Politica
"Fermo non è più ferma". L'assessore Torresi invita i cittadini a una domenica ricca di eventi

"Fermo non è più ferma. E’ questo lo slogan che l’amministrazione vuole lanciare in maniera forte ai Fermani e a tutti quelli che auspicano e vogliono la rinascita di questa città. Appuntamento in piazza, vediamoci in piazza , la piazza di Fermo, la piazza dei fermani, la piazza del Popolo fermano, qualcosa ci sarà"

"E’ questo l’invito che rivolgo ai cittadini - dichiara l’assessore al commercio Mauro Torresi - proponendo per domani non una festa a tema vera e propria, ma dei piccoli eventi in attesa e in preparazione del 15 novembre giornata in cui tutti saranno invitati in piazza per una castagnata gratuita, per l’assaggio dell’olio nuovo dei vari oleifici fermani e l’attribuzione del premio “ San Martino d’Oro” , evento in collaborazione con l’associazione Armonicamente conferito all’eccellenza enologica fermana che verrà lanciato a brevissimo. All’interno del pomeriggio di Domenica prossima troveremo degustazione di oli , musica celtica con gli Irish Five , e divertimento per bambini. Alle 18 avremo un convegno molto importante al caffe’ letterario dal titolo “ antichi paesaggi fermani. Ulivi, viti e fellaccia’.Il famigerato olio “di marchia” relatori del convegno lo storico Walter Scotucci e l’Antropologo Giacomo Recchioni. Per gli amanti del settore alle piccole cisterne abbiamo anche una mostra di Bonsai. Fermo non è più ferma"

Letture:2880
Data pubblicazione : 24/10/2015 08:37
Scritto da : Mauro Torresi
Commenti dei lettori
8 commenti presenti
  • giorgio

    26-10-2015 21:03 - #8
    Per massimo ciccola: ma che stai a di? Se uno non va in piazza e' colpa delle opere compensative ovvero marciapiedi, asfalti, parcheggi, aree verdi? In piazza uno ci va se c'e' qualcosa di interessante e non per le belle facce dei negozianti che hanno trasformato piazza in un magazzino di sedie, ombrelloni, statue, vasi, frigoriferi alla faccia del DECORO E DECENZA CHE A FERMO SONO PAROLE SCONOSCIUTE.
  • Sandro

    26-10-2015 19:51 - #7
    Mi associo al Sig. Tonino. Leggo spesso questi commenti disfattisti del Sig. Mendicante. Lei che si mette sempre su un piedistallo a giudicare tutto e tutti cosa ha fatto realmente per Fermo? Troppo facile sedersi e scrivere su una tastiera!
  • Domenico Mestichelli

    26-10-2015 15:58 - #6
    Piazza ieri era veramente piena come un tempo, possiamo discutere quanto volete il sunto non cambia Piazza era piena ieri, nonostante San Crispino, nonostante la Festa della Castagna a Montemonaco Piazza era piena.
  • Tonino

    26-10-2015 12:32 - #5
    Invece, mendicante, bisognerebbe assimilare il territorio fermano con Viale Ciccolungo , allora sì.....Che ottusità non capire che il cuore della città si identifica con la città. Mica perché la periferia ( che poi, parlare di periferia a Fermo fa pure ridere, tanto è piccola Fermo ) debba essere trascurata nei marciapiedi ecc, ma perché un centro vivo vuol dire una città viva. Cioè, è una questione di vivibilità, di socializzazione, di uscita dall' individualismo.
  • joe

    26-10-2015 11:45 - #4
    per quanto siano apprezzabili gli sforzi, allacciandomi all'intervento del sig.Ciccola, aggiungo che la società non è la stessa di 20-30 anni fa. Ora le coppie lavorano a ritmi più incessanti, quasi sempre ambedue i coniugi/genitori, onde il finesettimana resta l'unico momento in cui ci si possa recare a fare la spesa per la settimana successiva. Tutto ciò è molto triste ma è la realtà: la gente non ha più tempo per respirare, a meno che non ci si possa permettere un aiuto in casa i problemi delle giovani famiglie sono questi, volenti o nolenti. Aggiungo che una chiesa e dei sindacati che vorrebbero chiuse queste attività di domenica comprovano il distacco di essi dalla realtà quotidiana che vivono la maggior parte di noi: la chiesa perché non vive il nucleo famiglia, i sindacati per tornaconto personale.
  • Massimo Ciccola

    26-10-2015 09:26 - #3
    MMha. Così non va. Fermo ha avuto un weekend ricco di proposte varie. Non di quelle che richiamano il pienone, ma comunque significativo. Io ho partecipato ad una di queste sabato pomeriggio. La nota triste e un po' il centro del discorso, è stata l'assenza di persone nella piazza centrale del paese. Questo il nodo. Non è di facile soluzione, perché è il risultato di 20 anni, ormai 30, di cattiva educazione degli individui e quindi della società. Si sono spostati gli interessi economici nelle periferie. Per dire, un centro commerciale con i negozi aperti di domenica, significa spostare i flussi verso quel centro commerciale; Opere compensative che sono state spese per rotatorie e parcheggi o barriere per fermare il mare, ad uso e consumo esclusivo della parte privata, non portano a investimenti per la città in generale. Oppure il cinema, di cui ricordo le discussioni sulle autorizzazioni. Il cinema oggi deve avere una struttura multisala per essere conveniente, d'accordo. C'è da capire perché la collettività si deve fare carico di opere che favoriscono solo il privato. La città è fatta inevitabilmente di periferie, e la dimensione di paesello di Fermo non esiste più. Per fortuna. Forse allora, quello che bisogna ricostruire è la dimensione sociale della città. Fornire cioè luoghi di incontro più che occasioni sporadiche. Il luogo, il topos, rimane. La birreria delle logge che rimane a perta fino a tardi, si sa che c'è. Tutti gli altri locali che chiudono alle 21.00, si sa che non ci sono. E non vado in un posto che non c'è. Benvenuto Buschi. Ma la politica deve dare altre risposte. Approvare affitti convenzionati per piccole attività artigianali, per esempio, dare la concessione gratuita degli locali comunali in disuso. Pretendere spese compensative serie per le opere edilizie. Non dare concessioni che favoriscano apertamente il privato piuttosto c he la collettività. Saluti.
  • mendicante

    24-10-2015 13:23 - #2
    Ancora con l'assimilazione tra il territorio Fermano e la singola Piazza di Fermo. Bah!
  • sandro

    24-10-2015 12:38 - #1
    Caro Assessore speriamo che per questi eventi anche i disabili abbiamo accesso in prossimità della piazza, noi ci contiamo faccia il suo dovere e soprattutto come si definisce questa nuova amministrazione faccia vedere qual'è il peso della vostra sensibilta' Noi controlliamo !! Grazie per la collaborazione.....speriamo
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications