Politica
Movimento 5 Stelle su Asite: chi è il colpevole?

Asite, chi è il colpevole? Riportiamo il comunicato ufficiale del Movimento 5 Stelle di Fermo nella voce dei loro consiglieri Marco Mochi e Mirko Temperini.

 

Movimento 5 Stelle su Asite: chi è il colpevole?

Assistiamo stupefatti al valzer dello scarica barile di questi ultimi giorni.


Da un lato la destra che plaude all'azione della Corte dei Conti pur avendo amministrato per anni l'Asite con bilanci tutt'altro che rosei e con continue e discutibili assunzione di personale poi difficile da gestire.
Dall'altra parte la sinistra tutta che sostenenne la Brambatti, oggi costretta pure lei a presentare le memorie alla Corte dei Conti, tanto quanto l'ormai ex presidente Cippitelli che quella amministrazione aveva voluto. Un segretario comunale del PD scelto per un ruolo chiave per tutta la provincia.
E in mezzo la Giunta attuale che, a sentirli parlare, sembrerebbero liberi da ogni responsabilità.
Il Sindaco ci ha detto in Consiglio di aver voluto trattenere Cippitelli per metterlo alla prova dei fatti. È davvero così? Doveva davvero testare un uomo che conosceva fin troppo bene? No. Semplicemente Cippitelli faceva il gioco dell'attuale maggioranza cioè portava soldi al bilancio comunale ed era lui solo il bersaglio delle critiche da parte della minoranza. Quindi massima resa con il minimo sforzo. È davvero innocente la Giunta?

Avvocato è il Sindaco ed avvocato è l'assessore all'Ambiente. E non sanno leggere un atto di transazione senza capirne il senso? Senza avere dubbi sulla scelta del Cda Asite? Evidentemente no.
Anzi hanno confermato e assecondato ogni richiesta e ogni strategia proposta da Cippitelli. Perché?
Dire di averlo fatto per metterli alla prova è irrispettoso nei confronti della città. Una Città che dovrà spendere per un maxi appalto per le isole ecologiche e che continua a veder arrivare camion di rifiuti da fuori Regione con le conseguenze che sappiamo sulla salute dei cittadini.
E non dimentichiamo i quasi 12 milioni di euro da stanziare per il nuovo Biodigestore.
Sostituire Cippitelli e proseguire con il suo programma, come dichiarato dall' Assessore Ciarrochi in Consiglio, confermano il ruolo e la responsabilità della Giunta.

Sono mesi che il Movimento 5 Stelle denuncia in Consiglio questa gestione scellerata da parte della Giunta e dell'Asite. Avremmo voluto e anche accettato delle scuse da parte del Sindaco. Lo ritroviamo a cercare spiegazioni di fantasia per sostenere l'insostenibile cioè un Asite presieduta fino allo scorso lunedì da un ex uomo del Pd nonostante la loro promessa di fare Piazza Pulita. Insomma la solita e consueta bugia.
Calcinaro dovrebbe trarne le dovute conseguenze e dimettersi, dimostrando lo stesso senso di responsabilità del presidente Cippitelli, se di questo si è trattato.
L'ultima domanda ora è per la città: davvero credete al sindaco Calcinaro anche stavolta?

Letture:1064
Data pubblicazione : 03/08/2017 16:42
Scritto da : Marco Mochi, Mirko Temperini.
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • alberto

    04-08-2017 09:00 - #2
    i 5 stelle hanno scritto quello che in molti in questi giorni pensano del sindaco di Fermo avvocato Paolo Calcinaro. dopo Forza italia i 5 stelle, cose ovvie che chiunque riescre a comprendere, con il sindaco che non sa cosa raccontare, in quanto c'era anche lui con l'ex sindaco PD Brambatti quando è stato nominato presidente Asite Cippitelli. Bella la considerazione dei 5 stelle che il sindaco Calcinaro e l'assessore Ciarrocchi dell'ambiente siano avvocati, proprio bella .....
  • max

    03-08-2017 17:02 - #1
    questa volta credo che i grillini abbiano colpito nel segno, la difesa di Calcinaro è puerile, lui c'era prima con la Brambatti e ora come sindaco, in tutte e due le fasi c'era Cippitelli al comando dell'Asite. Questa amministrazione si è accreditata per le feste, le piste del ghiaccio, il luna park al Duomo, ma nelle cose veramente importanti, ha venduto la Solgas, gonfiato l'Asite, a cui la Brambatti aumentò da 2 a 5 i milioni per i serizi, conferendo il verde. Calcinaro confida ancora una volta sulla poca memoria dei fermani? Mi sembra poco se non nulla, in quanto delle risposte le deve dare anche lui e non solo.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications