amministrazione. E per le scelte e le nomine sbagliate, che hanno portato all'allontanamento di due vicesindaci, ai rimpasti continui e agli avvisi di garanzia su questioni di questa amministrazione. In tutto questo il PD è il principale artefice dello sfascio, in combutta con SEL...
  • Claudio

    28-01-2015 19:11 - #15
    Se non avessero giocato con i destini politici della città, questi due giovani virgulti segretari (cittadino e provinciale) sarebbe da carezzarli come si fa con i bimbi piccoli che prima combinano casini e bischerate a più non posso e poi per allontanare le responsabilità chiamano a raccolta i loro amichetti per dire che la colpa è dell'uomo nero. La verità è che sono lì per un accidente storico, assolutamente inadeguati a ricoprire quei ruoli perché per fare certe porcate, bisogna avere ancora più sale in testa che fare buona politica. Invece di lagnarvi se qualcuno vi mette di fronte alle vostre responsabilità, dimostrate che avete capacità altrimenti fate il favore di tacere. Dare le dimissioni lo so, non è nel vostro carattere ma la decenza di dire io non so io non c'ero, per favore, dimostratela.
  • devastazione e saccheggio

    28-01-2015 18:56 - #14
    Le uniche cose che ha prodotto il pd. Grazie a Benni Buondonno e company che proposero la Brambatti sintaco
  • Loretta

    28-01-2015 18:29 - #13
    La Marrozzini in politica da una vita? ahahahah....senza i buondonniani nessuna divisione né nell'unione comunale né in provincia? ahahaha ...essu! O Bagalini e Nicolai, almeno abbiate la decenza di commentare le informazioni con i vostri veri nomi. Abbiate il coraggio delle vostre azioni
  • REALISMO

    28-01-2015 18:15 - #12
    davvero non si riesce a capire il motivo delle divisioni in casa pd quando la giunta, come ben dice il presidente vallasciani, è caduta per mancanza di numeri, per sel, per giulia torresi e per lanciotti e morroni. in tutto questo quali diavolo di colpe hanno i due segretari non si è ben capito
  • Marrozzini le divisioni le avete create voi buondonniani......

    28-01-2015 15:35 - #11
    .....da quale pulpito XD.....dovete ritirarvi, senza di voi nessuna divisione ne nell'unione comunale ne in provincia. :-)
  • sak

    28-01-2015 11:46 - #10
    originale il commento 3, copia il nick e copia il commento che ho fatto sulla caduta della Brambatti.
  • Alessandro

    28-01-2015 11:44 - #9
    Il grosso problema del partito democratico di Fermo è quello che non si fanno gli interessi della città, ma quelli di Porto Sant'Elpidio e degli elpidiensi che dir si voglia, perchè non metto in discussione che l'amministrazione Brambatti partita male è finita peggio, ma è STRANO che si sia voluto staccare la spina ora, con la possibilità di votare le comunali e le regionali insieme e per candidare Cesetti a sindaco per escluderlo dalle regionali. La spina se fosse stata staccata un anno fa, perchè nulla è cambiato in comune in un anno, credo che nessuno o quasi nessuno (a parte chi aveva la poltrona) avrebbe criticato o pensato male, ma così è talmente sfacciata e vergognosa la scelta fatta per altri scopi che non è possibile fare finta di nulla. Ai voglia a parlare di Sel, la Torresi, che non c'erano i numeri, la verità è che a Fermo contano gli elpidiensi e non i fermani.
  • La Marrozzini scrive quello che in molti pensano su Bagalini

    28-01-2015 10:51 - #8
    La Marrozzini ha solo la colpa di aver scritto su Bagalini quello che in molti pensano nel PD, non è statop in grado di grestire in maniera valida la segreteria. Adesso deve risponderne anche Nicolai, perchè è indubbio che è stato anche lui a fare da regista alla caduta della Brambatti, è evidente.
  • Ciao ciao

    28-01-2015 09:31 - #7
    O Marozzini stiamo cercando di spaccare il partito??? Ma dai è una vita che sei (male) in politica e non avete avuto il coraggio di staccare la spina alla brambatti...fortuna Bagalini! Ah...Peppino ti aspetta...passa a sel
  • Loredana

    27-01-2015 20:02 - #6
    Marrozzini: ma che P.....!!! Vuoi far correre un morto,lascia stare,riposati. Hai dimenticato il disastro fatto dalla Brambatti con l'avallo del Pd. Spiegami perchè Rossana Montanini è stata costretta a lasciare l'assessorato ? Forse la Alidori è più brava? E la Marchetti non aveva raggiunto gli obbiettivi fissati ,per caso Tomassini,il geometra,li ha raggiunti o lo sa coa sono gli obbiettivi? Allora Sonietta,piglietela con calma, non avere fretta,dimenticare quello che siete stati capaci di fare,in quattro anni,c'è voce lu tempu , tantu,ma tantu,tu non te lo poi immaginà..
  • marco

    27-01-2015 18:23 - #5
    Bagalini e Nicolai a casa!!! I giovani che a 30 anni ragionano come i vecchi volponi della politica non li vogliamo più! Trasferitevi a Porto Sant'Elpidio...(..)
  • Marrozzini uber alles

    27-01-2015 18:15 - #4
    Ohhhhh....finalmente qualcuno che dice le cose come stanno...e scrive pure in italiano. La serenità discende dall'autonomia di pensiero e della capacità patrimoniale.
  • sak

    27-01-2015 18:01 - #3
    Amen
  • Marrozzini stai serena!!!!!

    27-01-2015 17:25 - #2
    Certo che la Marrozzini (..). Non solo da come emerge dai giornali è stata la porta bandiera insieme all'Assessore Tomassini di chiedere le dimissioni del Segretario Bagalini che la città intera lo ringrazia vivamente di aver accettato, altrimenti la Sindaca nemmeno con lo zolfo la scollavano dalla sedia, adesso già si permette di dare giudizi e di sputare sentenze nei confronti del Segretario stesso. Marrozzini rilassati e quando un giorno ti candiderai potrai parlare. Per adesso rosica e per me Manolo Bagalini oltre ad essere un'ottima persona rappresenta il futuro della città. Forza Manolo non mollare, la Marrozzini lasciala con Colò, Mennò e Montanini.
  • Alfonso Gatti

    27-01-2015 16:49 - #1
    Povero PD tutto intento a contare le poltrone perse invece di discutere sulla inutilità politica delle poltrone occupate. Siete caduti in basso e questa nota testimonia la lontananza siderale tra voi i la popolazione e gli elettori. La vostra guerra interna risolvetela tra voi nei vostri circoli di freccette, la politica non è per voi, lo avete dimostrato a livello locale, regionale e nazionale. Un collante vi distingue, quanto più potere potete gestire più vi sentire immortali. Vi si può capire di idee pochine o nulle tutto il resto è poltrona. Quando la smetterete di essere un partito piccolo, piccolo e cominciate a ragionare guardando gli interessi della città. Pronostico per le prossime elezioni. 9/10% dei consensi è già una vittoria.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications