Politica
Del Vecchio sulla questione T-red: "Un atto pubblico deve essere tale. Basta con i danni e con le beffe"

"L'incresciosa vicenda dei T-Red "sospesi", guarda caso per il periodo di campagna elettorale, mette, per l'ennesima volta, in luce tutta la distanza tra il sindaco Nicola Loira e la città. A prescindere dalla scelta di sospendere le sanzioni dal 28 marzo al 30 giugno, su cui diremo successivamente, ciò che è inaccettabile è che se un atto è pubblico, è pubblico. Punto."

Del Vecchio sulla questione T-red:

"Invece il sindaco Loira, nelle vesti istituzionali di primo cittadino, pur firmando un atto pubblico, lo tratta come se fosse uno scritto privato, tenendone all'oscuro tutta la cittadinanza. Bella trasparenza. Di lui i sangiorgesi dovrebbero fidarsi? Alla faccia della fiducia richiesta. E entriamo nei dettagli: quell'atto pubblico trattato come uno scritto privato, che suona tanto di missiva di un regnante in barba alle tasche dei suoi sudditi, prevede la sospensione delle sanzioni da T-Red a causa di un sovraccarico di lavoro per la Polizia Municipale. Sappiamo che l'organico dei Vigili Urbani è sottodimensionato, un problema che investe il settore con inevitabili ripercussioni sulla città. Ma non era forse quest'Amministrazione a dire che aveva fatto passi in avanti sull'argomento sbandierando assunzioni su assunzioni? Loira sostiene che la Municipale ha maggiori incombenze "per le festività pasquali", per "le celebrazioni del Santo Patrono San Giorgio", "molteplici cantieri stradali riguardanti la realizzazione di opere pubbliche" e "una serie di manifestazioni programmate prossime all'estate". Ecco il quadro ben delineato: Loira si rimangia i T-Red non perché c'è una Città sulle barricate contro i suoi semafori spilla-soldi ma per carichi lavorativi comunali di cui un amministratore dovrebbe conoscere le ripercussioni all'atto della programmazione. Ma non basta: oggi scopriamo un Loira capace addirittura di allungare le festività pasquali e la festa del Santo Patrono dal 28 marzo al 30 giugno. Altro che regnante, siamo dinanzi a un Imperatore: tre mesi di feste. Peccato per lui che da giugno avrà ben poco da festeggiare perché nessuno può permettersi di trattare i Sangiorgesi come sudditi ignoranti da tenere soggiogati a colpi di sanzioni e segreti amministrativi che, però, cari ci costano. Basta con i danni e soprattutto con le beffe."

 

 

 

Letture:1614
Data pubblicazione : 14/05/2017 13:13
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications