Politica
Io Scelgo Fermo annuncia un emendamento al progetto di scissione della Solgas: “Il Consiglio Comunale e la Comunità debbono sapere a cosa si va incontro"

Il Gruppo Consigliare “Io Scelgo Fermo”, attraverso i consiglieri Pasquale Zacheo e Domenico Durso, proporranno nella seduta consigliare di questa sera, un emendamento riguardante la proposta di scissione della Solgas, per la realizzazione di una nuova società immobiliare che possa gestire gli immobili della stessa Solgas. “Il progetto proposto dalla Giunta – spiegano - evidenzia palesi contraddizioni e paradossi. Una contraddittorietà amministrativa che rischia di pregiudicare il proposito, certamente condivisibile, della cessione di una quota minoritaria della società preposta alla vendita del gas”.

Io Scelgo Fermo annuncia un emendamento al progetto di scissione della Solgas: “Il Consiglio Comunale e la Comunità debbono sapere a cosa si va incontro

“L’operazione della vendita – spiega il gruppo consiliare Io Scelgo Fermo - è strategica e fondamentale per le precarie condizioni di bilancio dell’Ente. Si tratta di un’operazione che i Comuni di Monte Urano e Porto San Giorgio hanno saputo portare a termine con rilevanti benefici finanziari per i loro bilanci. Il Comune di Fermo, invece, rischia di partire male e fallire clamorosamente un’operazione di vitale rilevanza, addirittura creando le condizioni di ulteriore appesantimento economico per il proprio bilancio. Occorre evitare strascichi di eventuale contenzioso e, soprattutto, condizioni di favore per i possibili appetiti di speculatori interessati all’affare. Occorre pertanto essere in linea con la legge e chiari sin da subito. La Giunta deve sapersi muovere, il Consiglio Comunale e la Comunità debbono sapere a cosa si va incontro, quali sono le reali condizioni di preparazione dell’importante operazione finanziaria.”

Consiglieri di Io Scelgo Fermo che entrano nel dettaglio: “Parte bene la Giunta nelle sue premesse di proposta al Consiglio, affermando che il progetto “è perfettamente in linea con quanto disposto dal comma 611 dell’art.1 della legge 190/2014”, che prevede un “processo di razionalizzazione” della spesa pubblica attraverso “l’eliminazione delle partecipazioni in società che svolgono attività analoghe o similari”, poi invece scade nella contraddizione e nel paradosso, proponendo la costituzione di una società immobiliare che nel suo statuto ha come ragione sociale la “la gestione di impianti di smaltimento, trattamento e recupero rifiuti e delle attività a questi connesse… La progettazione, costruzione, manutenzione, adeguamento, organizzazione e riordino di impianti di raccolta, smaltimento, trattamento e recupero rifiuti complementari e comunque connessi, per conto proprio e di terzi”. Ma per i rifiuti e la discarica non è già preposta l’ASITE? perché dunque una società gemella all’ASITE? la legge a cui ci si voleva ispirare non parla invece di eliminazione di società gemelle? cosa c’entrano i rifiuti con la gestione degli immobili? Si sta preparando forse qualcos’altro? Forse un ennesimo contenitore di costi per le casse comunali? forse le condizioni di agevolazione per la cessione a terzi privati? Domande a cui il Sindaco e la Giunta debbono rispondere. Occorrono trasparenza e competenza. Sarebbe un colpo mortale alla città l’eventuale fallimento dell’operazione finanziaria connessa alla SOLGAS. Occorre far capire quali sono gli interessi sottesi, che ovviamente debbono essere solo quelli coincidenti con il bene delle comunità. Il gruppo consigliare “Io Scelgo Fermo”, ritenendo soprattutto che gli atti pubblici debbano informarsi correttamente ai criteri di trasparenza e alle leggi che governano il corretto funzionamento delle Amministrazioni Pubbliche, proporranno un emendamento al nuovo statuto, volto ad eliminare dall’oggetto sociale della costituenda società immobiliare quelle attività che nulla hanno a che fare con la gestione degli immobili, che peraltro sono già svolte dall’altra società comunale ASITE”.

Letture:2212
Data pubblicazione : 02/02/2016 17:57
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
5 commenti presenti
  • Claudio

    03-02-2016 11:37 - #5
    Non è un errore ma una volonta di rimpinguare il patrimonio dell'ASITE con i fabbricati della SOLGAS, altrimenti in comune sono diventati folli. L'ASITE comunque sempre al centro di polemiche mai chiarite, non c'è la volontà di aprire la scatola magica, forse in un futuro prossimo gli daranno anche la gestione del teatro dell'aquila, aspettiamoci di tutto.
  • Giorgio

    03-02-2016 10:06 - #4
    Fermo ha una predilezione per la monnezza, il paradosso è che una città sporca ha una partecipata l'asite che con la discarica importa rifiuti dal mondo, pulisce la spiaggia, pulisce il verde, prepara i pasti, una vera multifunzione, gli manca solo la parte immobiliare e credo che provvederanno con gli immobili di proprietà solgas, logico no ! Se non fosse così, perchè costituire una nuova società, che avrebbe in proprietà gli immobili della solgas con finalità uguali a quelle dell'asite? Ma chi è lo stratega di queste belle pensate? Boh, ma il fatto è che stanno pompando al massimo l'asite, immobili o non immobili il dato reale è questo. PS ricordo che il c.da dell'asite è presieduto dal Dott. Cippitelli, voluto dalla sora Nella Brambatti, a cui Calcinaro ha confermato fiducia. Mediate gente, meditate.
  • chicco

    03-02-2016 09:24 - #3
    Leggendo quanto sostiene Zacheo è naturale pensare che qualcosa non quadri, ma è questa la realtà degli atti? Si, perchè Zacheo ha preso diverse cantonate da consigliere comunale, quindi il dubbio c'è. Altra considerazione, oltre agli eventi ludici noto confusione da parte di Calcinaro e i suoi boys, e se fosse corretto quello che sostiene Zacheo, sarebbero andati proprio nel pallone con gli immobili della Solgas, troppo grossa e errore madornale, troppo per non pensare a male.
  • fabio

    02-02-2016 21:01 - #2
    Speriamo che sta ota cia azzecato!!!!! senno capetano e' meglio che smammi.
  • ASITE il buco nero

    02-02-2016 18:18 - #1
    Gira e rigira il buco nero è sempre l'ASITE, che raccatta rifiuti da tutte le parti, gli ultimi da Ascoli e Ancona, oltre agli altri mai chiariti, siamo diventati l'immondezzaio delle Marche, ma perchè? Per raccattare soldi, ovvio, un fiume di soldi verso l'ASITE, ma per fare cosa ? Ora gli hanno dato anche la manutenzione del verde comunale, altri soldi. Poi mai chiarito il contratto stipulato dall'ASITE con ASIA AMBIENTE, sono ballati si dice 10 MILIONI DI EURI, ma dopo una richiesta di chiarezza da parte di Forza Italia, di tirare fuori il contratto riposto in cassaforte, il silenzio assoluto, è tutto finito, perchè? Adesso escono fuori altri magheggi con la SOLGAS, la parte immobiliare destinata a cosa? Ma non sarà che vogliono dirottare con uno stratagemma gli immobili di proprietà SOLGAS all'ASITE???????? Fuochino Calcinaro?????? Ma a Fermo è importante la pista del ghiaccio, il carnevale, ma che ce frega della SOLGAS e dell'ASITE, vero Calcinaro?????????
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications