Politica
Fermo si costituirà parte civile: Calcinaro smorza le polemiche e invita tutti a rimanere uniti contro l'intolleranza

Il Sindaco ricorda come il capoluogo di provincia sia da sempre una città accogliente ed aperta. La sua vicinanza a Don Vinicio Albanesi

Fermo si costituirà parte civile: Calcinaro smorza le polemiche e invita tutti a rimanere uniti contro l'intolleranza

 

Da Sindaco di una città accogliente e aperta da sempre all’integrazione, mi sembra di precipitare in un incubo con quanto accaduto e per il dolore di una vita che si va spezzando, tanto più pensando come, solo nella giornata di ieri, avevo vissuto l’abbraccio della comunità islamica che si ritrovava per la fine del Ramadan, invitandomi in segno di accoglienza e gratitudine per il rapporto fra mondi diversi ed il nostro territorio.

 

E’ d’obbligo, ma non per questo taciuta, la ferma condanna non solo per quanto accaduto ma per quanto emerge dall’episodio, ovvero lo strisciante razzismo che non può e non deve trovare spazio nel modo più assoluto nella nostra città.

 

Ferme le dinamiche processuali che seguiranno e le conseguenti determinazioni che la magistratura vorrà intraprendere, ritengo che quanto accaduto, oltre a portare l’inconcepibile termine di una vita umana, crea un gravissimo danno alla realtà fermana.

 

La nostra comunità è, infatti, conosciuta come esempio virtuoso di integrazione ed accoglienza anche rispetto a chi rifugge da drammi inenarrabili e Fermo non merita di essere “bollata” per quanto emergerà da questo episodio, ma deve invece rivendicare con forza lo spirito che ha sempre contraddistinto la sua realtà, le etnie straniere, i nuovi cittadini italiani ed i figli di tutti loro, che stanno crescendo insieme, senza discriminazione.

 

La mia vicinanza va anche a Don Vinicio Albanesi e a chi opera nelle strutture di accoglienza, per il loro lavoro quotidiano, perché il germe del razzismo non può in alcun modo proliferare in questa comunità.

 

Seguirò da vicino l’esito delle indagini, anche costituendo il Comune di Fermo parte civile nei confronti di condotte permeate di razzismo, e parimenti invito tutta la comunità ad abbassare i toni, pur uniti nel cordoglio e nella ferma condanna, per non alimentare, anche con dichiarazioni generiche o meglio generalizzate, frizioni, tensioni e umori tra fazioni che a Fermo non esistono.

 

Questo perché il mio ruolo mi impone di difendere la città e tutti i suoi cittadini non responsabili dell’accaduto, la storia e la tradizione dei fermani e della loro accoglienza da chi, anche in queste ultime ore, tende a strumentalizzare questo dramma, nel solco di una ormai perenne lotta politica, in un momento in cui, invece, la città deve essere e restare unita.

Letture:6844
Data pubblicazione : 06/07/2016 16:44
Scritto da : Paolo Calcinaro (Sindaco di Fermo)
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • matteo

    07-07-2016 11:20 - #1
    l'intolleranza ed allergia mi è venuta per i politicanti, venditori di fumo, ipocriti amministratori di questa nazione (ex nazione)
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications