Politica
La Civitanova-Foligno e la faccia tosta di quel Partito Democratico che si oppose al progetto della Quadrilatero

Il Senatore Remigio Ceroni ricorda come il PD marchigiano fece ricorso contro la legge obiettivo voluta dal Governo Berlusconi

La Civitanova-Foligno e la faccia tosta di quel Partito Democratico che si oppose al progetto della Quadrilatero

Bisogna avere una bella faccia tosta e una buona dose di ipocrisia per la Giunta Regionale delle Marche e gli esponenti del Partito Democratico Marchigiano per partecipare alla inaugurazione del tratto terminale della Strada Statale 77 realizzata dalla società Quadrilatero spa.

 

Non possiamo dimenticare che la Giunta regionale delle Marche e il Partito Democratico delle Marche fecero ricorso dapprima contro la legge obiettivo (443/2001) uno strumento legislativo con cui si è cercato di creare una corsia preferenziale per il finanziamento, l'approvazione progettuale e l'esecuzione delle infrastrutture strategiche nazionali voluta dal Governo Berlusconi, per velocizzare la realizzazione delle opere pubbliche, poi addirittura ricorso al Tar del Lazio contro il progetto di ampliamento delle due strade di collegamento delle Marche con l'Umbria: la SS 77 e la SS 78.

 

Oggi la prima delle due strade, grazie al vice ministro Baldassarri, al Presidente Pieralisi ed ai membri del cda Ermanno Pupo, che si sono sobbarcati tutto il lavoro burocratico iniziale la prima parte dell'opera è conclusa.

 

Un po' di dignità politica vorrebbe i responsabili di tutta l'attività ostruzionistica operata nei confronti dell'opera per un giorno restassero a casa. Almeno avessero il coraggio di ammettere i loro errori e le loro responsabilità che hanno determinato importanti difficoltà e ritardi nella conclusione del programma.

 

Una strada che potrà consentire a 1 milione di umbri di venire nelle Marche e portare un po' di ossigeno alla moribonda economia marchigiana.

 

Certo che se il futuro del nostro Paese dipendesse dalla lungimiranza del Partito Democratico probabilmente il nostro Paese si troverebbe ancora all'eta della pietra.

Letture:8356
Data pubblicazione : 28/07/2016 10:08
Scritto da : Remigio Ceroni (Senatore e Coordinatore regionale Forza Italia Marche)
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Enrico

    28-07-2016 17:16 - #2
    A Foligno e da qui al sud senza pedaggio fino a Roma!!
  • Gabriele

    28-07-2016 10:43 - #1
    Un sacco di soldi, montagne sventrate, uno scempio ambientale senza precedenti, per arrivare a Foligno un quarto d'ora prima. Una conquista epocale. A Foligno, il centro d'Italia.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications