Politica
Il PD fermano presenta i suoi stati generali e lancia la campagna elettorale. Alessandrini: "Consapevoli della nostra forza, chiediamo alla gente di valutare con serietà"

Trascorso il termine ultimo per presentare le liste in vista delle elezioni politiche del prossimo 4 marzo, il Partito Democratico cerca ora di archiviare le tensioni interne degli ultimi giorni ed è pronto a tuffarsi in piena campagna elettorale, sia a livello nazionale che a livello locale.

Il PD fermano presenta i suoi stati generali e lancia la campagna elettorale. Alessandrini:

La federazione provinciale fermana dei dem si prepara ai suoi stati generali, che si terranno sabato alle 15 presso la sala del Museo Miti di Fermo e che saranno l'occasione per aprire ufficialmente la campagna elettorale, nonché per presentare i due candidati del territorio, Francesco Verducci e Paolo Petrini, entrambi parlamentari uscenti.


Stati generali che saranno aperti a tutti i simpatizzanti, che vedranno anche la presenza dei candidati dei collegi di Ascoli e durante i quali verranno illustrati con dovizia di particolari tutta una serie di dati reali a testimonianza del lavoro svolto negli ultimi cinque anni. Il partito, come emerge dalle parole del suo segretario provinciale Fabiano Alessandrini, si presenta infatti a questo importante passaggio con la consapevolezza di quanto ottenuto dai tre governi a guida Pd che si sono susseguiti nel corso di questa legislatura: “Lavoro, formazione, territorio: sono state parole d'ordine degli ultimi cinque anni e lo saranno anche in questa campagna elettorale” - chiarisce il presidente della Steat, accompagnato nell'occasione da Carlo D'Alessio, segretario del circolo di Fermo.


Alessandrini promette una campagna elettorale responsabile, in cui il partito punterà a parlare delle tante cose che sono state fatte: “Chiediamo alla gente di valutare con serietà – spiega il segretario provinciale –. Abbiamo portato a casa tanti risultati a cui in questo momento però non viene dato il giusto peso, cose reale e tangibili: mi riferisco ai recentissimi dati positivi sulla disoccupazione, che non si vedevano ormai da anni, alle leggi in materia sui diritti civili e agli investimenti sulla scuola: grazie ai provvedimenti varati dai governi PD la sola città di Fermo ha avuto a disposizione 13-14 milioni per l'edilizia scolastica".


Alessandrini poi difende con convinzione l'operato del governo anche sul capitolo terremoto, argomento che ha invece attratto diverse critiche alla giunta regionale guidata da Luca Ceriscioli: “Il governo in questo caso ha fatto anche più di quello che doveva fare – chiarisce senza giri di parole – per fronteggiare un'emergenza mai vista in Italia per entità ed estensione. Certo, ci sono stati anche dei ritardi di cui ci assumiamo tutte le responsabilità, ma non dimentichiamo che, oltre alle prime case, sono state finanziate anche le seconde, le infrastrutture pubbliche, gli opifici: aver messo a disposizione tutto questo è stato uno sforzo incredibile, un risultato straordinario”.


Il focus poi si sposta sulla prossima competizione elettorale e Alessandrini in questo caso sottolinea l'operato della federazione provinciale da lui guidata, capace di proporre candidati del Fermano in posizione ad elezione certa (Verducci) o fortemente possibile (Petrini): “Innanzitutto va evidenziato che i nostri rappresentanti ci sono stati sempre per il territorio, anche nelle emergenze, gli altri invece non si sono visti – è l'affondo del segretario provinciale -. Ci sono stati per il terremoto così come per la questione del calzaturiero, riuscendo anche a far sì che il tavolo provinciale sull'argomento arrivasse anche al Mise e alla viceministra Bellagamba e spendendosi per l'apertura dello stato di crisi complessa”.
“Per quanto riguarda la formazione delle liste – prosegue Alessandrini – siamo riusciti a candidare persone del territorio e non in seconda o in terza fila come per tutti gli altri partiti, in cui gli esponenti del Fermano sono solo specchietti per le allodole”.

 

Ancora da stabilire se alcuni big nazionali del partito passeranno nel Fermano: incerta la visita di Renzi, più che possibile quella di Gentiloni, che è capolista del listino bloccato per il plurinominale alla Camera nel collegio delle Marche del Sud.
“Non abbiamo comunque bisogno di fuochi d'artificio – commenta Alessandrini  rilanciando il tema della sobrietà e della serietà a cui il Pd vuole improntare la propria campagna elettorale – perché siamo consapevoli della nostra forza e di aver messo in campo delle candidature di spessore: siamo radicati sul territorio e siamo convinti di poter vincere questa partita”.

 

Manifesto_campagna_elettorale_PD

Letture:1640
Data pubblicazione : 01/02/2018 12:53
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications