Politica
La morte di Emmanuel e quella verità “suggerita” che continua a far male a Fermo

Il Consigliere di opposizione Pasquale Zacheo torna sulle responsabilità di un'enorme attenzione meditatica per la città

La morte di Emmanuel e quella verità “suggerita” che continua a far male a Fermo

Ora che l’attenzione mediatica nazionale non è più esclusivamente concentrata sulla nostra città, occorre nel nostro interno fare alcune riflessioni sui tanti aspetti che hanno caratterizzato la drammatica vicenda che ha riguardato il povero Emmanuel. Un uomo, una vita spezzata. Il Consiglio Comunale, all’unanimità, ha preso le dovute distanze da qualsiasi gesto di discriminazione, impegnandosi alla difesa di ogni uomo, senza distinzione di colore o provenienza. Ha giustamente condannato il gesto di Mancini, gesto che non può trovare in alcun modo giustificazione.

 

Mancini deve pagare per le sue responsabilità, non vi è alcun dubbio nel merito. Lo farà e lo sta già facendo pesantemente anche con la carcerazione preventiva, in base alle regole di diritto del Nostro Stato. Un sistema di regole e principi che ha tutti gli anticorpi necessari per la salvaguardia dell’uomo e dei suoi diritti, sia esso colpevole o vittima. Quindi regole che debbono valere per tutti, in ogni momento.

 

Ma se a seguito della colluttazione con Mancini ha purtroppo perso la vita il povero Emmanuel, l’azione e/o l’omissione di altri soggetti hanno fatto scempio del diritto e della città.

 

Prima ancora della magistratura, peraltro subito intervenuta, già aveva preso piede una versione mediatica dei fatti che sembrava voler assumere le sembianze della verità assoluta. La sensazione di una verità quasi suggerita, che prescindeva dal diritto, dalla realtà, dalle testimonianze descritte da coloro che, loro malgrado, si erano trovati per puro caso ad assistere al drammatico evento. E’ indubbiamente significativo, in merito al diritto applicato, il fermo non convalidato dal Giudice.

 

Non si vuole certo assolvere Mancini - ci mancherebbe altro! – ma si è avuta netta la sensazione che certe dinamiche successive alla colluttazione siano la risultante di un meccanismo perverso che ha contemporaneamente distorto l’immagine e la storia della nostra comunità, e in qualche modo allentato i presidi di garanzia che debbono essere riservati ad ogni cittadino. Con perfetto sincronismo, abbiamo avuto l’arrivo del Ministro e il “mostro” catturato.

 

Siamo stati costretti ad assistere ad un vero e proprio linciaggio mediatico della nostra città, delle nostre genti, con testate giornalistiche che si sono spinte a dipingere la nostra città come omertosa e razzista. Il termine razzismo è un ossimoro per la nostra storia! Una storia invece fatta di accoglienza, ospitalità, integrazione e cultura. Senza trascurare i tanti giovani stranieri che negli anni sono stati accolti e formati negli istituti fermani.

 

Nessuno dei politici o degli illustri personaggi comparsi nella vicenda ha voluto rimarcare con forza la vera natura della comunità fermana. Tutti, con ipocrisia di comodo, hanno preferito testimoniare pubblicamente a favore della verità “suggerita”. Una verità comoda, che fa ascolto, che distoglie l’opinione pubblica dai reali problemi che potevano invece riguardare proprio alcuni degli stessi personaggi in transito per Fermo o addirittura di Fermo. Nessuno ha visto questi stessi personaggi ai funerali, anche recenti, di vittime di tragedie a parti inverse. Per scelta o perché fa meno notizia? Sul punto siamo certo in grado di darci una risposta.

 

Abbiamo inoltre assistito a musica e balli in Piazza nella sera del lutto cittadino, con intermezzi di altri personaggi famosi a cui, in un irrefrenabile meccanismo paradossale, è stata data voce per infierire ancora sulla nostra città. Per farci accusare ancora di qualcosa che non ci è mai appartenuto.

 

Ora che le luci della ribalta sono dirette altrove e non vi è più necessità di infierire sulla comunità, accade che la verità storica comincia ad assumere contorni diversi. Accade che la verità “suggerita” non regge. Accade che alcuni personaggi iniziano a defilarsi. Tanto, quel che dovevano ottenere lo hanno già ottenuto, sulle spalle della città e della gente fermana.

 

Ferma rimane ogni responsabilità addosso a Mancini per il gesto razzista, ma occorre ora porsi qualche domanda sulle conseguenze della distorsione storica e mediatica della vicenda. Siamo sicuri che il tutto non abbia avuto o non avrà conseguenze? Di sicuro le ha già avute sulla moglie di Emmanuel, che, al dolore della perdita del marito, deve aggiungere il rischio di conseguenze giudiziarie.

 

E se ora, come sembra, si dovesse andare verso una verità diversa da quella che aveva caratterizzato le prime opinioni, non si rischia forse di avere dalla parte opposta gran parte della comunità fermana, quella comunità offesa e sacrificata sull’altare del consenso mediatico del momento? Non si rischia di generare una pericolosa dinamica di contrapposizione sociale proprio a causa delle menzogne e dell’evidente strumentalizzazione della vicenda?

 

Alcuni cittadini fermani hanno inoltre ascoltato con preoccupazione le dichiarazioni di uno dei cittadini stranieri accolti nell’ultimo Consiglio Comunale, laddove lo stesso avrebbe fatto riferimento alla fortuna che la loro (comprensibile) rabbia sarebbe trattenuta e non avrebbe ancora manifestazioni verso l’esterno. Un concetto, questo, molto insidioso e complesso, che deve necessariamente essere letto da più punti di vista. Che deve riguardare un approfondimento concreto in diversi ambiti istituzionali e sociali, onde prevenire conseguenze e contrapposizioni che rischiano di nuocere alla sicurezza, all’immagine ed alla storia della città.

 

Il Sindaco, per prima, si faccia finalmente spazio tra i soggetti che hanno contribuito alla sistematica demolizione mediatica della nostra città. Li faccia tacere. Si sottragga alla tentazione di seguire anche lui la scia delle verità suggerite, si limiti a salvaguardare la città da ulteriori menzogne. Prenda posizione netta, anche se ciò gli è difficile tra le tante anime della sua coalizione.

 

Lui che meglio di ogni altro conosce Mancini, avendolo anche difeso. Faccia finalmente anche comprendere allo stesso che quando, lui Sindaco, inneggiava alla fermanità ed all’ostilità verso chi non era ritenuto di Fermo, stava solo scherzando.

Letture:5695
Data pubblicazione : 17/07/2016 12:28
Scritto da : Pasquale Zacheo (Consigliere capogruppo Io Scelgo Fermo)
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • la bassa politica del PD e dei suoi suggerimenti capziosi

    18-07-2016 13:32 - #3
    il PD locale è ormai politicamente un rottame. Lo conferma questo comunicato capzioso cinico e bassamente speculatorio. Poteva andare Zacheo a parlare col ministro Boschi dato che è del suo stesso partito non crede?? Poi un appartenente alle forze dell'ordine locali non è a conoscenza dei precedenti atti di violenza razzista successi a Fermo? Non si poteva fermarli prima? Non spettava anche a lui farlo? è informato sulla lista di precedenti penali del Mancini? Zacheo insinua sul discorso fatto da un immigrato al consiglio comunale come se fosse stata fatta una minaccia. Un altro che soffia sul fuoco. Come quello di forza italia di PSG.. politicamente zero differenze.La violenza in questa città non è stata portata dai migranti si informi. Zacheo dichiara che Mancini sta "pagando pesantemente". Bhe sa è morto un essere umano che ha pagato molto di più. Infine è indegno l'attacco di Zacheo alla Fermo civile che martedì sera era in piazza. Era presente la Fermo solidale che ha valori contrari alla violenza razzista brutale che nessuno ha fermato prima in questa città. In piazza martedì sera c'era civiltà e valori umani. La bassa politica del PD è davvero brutta
  • roby

    17-07-2016 13:58 - #2
    Simone, essere del pd significa che di fronte a queste analoghe situazioni c'è una verità suprema dettata dal partito prima ancora di leggere le carte? Se ci sono testimoni nn vedo x è tutta qst prepotenza e insistenza?
  • Simone

    17-07-2016 12:53 - #1
    Ma sta scherzando... spero. "...a seguito della colluttazione con Mancini ha purtroppo perso la vita il povero Emmanuel", che è successo? E' scivolato e ha battuto la testa? E' stato investito da un'auto? "se ora, come sembra, si dovesse andare verso una verità diversa da quella che aveva caratterizzato le prime opinioni...". Ma Il Pd è d'accordo con lui?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications