Politica
Il Senatore Verducci a Strasburgo: ”Il Mediterraneo è mare europeo non italiano o greco! Si stia tutti sulla stessa barca per evitare che affondi!”

Il Consiglio d’Europa è al lavoro in questi giorni sul tema della immigrazione e del Mediterraneo. In rappresentanza del fermano e non solo, il Senatore Francesco Verducci. Dal suo profilo facebook, leggiamo dichiarazioni assolutamente condivisibili: “Chiediamo che l'Europa non perda più neanche un giorno. Che apra gli occhi e agisca. Che affronti con una politica comune il disastro umanitario che si infiamma sempre più. C'è un vuoto di potere insostenibile in Libia, in Somalia e in molte altre regioni che destabilizza l'intero Mediterraneo. Le mafie internazionali ne approfittano e lucrano sul grande affare del traffico dei migranti...

Il Senatore Verducci a Strasburgo: ”Il Mediterraneo è mare europeo non italiano o greco! Si stia tutti sulla stessa barca per evitare che affondi!”

...Persone disperate che provano a mettersi in salvo dal terrorismo e dalla guerra finiscono prede di schiavisti che li portano a morire in mare dopo averli derubati di tutto. L'Europa, in crisi economica e sociale, che fa i conti con la disoccupazione e la sfiducia, non se la caverà aspettando che la tempesta passi. Al contrario: solo l'intervento deciso, solo la convocazione urgente di una conferenza internazionale sul Mediterraneo che prenda decisioni comuni e stringenti siglate tra Europa e Africa, potrà risolvere la crisi. In queste ore, l'Europa decide il suo futuro. Ma senza il Mediterraneo, l'Europa non esisterebbe più.”.
Il Senatore Verducci, pubblica foto di migranti del passato che sono esposte davanti l’aula del Consiglio d’Europa e così commenta: ”Oggi si fugge non più per cercare lavoro, ma per mettersi in salvo dalla guerra e dal terrorismo. Oggi vieni ucciso per la tua religione, per il tuo modo di vivere e allora provi ad attraversare il mare per raggiungere l'Europa. Attraversi paesi devastati, subisci violenze e soprusi. Poi arrivi sulla costa. Paghi tutto quello che hai per la traversata e vieni fatto schiavo da organizzazioni criminali locali in combutta con le mafie nostrane che hanno capito quanto il traffico di migranti renda più della droga. Sei mandato a morire nel Mediterraneo. Spesso hai con te le persone a cui vuoi bene, che hai fatto di tutto per salvare, ma non puoi più difenderle. Se riesci a sbarcare ancora vivo, c'è un regolamento europeo che ti impedisce di lasciare il posto di arrivo, di muoverti, contravvenendo i tuoi diritti, la possibilità di ricongiungerti con la tua comunità. Un regolamento che scarica sui paesi di frontiera, come l'Italia e Grecia, tutto lo sforzo del salvataggio e dell'accoglienza. Cambiare Dublino III (così si chiama il regolamento) è il provvedimento più urgente, per dimostrare che l'Europa esiste tutta intera, che il Mediterraneo è mare europeo, non italiano o greco. In Consiglio d'Europa abbiamo sollecitato la sua revisione. Ma è la riunione straordinaria dei governi europei, domani, che può cambiare le cose. Si deve decidere. Decidere di modificare Dublino III significa solidarietà tra tutti i paesi nell'affrontare la catastrofe umanitaria. Significa stare tutti sulla stessa barca, per impedire che affondi.”-.
E noi non possiamo che augurarci che qualcosa in tal senso si faccia.

Letture:1674
Data pubblicazione : 22/04/2015 08:44
Scritto da : Nunzia Eleuteri
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Sfroos

    22-04-2015 13:24 - #2
    le organizzazioni criminali hanno capito che il traffico di migranti rende più della droga? abbiamo finalmente realizzato che cooperative e compagnia bella sono organizzazioni criminali? verducci, perchè non ti preoccupi dei nostri problemi legati all'alluvione invece di andare a passeggio per l'europa (.)? dubito infatti che qualcuno t'abbia chiesto un parere, immagino ci siano già degli esperti in materia...
  • Catarino Cesà

    22-04-2015 12:26 - #1
    (.)Il Mediterraneo non è di nessuno se si parla di singoli popoli o nazioni, è un mare interno che riguarda, da millenni, TRE continenti, (l'Asia ce la vogliamo dimenticare perchè non ci conviene?),e non un paio di statarelli che hanno vista frontemare. Per cui certe propagande pseudo elettorali, in cui si enunciano tante belle parole ma nessuna proposta concreta, tipico di un modus operandi da mezze figure della politica Italiana, parole e proclami buoni ogni volta che ci sia un massacro, il Senatore Verducci se le potrebbe risparmiare, perchè farebbe bene alle nostre pupille e anche per il decoro della sua (.)intelligenza. I migranti e i loro drammi non si risolvono con due dichiarazioni stampa, ne con una dichiarazione alla Stampa tanto per non farsi dimenticare, ma con la consapevolezza che la prima cosa da fare sia ristabilire la verità e non dire che il Mediterraneo sia un mare senza il quale non esiste l'Europa, perchè se così fosse allora l'Europa non esiste già da secoli, mentre riguarda tre continenti, oppure vogliamo dimenticarci che i Fenici venivano da est, da terre che sono definite Asiatiche, anche se minori?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications