Politica
Situazione Banca Marche. Mozione del Movimento 5 Stelle: "Salvaguardare gli azionisti"

La crisi di Banca Marche e le recenti decisioni adottate dal Governo e dalla Banca d'Italia, al centro di una mozione sottoscritta dal Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle della regione Marche. La mozione impegna la Giunta ad esigere, in sede di conversione del Decreto Legge 183/2015, un immediato ripensamento ed una modifica del provvedimento che "salvaguardi gli interessi degli azionisti e degli obbligazionisti subordinati, permettendo loro di rientrare almeno parzialmente dalle perdite, ad esempio tramite partecipazioni nella nuova banca e/o nella bad bank".

Situazione Banca Marche. Mozione del  Movimento 5 Stelle:

Nella mozione, sottoscritta dai consiglieri regionali 5 Stelle Gianni Maggi, Sandro Bisonni, Piergiorgio Fabbri, Peppe Giorgini, Romina Pergolesi, si chiede altresì alla Giunta Ceriscioli di valutare la possibilità di un'impugnazione del decreto in questione presso la Corte Costituzionale; di farsi parte attiva per un'azione collettiva; di costituirsi parte civile, ove ne ricorrano le condizioni, nei procedimento giudiziari in corso.

Dopo un dettagliato excursus sulla situazione venutasi a determinare e sulle problematiche legate alla creazione, attraverso il decreto governativo, di quattro nuove "banche – ponte", il Movimento 5 Stelle evidenzia, inoltre, che la Banca d'Italia ha: "Ingiustamente calpestato il diritto degli azionisti e degli obbligazionisti escludendoli inspiegabilmente dalla partecipazione ai possibili guadagni, determinati dal recupero dei crediti tramite la bad bank o tramite un'ulteriore società a cui la stessa bad bank potrebbe vendere tali crediti in sofferenza. Alla luce di quanto accaduto, non è difficile ipotizzare che potrebbero essere attivati numerosissimi ricorsi, in quanto i possessori dei titoli azzerati potrebbero lamentare di essere stati penalizzati e decidere quindi di agire giudizialmente per essere indennizzati e per recuperare almeno una parte del loro investimento".

Letture:3165
Data pubblicazione : 01/12/2015 09:46
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications