Politica
Petrozzi attacca: "Incredibile ma vero. L'amministrazione PD di Porto San Giorgio chiede ai cittadini crediti prescritti"

"Le lettere risalgono alla metà di Ottobre di quest'anno. A spedirle il Comune di Porto San Giorgio e a riceverle moltissimi concittadini." spiega il consigliere di minoranza di Porto San Giorgio Renzo Petrozzi.

Petrozzi attacca:

"Sono lettere relative a presunti mancati pagamenti dei canoni relativi alle lampade votive del nostro cimitero. Sono lettere dal tono tutt'altro che amichevole essendoci scritto chiaramente che in mancanza di riscontro l'ufficio provvederà al recupero coattivo delle somme e (udite,udite) allo spegnimento delle lampade.
Le lettere sono state spedite con lettera semplice, fatto assolutamente inusuale per lettere di recupero crediti così perentorie.
Dalle missive che ho avuto modo di visionare si tratta di canoni relativi ad anni che vanno dal 2006 al 2009. Queste somme sono prescritte (la prescrizione è di cinque anni) e non dovevano essere chieste ai cittadini.
Ho presentato una interrogazione consiliare chiedendo come tutto ciò possa essere avvenuto. La risposta che ho ricevuto dal Sindaco è stata generica riferendosi a un nuovo applicativo informatico e alla necessità di verifiche, non venendo mai al punto della questione, che è invece di una gravità inaudita: il Comune di Porto San Giorgio amministrato dal PD chiede a molti suoi concittadini in tono assolutamente perentorio canoni per lampade votive prescritti perciò non dovuti.
La realtà è che cinque anni e mezzo di governo del PD hanno messo la città in ginocchio con un bilancio che sarà chiuso con molte difficoltà. L'amministrazione cerca soldi da tutte le parti senza un minimo di pudore e di rispetto verso i cittadini, vedi semafori t-red. E' come un pescatore che getta la rete e vede quanti pesci abboccano. Così ha fatto l'amministrazione PD. Ha mandato lettere non raccomandate con la richiesta di soldi non dovuti e la minaccia di spegnimento delle lampade cimiteriali, andando a colpire quella parte di popolazione più debole, quasi sempre anziani, che l'ultima cosa che vorrebbero è quella di veder spegnere le luci a un loro caro che non c'è più. So che moltissimi si sono affrettati a pagare. Lo scopo dell'amministrazione PD è così raggiunto: incassare quanto più possibile in barba ai più elementari dettati dell'etica e alla faccia dello slogan elettorale: Il Sindaco di cui ti puoi fidare.
C'è un solo modo che l'amministrazione ha per riparare un fatto così increscioso: chiedere scusa e restituire subito i soldi non dovuti ai cittadini."

Letture:2597
Data pubblicazione : 11/12/2017 09:36
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • mario

    13-12-2017 11:36 - #4
    Il consigliere di opposizione non si rassegna ancora alla pesantissima sconfitta elettorale e tira fuori argomenti a cui la popolazione sangiorgese dà pochissima importanza. Si metta l'animo in pace, tanto col suo modo di fare politica il centro-sinistra vincerà ancora a Porto San Giogio. Vi ricordate quella famosa trasmissione di Nanny Loy e il "rododendro"? Potremmo assegnarlo "honoris causa" al consigliere furioso.
  • Marianna

    11-12-2017 21:38 - #3
    Si si, proprio belli gli ombrelloni a Natale! Vergogna!
  • salvatore

    11-12-2017 18:07 - #2
    e uno schifo si devono vergognare
  • Francesca Vitali

    11-12-2017 16:28 - #1
    Gentile Consigliere, nell'ultima seduta consiliare del 30 novembre scorso, Lei ha sollevato la questione delle luci votive, ricevendo chiare ed esaustive risposte dalla maggioranza. Le sembra proficuo, in un momento in cui il consenso verso la città è così alto per un allestimento natalizio smisuratamente apprezzato da sangiorgesi e non, riprendere una questione già trattata, chiarita e stantia? Consiglio di opposizione vecchio(politicamente), questioni vecchie. Lo sa che la maggior parte delle opere per il Natale sono state portate a termine da esordienti nel centrosinistra? Per migliorare serve anche cambiare.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications