Politica
Atti vandalici alle auto della Regione. Famiglini: "Atto da condannare. Solo ora il governo della Regione inizia una fantomatica caccia al colpevole"

"Il gesto successo ieri nel piazzale della sede della provincia di Fermo va condannato come ogni atto vandalico e ripudiato, ed esprimo il mio più profondo dissenso anche sul contenuto del messaggio." Giorgio Famiglini, consigliere provinciale della Lega Nord, commenta l'atto vandalico di ieri ai danni delle auto della Regione Marche.

Atti vandalici alle auto della Regione. Famiglini:

"Allo stesso modo non posso non solidarizzare con tutti quei concittadini colpiti dal sisma del 2016 e che ad oggi ancora non sono rientrati nelle loro abitazioni o in quelle temporanee e quindi vedono i loro diritti come un miraggio.

A memoria ricordo ancora che esattamente un anno fa il governatore Ceriscioli prometteva che entro la primavera 2017 le "casette" SAE sarebbero state consegnate, invece alla vigilia del 2018 rimangono solo parole con l'aggravante della mal realizzazione di quanto poco fatto.

Quello che sta facendo il consorzio ARCALE è vergognoso: ritardi, inadempienze, mancanze, ma ancora peggio è ciò che non ha fatto e non sta facendo il governo regionale.

I colpevoli e i responsabili di quelle mancanze, di quei disagi che pesano sulla testa di tantissimi cittadini oggi ricercati dalla giunta regionale, in realtà sono loro stessi. Se non loro, in quanto eletti dai cittadini per tutelare gli interessi della collettività, chi avrebbe dovuto controllare e farsi garante in un momento così delicato è fondamentale, chi più di loro si sarebbe dovuto assumere la responsabilità morale e civile di quanto sta accadendo?

Solo adesso, dopo l'indignazione di sindaci e cittadini, il governo della regione si sopisce dal sonno e inizia una fantomatica caccia al colpevole.

Responsabile la scelta della protezione civile nazionale di farsi carico d'ora in avanti dei collaudi delle SAE conseguente a una evidente immobilità e incapacità politica dell'assessore regionale alla protezione civile reo di non saper indirizzare la struttura operativa locale che da lui dipende.

Solo ora che le primissime SAE sono state consegnate con tutti i difetti fin da subito emersi e che ripetiamo potevano e dovevano essere evitati grazie anche a un minimo controllo sulla loro realizzazione, qualche esponente della Regione si ricorda che hanno il potere di applicare penali al consorzio Arcale o alle ditte aggiudicatrici dei lavori che hanno materialmente causato ritardi ed eseguito lavori non a perfetta regola d'arte.

In un paese normale, un politico responsabile non avrebbe cercato altrove le responsabilità di questo disastro ma avrebbe riconosciuto il proprio fallimento e si sarebbe dimesso."

Letture:1643
Data pubblicazione : 30/12/2017 15:38
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Meneger de Porto Sant'Erpidio

    30-12-2017 19:14 - #1
    Sì in effetti in questo intervento emerge in tutta la sua profondità la ferma condanna ed il profondo dissenso; sull'atto vandalico avvenuto.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications