Politica
“Il Pd si fa paladino dell’abolizione del finanziamento ai gruppi consiliari? Forza Italia non incassa i contributi dall’inizio della legislatura. E lo fa senza cercare la luce dei riflettori”

“Bravo il Pd, peccato che ancora una volta arrivi in ritardo rispetto a Forza Italia e trasformi una decisione doverosa in una medaglia da appendersi al petto con tanto di conferenza stampa. Noi, infatti, abbiamo deciso di rinunciare ai finanziamenti concessi al nostro gruppo consiliare fin dall’inizio del mandato elettorale.

“Il Pd si fa paladino dell’abolizione del finanziamento ai gruppi consiliari? Forza Italia non incassa i contributi dall’inizio della legislatura. E lo fa senza cercare la luce dei riflettori”

Io stessa ho inserito l’argomento in questione nel mio programma elettorale. E così è stato. Abbiamo anche da tempo chiesto di destinare quei contributi al sociale ma purtroppo non è normativamente possibile. Si apprende, invece, che il Partito democratico si è riunito in conferenza stampa per presentare la sua proposta di legge per abolire i finanziamenti ai gruppi consiliari regionali. Si ergono a paladini del risparmio dei costi della politica sostenendo che, mentre altri chiacchierano, loro producono atti concreti. Parlano di rimodulare e ripensare le modalità di finanziamento della politica e i necessari costi della democrazia perché l’attuale impianto normativo non è affidabile. Incertezza normativa derivante dalla legge regionale 34 del 1988 che regola il finanziamento e i contributi ai gruppi consiliari che il Pd pensa di sanare portando alla ribalta delle cronache regionali la decisione di rivedere la norma. Non si parla però nello specifico di rinunce totali ma solo di poter disporre di risorse adeguate. Peccato che i paladini del risparmio si dimenticano di dire, quando invece correttezza istituzionale lo imporrebbe, che in Assemblea legislativa c’è chi già dall’inizio della vigente legislatura ha deciso di rinunciare a quei contributi. E questa è Forza Italia che, però, a differenza del Partito democratico, ha detto “no grazie” ai finanziamenti disponibili per il proprio gruppo consiliare senza farsene vanto dinanzi ai cittadini. Un chiaro segnale del fatto che Forza Italia ha davvero fatto propria la condotta virtuosa secondo cui non è più solo opportuno ma addirittura naturale e doveroso invertire radicalmente la rotta rispetto a quella politica che da troppi anni pesa sulle spalle dei cittadini. Ora comunque è arrivato anche il Pd, meglio tardi che mai, passiamogli anche la smania da riflettori. L’importante è che a trasparenza, coerenza, responsabilità e serietà, si aggiungano negli esponenti del Pd, l’operatività e l’ottimizzazione dei lavori consiliari. Ma non accetto che il Pd, con un’autoreferenzialità tutt’altro che opportuna, sostenga di essere l’unico soggetto capace di produrre concreta innovazione politica. Caro Pd, questa volta siete arrivati anche voi. Forza Italia non è altra cosa rispetto ai cittadini di cui si cercano applausi e consensi, Forza Italia, da sempre, è per e tra i cittadini”.

Letture:4343
Data pubblicazione : 05/12/2015 04:35
Scritto da : Il Consigliere Capogruppo FI Regione Marche, Jessica Marcozzi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications