Politica
Fabio Senzacqua (Lega Nord). "Tutelare prima di tutto le imprese italiane"
"Non basta parlare di problemi, occorre risolverli con proposte di legge chiare che tutelino, prima di tutto, le imprese italiane.
Il PD al Governo sono anni che parla di BolKestein, promette di ridare certezze e salvaguardare il lavoro di migliaia di imprese già legittimamente avviate, per partorire ora a fine mandato un Disegno di Legge Delega che manda ad evidenza pubblica 30.000 imprese balneari private, che hanno creduto nelle leggi dello Stato, acceso mutui sulla propria casa per crearsi il proprio lavoro ed offrire servizi di qualità ai bagnanti, che amano trascorrere le proprie vacanze sulle accoglienti spiagge italiane."
Fabio Senzacqua (Lega Nord).
"Tale proposta governativa, ora in discussione al Parlamento, con un periodo transitorio di pochi anni (negli ambienti romani si vociferano non più di 5 anni) prima di passare al nuovo regime di "aste", non prevede il legittimo affidamento degli attuali concessionari, ed è completamente asservita alle logiche finanziarie dei grandi capitali e burocrati europei, per distruggere l'attuale sistema balneare italiano caratterizzato in maggioranza da tipiche micro imprese familiari che rischiano di scomparire, perdendo il lavoro, diventando esodati e innescando ulteriori e gravi problemi socio-economici. Si tratterebbe di uno dei più grossi espropri di fatto, contro i diritti fondamentali costituzionali, mai avvenuto in Italia e, non per interesse pubblico bensì per logiche perverse e criminali europee!
Noi della Lega di Salvini, non comprendiamo perché solo l'Italia debba sottostare a diktat europei che altri Stati, come Spagna, Portogallo e Croazia, non hanno neppure considerato, soprattutto sapendo che il bene spiaggia attualmente non è limitato, essendo circa la metà delle coste italiane non ancora date in concessione. Chi vuole creare la propria impresa balneare, può già farlo ci sono a disposizione Km e Km di costa, ne faccia richiesta e la crei dal nulla, questa è sana concorrenza! Le imprese private sane non hanno scadenza, chiudono solo a seguito di fallimento!
Inoltre, non comprendiamo perché Confcommercio Marche non sia scesa in piazza Montecitorio il 15 marzo scorso, insieme ai 2.000 imprenditori balneari provenienti da tutte le regioni italiane per dire chiaramente NO al DDL concessioni demaniali, NO alle evidenze pubbliche, NO alle direttive europee, SI al legittimo affidamento, SI al lavoro e alla tutela delle tipiche imprese balneari italiane. Anzi comprendiamo fin troppo bene e non ci facciamo incantare da confuse e false promesse e dagli inciuci per svendere le nostre tipicità ai grossi capitali leciti e non. 
Noi della Lega di Salvini, eravamo in piazza Montecitorio al fianco degli onesti lavoratori balneari e ormeggiatori, con il nostro capogruppo al Senato Centinaio per ribadire chiaramente il NO alla Bolkestein, continueremo a batterci per tutelare le piccole imprese familiari al fianco degli onesti cittadini,tanto a Porto San Giorgio come in tutta Italia.
Sempre al Primo posto la gente onesta che lavora."
Letture:2219
Data pubblicazione : 25/03/2017 11:54
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications