Politica
Fermo. Terremoto politico dentro Forza Italia. Si dimette la coordinatrice comunale Alessandra Iacopini. "Impostazione verticistica dei coordinatori provinciale e regionale" LEGGI LA LETTERA INTEGRALE

Un terremoto politico che investe Forza Italia e meno di due mesi dal voto per le comunali. E proprio nella scelta del candidato sindaco, e non solo, risiedono le motivazioni della decisione estrema. Con una lettera al vetriolo, inviata ai massimi vertici nazionali del partito, la coordinatrice comunale Alessandra Iacopini ha annunciato le sua dimissioni.  "Ho sempre creduto, e continuo a credere - scrive la Iacopini -  negli ideali di Forza Italia e ho davvero pensato, illudendomi, di poter contribuire al rinnovamento del partito e a costituire un gruppo affiatato e vincente per riportare i moderati a governare Fermo".

Fermo. Terremoto politico dentro Forza Italia. Si dimette la coordinatrice comunale Alessandra Iacopini.

"Circa un anno fa il coordinatore regionale di Forza Italia, Sen. Remigio Ceroni, mi ha nominata coordinatore comunale del partito a Fermo e da quel momento in poi ho sempre cercato di valorizzare le competenze e le energie degli iscritti per dare nuovo slancio al partito - scrive la Iacopini - In particolare, ho basato la mia attività sul coinvolgimento del coordinamento comunale e del gruppo consiliare e si sono ottenuti buoni risultati nell’attività di opposizione alla Giunta Brambatti, come è facilmente documentabile attraverso gli atti del consiglio comunale e gli interventi sugli organi di stampa. Con il tempo, però, mi sono accorta che la maggiore autonomia operativa del partito a Fermo, sempre portata avanti con un intento costruttivo, contrastava con l’impostazione verticistica dei coordinatori provinciale e regionale".

Alessandra Iacopini che non usa mezzi termini e che spiega:"Nonostante l’essere riusciti ad eleggere in consiglio provinciale un consigliere di Forza Italia di Fermo, sono stata lentamente scavalcata nelle mie funzioni, fino al punto di trovarmi sostituita di fatto  nelle trattative con le altre forze politiche per le elezioni comunali.  Vengo a sapere di riunioni interpartitiche solo dopo che si sono svolte e in cui Forza Italia è rappresentata da un semplice iscritto che, a quanto pare, gode della fiducia dei coordinatori Ceroni e Marcozzi".

Iacopini che aggiunge: "E pensare che questi ultimi hanno sempre, giustamente, preteso che ogni mia iniziativa venisse condivisa da tutto il partito. Paradossalmente, quando ho preso l’iniziativa di fissare un incontro con una lista civica con cui avevamo sempre collaborato, pur avendo preventivamente avvertito chi di dovere, sono stata richiamata - con mia sorpresa e disappunto - e a poche ore dall’incontro mi è stato comunicato, a differenza di quanto precedentemente concordato con il coordinatore regionale, che era stata costituita, a mia insaputa, una delegazione (composta da me, dal coordinatore provinciale – nonché candidata alle regionali- Marcozzi e da un iscritto) con il compito di gestire gli incontri prodromici alle elezioni amministrative. Proprio in questa occasione sono stata invitata a scegliere tra dimissioni e revoca se non mi fossi adeguata. Anche nella scelta del candidato sindaco è accaduto lo stesso; non ho avuto la possibilità di sostenere il parere espresso dalla maggioranza del coordinamento cittadino". 

Alessandra Iacopini che conclude: "Prendo atto che non ci sono più le condizioni per poter svolgere il mio ruolo con serenità e quindi mi dimetto da coordinatore comunale di Forza Italia di Fermo ed invierò la presente anche agli organi nazionali del partito, affinchè sappiano quello che sta accadendo. Ritengo doverosa questa comunicazione, in quanto ho sempre creduto, e continuo a credere, negli ideali di Forza Italia e ho davvero pensato, illudendomi, di poter contribuire al rinnovamento del partito e a costituire un gruppo affiatato e vincente per riportare i moderati a governare Fermo. Tutto questo da parte mia non rappresenta un’esigenza di visibilità o personalismo, né ha la finalità di danneggiare il partito, ma voglio solo rivendicare la mia coerenza e la mia dignità".

 

LEGGI LA LETTERA INTEGRALE 

Letture:4907
Data pubblicazione : 09/04/2015 14:15
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
15 commenti presenti
  • simone

    10-04-2015 13:24 - #15
    caro Pippo cambiare si può ma non da soli come pretenderesti tu! basta alle prossime politiche non votare Re Migio e alle regionali la Marcozzi!
  • papero fortunato

    10-04-2015 08:57 - #14
    Onore alla Iacopini perchè ha dimostrato coraggio e onestà intellettuale per dire pubblicamente cosa le è capitato. In nome della politica è possibile fare di tutto, è consentito di tutto, ma per la gente perbene questo non è accettabile come nel caso di Alessandra Iacopini.
  • giulianito

    09-04-2015 21:47 - #13
    A differenza di joe e della rutili che hanno contribuito con ceroni a distruggere fermo e ancora non gli basta, alessandra iacopini intelligente, priva di personalismi, schietta, pragmatica ed onesta al pari della di felice e' uscita a testa alta (.). Onore al merito per aver coerentemente operato nell'interesse della citta', lei e la di felice hanno fatto opposizione costruttiva quando joe giocava in prima base. Adesso ragazze non uscit dalla vita politica, candidatevi amche con catalini, ne guadagnera' la citta'e anche il malato cronico forza italia.
  • giorgio

    09-04-2015 20:37 - #12
    Questa ha partecipato a tutte le riunione da sola. Non hanno mai partecipato ne il responsabili regione ne quello provinciale ed ora buttano le colpe tutte su chi non ha messo bocca. Poi non si capisce di cosa si lamenti. Da qullo che so lei andava alle interpartitiche da sola e si lamenta che la sua linea non è passata. Boh.
  • pippo

    09-04-2015 19:23 - #11
    AH!!! E perché Forza Italia ha per caso degli ideali ??? Mi sorge nuova... Cara Iacopini sei stata un po ingenua... Ti sei arresa subito. Sai benissimo, o per lo meno avresti dovuto sapere, che in Italia la Politica è una brutta bestia. Se volevi cambiare le cose, dovevi resistere e rimanere dove eri, proprio perché solo da dentro puoi farlo. Comunque almeno sei stata coerente con te stessa, se è quello che pensi di loro, e se veramente "sei" quello che hai dichiarato.
  • Re Migio

    09-04-2015 17:52 - #10
    è una sfida esaltante, senza esclusione di colpi. Secondo me Re Migio sperava di far vincere gli altri a mani basse come al solito, ma stavolta ha trovato pane per i suoi denti perché il Pd non ne vuol sapere di vincere le elezioni a Fermo. i due contendenti si stanno sfidando all'arma bianca per sfasciare le coalizioni e regalare la città all'avversario. il pd dopo aver spedito a casa un sindaco perchè troppo rigido, in piena coerenza sceglie un militare e nel frattempo a sinistra spuntano candidati come funghi. Re Migio se la vede brutta perché a questo punto gli viene paura di vincere, ma è un professionista e non si fa spaventare. candida sindaco part time un medico che vive a san Giorgio, lavora a Camerino e insegna ad Ancona e che in comune forse riuscirebbe a passarci il sabato pomeriggio con gli uffici chiusi, manda in bestia tutta la base e fermo libera, gente che si era inghiottita persino la Rutili, non proprio persone che la buttano in cagnara alla prima occasione. difficile scegliere il migliore tra cotanto senno.
  • giggi

    09-04-2015 17:22 - #9
    Ma chi è che non sapeva che il senatore Remigio Ceroni non fosse il padre padrone di Forza Italia a Fermo? Perchè in passato era diverso? Altra domanda, chi è rimasto in Forza Italia a Fermo? Gli è rimasta solo la bandiera e il nome.
  • Catarino Cesà

    09-04-2015 17:11 - #8
    Smettiamola di fare della Iacopini una santa o peggio ancora una perseguitata. Quando ha accettato l'incarico sapeva bene che razza di gente governava Forza Italia nelle Marche, e l'aver presentato la Rutili anni fa doveva farle capire che lei, nel caso di consultazioni, non avrebbe contato nulla. Per cui ora è solo una che si è stufata di tenere il prosciutto davanti agli occhi, ma lo ha tenuto per un anno e non per soli due minuti.....queste dimissioni sono la classica tempesta in un bicchiere d'acqua, come fu chiamata da San Ceroni, ora San Ceroni la sostituirà facendola dimenticare ai suoi stessi iscritti....
  • joe

    09-04-2015 16:23 - #7
    scusate ma entrare in forza italia (.)....non è un po' da ingenui pensare che in un anno si poteva cambiare qualcosa? il coordinatore regionale è il detentore del simbolo, si possono fare tutte le chiacchiere che si vogliono, ci sono illustri politici onesti di area centrodestra che sono usciti o mai entrati in forza italia da prima che si entrasse nell'euro per i motivi addetti dalla iacopini. Non mi sento di condividere la lettera perché da un avvocato tutta questa ingenuità si registra solo come mancanza di esperienza politica nello sviluppo degli eventi, ed il fatto di possedere la carica di segretario comunale, da neosimpatizzante, la dice tutta, sul fatto che ci si è fatti scaricare la responsabilità di scelte cadute dall'alto, ora la responsabilità, perché non siamo più bambini, uno deve portarsela addosso e non "portarsi via la palla da calcio" ed impedire che si giochi la partita perché non è andata come si pensava. La politica è l'arte del compromesso e fare una sfuriata pubblica del genere serve solo ad indebolire l'intera compagine di centrodestra. Complimenti, se questa doveva essere la nuova classe dirigente di forza italia, molto meglio la vecchia. La politica non è per tutti, gli ardori giovanili troppo spesso vanno a sbattere con la vita vera.
  • una bella mazzata

    09-04-2015 16:07 - #6
    In tanti lo pensavano, alcuni lo sussurravano, la Iacopini l'ha gridato, brava Alessandra che hai avuto il coraggio di rendere pubbliche le vicende di Forza Italia o di quel poco o niente rimasto.
  • giovanna

    09-04-2015 15:59 - #5
    Alessandra ha tutto il mio sostegno basta con questi individui che hanno sempre operato non per il bene (.)della forza politica che rappresentavano e dai risultati si vede! la politica ha bisogno di persone serie come lei!
  • resistenza

    09-04-2015 15:42 - #4
    Meno male che ti sei accorta in tempo! Ora godi questa tua libertà e riprenditi la tua dignità, vai avanti spinta dai tuoi ideali e dalla tua coerenza, scegli bene i tuoi prossimi compagni di viaggio.Ma continua a fare politica: c'è bisogno di gente sana.
  • Alessandro C.

    09-04-2015 15:40 - #3
    Alessandra Iacopini è stato l'unico interlocutore dignitoso dentro Forza Italia e ora che se ne va cosa rimarrà? Nessuno di quelli che attualmente orbitano intorno al partito locale sono presentabili! Non voglio fare l'elenco ma quando uscirà la lista ci daremo risposta. Il Dott. Catalini si presta ad un gioco regionale inutile, perché l'esito sarà scontato e quindi il centro destra sconfitto. Inutile dire che le brave persone smetteranno di fare politica e la democrazia rimarrà strumento e mezzo di pochi spietati individui.
  • Il Vecchio Oligarca

    09-04-2015 14:58 - #2
    Una persona coerente nello squallore generale della politica fermana. Di fronte ai trasformismi, agli intrighi, alle scelte opache della sinistra e della destra, Alessandra Iacopini dimostra coraggio e dignità. Speriamo che continui a fare politica in un centro destra senza più principi e cortigiane.
  • betta

    09-04-2015 14:30 - #1
    finalmente la verità esce ....complimenti x il coraggio e la coerenza!!! tutti devono sapere chi sono questi personaggi che tengono questo territorio immobile da anni
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications