Politica
“Fermo città di cultura. Chi si trova ad amministrare oggi la città sembra non crederci”. La denuncia di Io Scelgo Fermo: dalle opere di Trotti alle erbacce a Torre di Palme. GUARDA LE FOTO

“Fermo è una città di storia e di cultura. E’ una città che dal suo patrimonio storico e culturale potrebbe ricavare occasione di migliori risorse sociali ed economiche. Chi si trova ad amministrare oggi la città sembra non crederci, o se lo fa perché sollecitato, lo fa solo a parole”. Il gruppo consiliare di Io Scelgo Fermo torna ad attaccare la gestione culturale e turistica della città di Fermo. Si torna a parlare delle opere donate dal Maestro Trotti e delle erbacce a Torre di Palme con tanto di documentazione fotografica.

“Fermo città di cultura.  Chi si trova ad amministrare oggi la città sembra non crederci”. La denuncia di Io Scelgo Fermo: dalle opere di Trotti alle erbacce a Torre di Palme. GUARDA LE FOTO

“Quelle stesse parole con le quali – scrive il gruppo di Io Scelgo Fermo - ad esempio, l’Assessore Trasatti ha voluto rispondere nei giorni scorsi al consigliere Sonia Marrozzini che gli aveva giustamente fatto notare la grave trascuratezza evidenziata per la realizzazione del museo che dovrebbe accogliere le oltre cento opere donate dal Maestro Trotti alla città di Fermo. Un’occasione irripetibile che in altri luoghi, amministratori dotati di minimo raziocinio non si farebbero scappare per nessun motivo al mondo. Invece, a Fermo, i locali che erano già stati destinati per l’esposizione delle opere, sull’onda dell’entusiasmo elettorale, sono stati destinati ad altro. Ora, l’Assessore Trasatti, tentando di rimediare allo scempio, ci viene a raccontare che lui e la sua Giunta sono alla ricerca di nuove allocazioni adeguate al prestigio delle opere e dell’Artista. E’ evidente il pressapochismo e la triste pochezza”.
Io Scelgo Fermo che aggiunge: “Al di là del valore del patrimonio donato e dell’occasione che si rischia di disperdere, Trasatti sembra non tenere conto del rispetto dovuto al Maestro Trotti, alla sua generosità ed al suo amore per la città. Rispetto che non può prescindere dall’attenzione e dalla cura dei più piccoli particolari relativi al rapporto instaurato con lo stesso Artista. Con un gesto che trasuda presunzione, oggi ci viene a dire che lui sta valutando soluzioni logistiche alternative, ma lo fa senza nessun preventivo coinvolgimento dello stesso Maestro, al quale invece è stata riservata l’amarezza, se non l’umiliazione, connessa alla disattenzione riservatagli. Converrà l’Assessore che un simile atteggiamento potrebbe ingenerare, in chiunque venisse trattato in tal modo, la sensazione di una minore considerazione o comunque di un minor gradimento. Il tutto aggravato dal fatto che si tratta di un artista di livello internazionale che spontaneamente aveva intenzione di donare qualcosa di straordinario alla città. Sono aspetti che un amministratore di una città importante non può trascurare, soprattutto se al cospetto di personalità del livello pari al Maestro Trotti. Facendo appello alla sua sensibilità, invito l’Assessore Trasatti a scusarsi pubblicamente con il Maestro, anche se ora lo stesso non potrà ascoltarlo personalmente, visti i suoi impegni internazionali, in contesti dove nessuno si sognerebbe di riservargli un trattamento simile a quello che gli è stato riservato a Fermo”.

Riferimento che va poi al borgo di Torre di Palme: “Emblematico della disattenzione per la cultura e per gli aspetti connessi allo sviluppo della città, ad esempio, risulta ancora quanto accaduto domenica mattina in quel di Torre di Palme, dove un gruppo di turisti, per raggiungere un luogo di maggior richiamo, ovvero la torretta di avvistamento, ha dovuto farsi largo tra le erbacce e la fitta vegetazione la cui cura è abbandonata da mesi. Persino la vista del panorama è impedita dalla presenza dei canneti (vedasi foto) che hanno oltrepassato la torretta. Il gruppo di turisti, che non ha esitato a manifestare la propria delusione con gli abitanti del luogo, ha fatto molte foto dello stato degrado, portando con sé un ricordo distorto della nostra città e dei suoi monumenti. L’Assessore Trasatti parla di attrazione del centro storico e di aggregazione, riferendosi alle sagre ed alle feste estive in Piazza, ma dovrebbe forse fare una riflessione sull’enorme sperpero di denaro pubblico sostenuto dall’ente per questo tipo di manifestazioni, soprattutto attraverso la SOLGAS, fatta assurgere a Bancomat del Comune (su questo ne parleremo nei prossimi giorni). Forse una diversa concezione della città, meno Fermo centrica che guardi anche alle diverse frazioni, abbinata ad un criterio razionale della spesa pubblica porterebbe a valorizzare – e soprattutto pulire!!! – luoghi di cultura e di grande attrazione turistica”.

Letture:2909
Data pubblicazione : 28/10/2015 12:52
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
6 commenti presenti
  • Carlo

    29-10-2015 16:28 - #6
    In pratica la colpa è della Brambatti che fa crescere le erbacce in tutta Fermo... bisognerebbe cacciarla dalla guida del Comune...
  • luigi

    29-10-2015 11:38 - #5
    ma zacheo non era il paladino della legalità? avrei giurato che fosse riuscito a tenere un profilo alto dell'opposizione (.)
  • Matteo Silenzi

    28-10-2015 23:47 - #4
    Vorrei ricordare a Fabio Petrini che lo stesso assessore Mauro Torresi, allora Consigliere Comunale, riconobbe l'ottimo lavoro di pulizia e cura del verde realizzato a Torre di Palme per l'estate 2014. E' l'unico anno intero del quale posso dare conto, e attribuisco il merito di quell'ottimo lavoro agli uffici e agli addetti comunali. A volte la più efficace amministrazione consiste nel mettere i dipendenti in condizione di lavorare al meglio, valorizzando le loro competenze e la loro esperienza. E' quello che si è cercato di fare, e nel 2014 i frutti si sono visti.
  • Orlando

    28-10-2015 18:47 - #3
    Leggere queste parole mi fa capire quanto sia basso il livello politico della sinistra (!) fermana. Una forza politica che ha governato fino a pochi mesi fa la nostra città portandola ad un degrado ambientale mai raggiunto prima, mette in evidenza l'erbacce di Torre di Palme! Negli anni del governo Brambatti avete ridotto le rotonde in un cumulo di erbacce, le cinta murarie coperte di verde, le isole ecologiche sporche e ricettacolo di animali, il Girfalco completamente abbandonato (dal balcone non si ammirava pio' il panorama), le vie del centro storico piene di escrementi di piccioni e di cani. E' notorio che i politici hanno una memoria corta, ma questa volta si è esagerato. Riguardo all'attenzione per la cultura, credo che in questi pochi mesi si siano mosse più energie di quante espresse negli anni precedenti, la politica del tutto e subito non fa parte della realtà dell'uomo che solo muovendosi per piccoli passi ma in maniera continua e costruttiva puo' raggiungere dei risultati. Il Consigliere,sottolineando la contrarietà ad una politica Fermo-centrica a favore delle periferie e delle frazioni contraddice palesemente quanto portato avanti nel corso della precedente amministrazione che è stata coerente nel desertificare il centro storico e abbandonare completamente tutte le frazioni cittadine (vedi Lido e Casabianca). I miei amici romani avrebbero chiosato con un laconico: e nun ce vonno sta! e le esternazioni sempre polemiche e mai costruttive di chi è uscito sonoramente sconfitto dalle ultime amministrative testimoniano che i fermani stavolta hanno avuto, al contrario di voi, buona memoria
  • Fabio Petrini

    28-10-2015 17:11 - #2
    Il gruppo Io scelgo Fermo nelle ultime elezioni comunali è stato alleato del PD. Oggi critica l'amministrazione Calcinaro per il mancato taglio delle erbacce a Torre di Palme. Vorrei ricordare che durante l'amministrazione Brambatti a guida PD erano tante le lamentele dei cittadini proprio per le erbacce.
  • Carlo

    28-10-2015 15:43 - #1
    Per il recupero del teatro romano (quello visibile, in via del Teatro Antico), manca da restaurare un pezzettino piccolo, lo facciamo? Ma Fonte Vecchio, non doveva diventare Museo archeologico... la collezione archeologica fermana non ha né un catalogo (esposta ai furti o dispersioni) né una collocazione (non bastano 3 stanze al Palazzo dei Priori)... credo che l'archeologia sia la cosa più urgente da sistemare...
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications