Politica
Il caso Emmanuel torna oggi in Consiglio Comunale. Intanto Rossi punta il dito sull'interrogazione dei 5 Stelle: "Inquieta che si parli di danno d'immagine alla città"

Questa sera in consiglio comunale, a presentare l'nterrogazione sul caso Emmanuel Chidi Nnamdi e le ripercussioni mediatiche sulla città di Fermo, saranno i Consiglieri Mochi e Temperini del Movimento 5 Stelle.

Il caso Emmanuel torna oggi in Consiglio Comunale. Intanto Rossi punta il dito sull'interrogazione dei 5 Stelle:

Prima ancora che inizi il dibattito, però, si innescano le polemiche. Ad intervenire è il consigliere Massimo Rossi. "Proprio mentre dalle indagini sull’omicidio di Emmanuel Namdi emergono nuovi particolari sulla meccanica dell’uccisione di Emmanuel, che oggettivamente indeboliscono l’arroganza mediatica della difesa dell’omicida, arriva in Consiglio Comunale un’inquietante interrogazione dei 5 Stelle - evidentemente scritta prima degli ultimi sviluppi - secondo i quali, siccome si starebbero “rivelando scenari diversi rispetto a quanto riportato dai media… nei giorni immediatamente successivi”, si chiede testualmente all’Amministrazione Comunale di Fermo se non sia il caso “di aprire un contenzioso per richiesta danni all'immagine della città verso chi dovesse essere ritenuto responsabile della strumentalizzazione mediatica del grave fatto”. Perché, come scrivono in premessa i grillini, sarebbe stata messa in atto da alcuni soggetti "una speculazione mediatica ai danni dei cittadini fermani" che avrebbe "creato alla città un danno d'immagine difficilmente sanabile dal punto di vista turistico e culturale".
Altro che la perdita di una vita umana per ragioni razziali!". Queste le dichiarazioni di Rossi a poche ore dall'inizio del Consiglio, previsto per le 18.30.
"Ciò che inquieta in tutto ciò è che, al di là della meccanica degli avvenimenti e dell’esito dei processi, è assolutamente inconfutabile che un essere umano in cerca di protezione, è stato ucciso per le strade di Fermo a seguito di un insulto razzista, e ciò dovrebbe bastare ed avanzare per innescare una dolorosa riflessione autocritica sul generale scadimento del livello di civiltà che oramai caratterizza le nostre comunità, in cui possono impunemente svilupparsi movimenti e comportamento disumani.
Invece no: oltre all’indulgenza nei confronti dell’autore dell’omicidio, (si pensi ai cori di una parte della tifoseria che lo glorificano allo stadio), nella città si è paradossalmente compattato un grumo di risentimento nei confronti delle realtà dell’attivismo umanitario, che con la propria azione di denuncia e di tutela nei confronti delle vittime, avrebbero innescato, una sorta di oltraggio alla reputazione della città.
Questa iniziativa dei 5 Stelle, offrendo una sponda politica a queste inqualificabili posizioni ha lo scopo evidente di pescare subdolamente consenso in questa torbida “zona grigia” dell’opinione pubblica… alla faccia della buona politica tanto decantata da questo movimento.
Spero che i 5 Stelle, con i quali pur condivido varie battaglie di trasformazione, abbiano il pudore di ritirala in extremis, se non altro, alla luce degli ultimi sviluppi delle indagini".

Letture:3441
Data pubblicazione : 27/09/2016 10:05
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
17 commenti presenti
  • mendicante

    30-09-2016 14:15 - #17
    "Stamattina passando di là, mi sono avvicinata cercando, e chiedo a 2 passanti, i quali, con aria circospetta, diffidente, mi indicano esattamente il luogo del delitto e,alla mia domanda del motivo per cui non c'era nessuna lapide o biglietti, o fiori, un passante mi risponde che li rimuovono puntualmente". Ecco, questo è il clima a Fermo, così ci siamo ridotti. Un clima che sicuramente riverbera quello nazionale ma che ha una sua natura Fermana; e che c'è da tempo ma non casualmente deflagra oggi. Si possono dare molte spiegazioni, ma una sola descrive il cambiamento che è avvenuto negli ultimi mesi in città. Per fortuna le minoranze, chiamarle opposizioni mi sembra un azzardo, non sanno far di meglio che collaborare con la maggioranza, proporre interrogazioni vergognose e volgari e farsi la guerra tra di loro. Per fortuna, altrimenti potrebbe addirittura cambiare qualcosa, potrebbero riportare ancora una volta questo razzismo di matrice fascistoide nelle fogne della storia...
  • Il sindaco ritira la parte civile e Rossi invece di attaccarlo svia sui grillini..

    29-09-2016 18:35 - #16
    Rossi si dimostra politicamente come la ruota di scorta del sindaco che ha ritirato la parte civile nei confronti dell'accusato di omicidio. Una marcia indietro che la dice lunga sull'autenticità democratica civile e costituzionalmente antifascista di questa giunta comunale. E Rossi invece di attaccare la decisione del sindaco inventa cose non vere sui grillini. La sinistra non esiste in questa cittadina. Si dimostrano molto più antirazzisti equilibrati e civili i grillini. Rossi vai in curva duomo assieme al sindaco dai !
  • Binci G.

    29-09-2016 13:56 - #15
    Le piacerebbe, Demetrio, vedere Rossi in giunta, la capisco! A questo giro però le è andata male.
  • Ernesto Paolucci

    29-09-2016 13:25 - #14
    Ma se Rossi è tutto quello che dice Binci, perché non è andato al ballottaggio a Fermo? Forse qualcuno sperava che succedesse, ma visti i voti pochini... pochini il neofita Zaccheo ha surclassato il fuoriclasse. Per una sinistra inesistente non sarebbe il caso, invece di autoincensarsi vanesiamente, prendere atto della totale inutilità e ricominciare a fare politica senza i soliti "tromboni" ?
  • Demetrio Salvi

    29-09-2016 09:16 - #13
    Sig. Binci continuate così e continuerete a cantare vittoria anche se vi autovotate. Dimenticavo visto le grandi opere di Rossi perché non dite a Calcinaro di lasciargli un posto in giunta, tra vecchi, nuovi post ed ante comunisti ci farebbe una bella figura.!!! Hahhahaha !!!! Che tristezza
  • Binci G.

    28-09-2016 21:39 - #12
    Caro Demetrio, erano anni che a Fermo non esisteva una sinistra tanto presente quanto indipendente. D'altronde non era difficile fare meglio dei predecessori, specializzati ad elemosinare poltrone in consiglio comunale e a fare piazzate quando queste non arrivavano ( i pupilli di allora sono comunque ben sistemati, dal sellino vicesindaco al "compagno" consigliere). Memorabili furono i pezzi dell'allora componente rifondarola della Federazione della Sinistra, poi autoestintasi. Fortunatamente però non sono tutti così e se Rossi appare come il marchese del Grillo, in fondo può permetterselo. Sono i nani che lo hanno preceduto che non potevano permetterselo. E a giudicare dal consenso e dalle iniziative messe in campo, le consiglio di studiarsi meglio il concetto di "vuoto". Entrando invece nel merito dell'interrogazione, è normale che una forza politica populista, che si professa né destra né sinistra, adotti questi atteggiamenti ambigui. Li ha tenuti sin dall'inizio, quando ha scelto di non schierarsi a fianco delle manifestazioni antirazziste tenutesi a Fermo nel mese di luglio. Tutto fin troppo prevedibile. Buon rinnovamento, caro Demetrio.
  • Demetrio Salvi

    28-09-2016 19:16 - #11
    Tranquillo Francesco, Rossi è l'uomo che "non deve chiedere mai" guai. E' talmente convinto di essere l'unico a saper fare politica che ha fatto il vuoto ..."vuoto" intorno a se. Solo fedelissimi e yesmen guai a contraddirlo.Un po Marchese del Grillo un po Renzi. Che volete cari Fermani. La sinistra a Fermo ed in Italia è sparita e non a caso. Quando non si è capaci di governare processi di rinnovamento e si continuano ad usare vecchie e stantie parole e slogan la fine è che ti ritrovi una "sinistretta" a cui il "democristiano" Calcinaro per tenerla buona ogni tanto lancia un piccolo osso con cui farli godere. Francesco questo è il convento, rassegnati e guarda avanti. Il motto che imperversa è..."Io so io e voi non siete un .....!!!!!
  • ma è possibile leggere questa mozione?

    28-09-2016 18:40 - #10
    Tra giornalistucoli provincialotti col braccio teso che hanno dato il peggio di se.. cori da stadio vili e violenti.. una parte della città razzistoide e incivile che ha eletto a grande persona uno che ha procurato la morte ad un essere umano.. poi c'è il mitomane a caccia di visibilità ospitato pure sul giornaletto che evoca class action che mai farà.. spero non ci si siano messi anche i grillini in mezzo a questa canea.. contro cui si ci si dovrebbe schierare come parte civile,.. se qualcosa di civile resta in questa bieca provincia..
  • Francesco Muzi

    27-09-2016 23:03 - #9
    Facciamo il punto, consigliere Rossi. Anzitutto il M5S non ha presentato alcun richiesta di aprire un contenzioso. Lei mente. E per dover di cronaca dovrebbe riportare il testo dell'interrogazione presentata il 26 luglio (lo faccio io in calce), non quindi ieri, ma ben due mesi fa, e che viene tirata fuori ad un giorno dal consiglio comunale che ne discuterà oggi stesso. Lei mente. Perché il contenuto dell'interrogazione pone l'accento sull'attuale maggioranza, che subito dopo l'assassinio, per parola del sindaco, annunciarono l'eventualità di chiedere i danni e farsi parte civile. Una interrogazione viene presentata dall'opposizione per mettere la maggioranza difronte ad un fatto, per avere dalla maggioranza una risposta, e mai il M5S ha palesato l'idea di chiedere un contenzioso, mai. Lei mente. Mente perché era a conoscenza del contenuto due mesi prima, oppure qualcuno l'hanno informata malissimo o non sa leggere se in buona fede. C'eravamo tutti alla manifestazione contro il razzismo e in ricordo del povero Emmanuel, anche il M5S che aveva dato la sua partecipazione pubblicamente. E questo attacco voluto, è di per se grave perché fatto verso una forza politica nuova nello scenario fermano e non, che ha sempre manifestato pacificamente e che è per una immigrazione senza ideologie e per il rispetto dell'immigrato, che nella realtà locale ha trovato terreno fertile grazie ai cittadini fermani e alle associazioni locali. Perché questo attacco allora, se nei fatti l'interrogazione ha lo scopo di incalzare la maggioranza che un giorno ha i piedi a destra, l'altro a sinistra e la domenica al centro? A pensar male, forse si vuole tentare di convincere i tanti fermani che hanno votato il M5S a discapito della Sinistra. Ma questo gioco non mi piace ed allora perché? Vede, l'ho conosciuta ad uno dei faccia a faccia con i candidati sindacati, ed insieme attaccammo Zaccheo sulla questione dei quartieri e delle periferie. Ho stima per quanto ha fatto a Grottammare e nel caso fosse andato al ballottaggio lei, ho sempre scritto e detto che l'avrei votata. Dopo il suo comunicato di ieri, ho deciso di partecipare alla riunione del Movimento (non sono iscritto ma è aperta a tutti dando la possibilità di partecipare, condividere e proporre, pensi un po' che zona grigia era), per avere dal gruppo delle spiegazioni e condividere il mio dolore. Perché ieri sera, sig. Rossi, c'era dolore da parte di molti, rimasti spiazzati da questa sua cattiva uscita. Oggi in Consiglio, il nostro consigliere Mirko Temperini esporrà l'interrogazione. Vedrà negli occhi Lei e i tanti che ieri hanno osato definire fascisti lui, e noi tutti. Faccia una bella cosa per rimediare a questo scivolone per non dire altro. Chieda scusa a Mirko, al M5S e a tutti gli attivisti. Le farebbe anche questo onore.
  • ....per Artemio e Simone, sono con voi

    27-09-2016 20:08 - #8
    sono d'accordo con Artemio e con Simone, sono ormai più di due mesi che quasi giornalmente il giornalista di provincia ( si fa per dire !!!!) stravolge la verità, emette sentenze prima dei giudici che dovranno veramente emetterla, ci tedia con una narrazione dei fatti a senso unico e, a volte sembra quasi che difenda i difensori di A.M. che non ci hanno fatto mancare nulla, tra loro ricostruzioni, ipotesi, scoop giornalistici che a mio avviso hanno forse più nuociuto che aiutato il loro assistito. Ma la stragrande maggioranza dei fermani non si identifica con un gruppetto di ultras della curva duomo, attende silenziosa gli esiti processuali e quando sarà il momento valuterà rispettando le sentenze qualunque esse siano. Certo è, a mio parere, che anche l'avvocatura non stà scrivendo una bella pagina di storia locale preferendo i processi mediatici a quelli veri nelle aule di tribunale.
  • Siete come Amedeo

    27-09-2016 18:37 - #7
    Razzistoidi e violenti tanti fermani: violenti a parole o come altri che cercano la violenza negli stadi.. somigliate al vostro eroe
  • Stranotto

    27-09-2016 15:56 - #6
    Ma se ci sono persone fermane che hanno visto lo svolgere dei fatti o dicono il vero o debbono essere accusati di falsa testimonianza. Comunque i neri sono temerari, particolarmente i venditori ambulanti.
  • Simone

    27-09-2016 14:09 - #5
    Artemio, sono sicuro che riceverai tanti tanti tanti insulti! Ma sappi che io (e spero anche altri che hanno la forza di far cadere nel vuoto commenti raccapriccianti) reputo il tuo commento estremamente intelligente (in condizioni normali avrei detto un semplice commento sensato e logico, ma visto quello che si legge e sente sull'argomento....) e condivido ogni tua parola!
  • roby

    27-09-2016 12:42 - #4
    Per Rossi è normale fare una manifestazione per razzismo lungo le piazze ,quando ancora oggi gli inquirenti indagano e non sanno bene cosa sia successo. Sarà mica il prete il suo consigliere?
  • ARTEMIO

    27-09-2016 12:11 - #3
    Da un lato una persona morta. Da un lato una persona in carcere. Il primo dimenticato. Il secondo, che ha innescato la morte del primo uomo per avergli proferito un grave epiteto razzista, è un martire della libertà, della mala giustizia. La colpa è del Don Euro, dello Stato che non compra i braccialetti elettronici, dei negri che non stanno a casa loro. Fortunatamente la città, a dire anche del sindaco, è con A.M. (volutamente non ne faccio il nome), difeso con cori allo stadio, difeso sui social (anche dal bombarolo agli arresti domiciliari), difeso dall'unico foglio di pennivendoli che si fregia e ci sfregia di una pessima cronaca locale, dall'alto della propria accresciuta tiratura. Che schifo, nel 2016, in Italia si muore di razzismo e l'unico problema è la fama della città. Mi vergogno di essere nato a Fermo e mi vergogno che proliferi questo razzismo strisciante e sibilante, che si nutre dell'ignoranza da stadio, del "padroni a casa nostra", del "sono ai domiciliari e me ne vanto". Fermani pensate con la vostra testa, lo dovete a questa meravigliosa città, che non si merita di essere un "Casapoundlandia".PS. La matrice di destra dei pentastellatini di provincia comincia ad emergere...
  • roby

    27-09-2016 10:53 - #2
    Per Rossi è normale fare una manifestazione per razzismo lungo le piazze ,quando ancora oggi gli inquirenti indagano e non sanno bene cosa sia successo. Sarà mica il prete il suo consigliere?
  • matteo

    27-09-2016 10:34 - #1
    Tutta la vita 5 stelle .... gli unici che combattono per far svelare la verità...contro i cattocomunisti sarà dura...ma mai mollare...forza !!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications