Politica
Ciriaci (FI): "Bloccare i nuovi arrivi di immigrati e rimpatriare i clandestini, vuol dire rispettare gli uomini"

"Siamo nelle condizioni in cui dire “bloccare i nuovi arrivi di immigrati e rimpatriare i clandestini” per  molti è sinonimo di affermazione “razzista”". Sono le parole di Graziella Ciriaci, imprenditrice ortezzanese candidata dal partito di Forza Italia, all’uninominale per il Senato, al collegio Marche sud (Fermo, Ascoli Piceno e basso Maceratese) per le elezioni politiche del 4 marzo, espresse durante un confronto con gli elettori, su uno dei temi centrali e più delicati della campagna elettorale: quello dei disagi sociali e dell’immigrazione. 

Ciriaci (FI):
Graziella Ciriaci con il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani

"Il disordine, le difficoltà, spesso la violenza legata al fenomeno dell’immigrazione incontrollata, sono sotto gli occhi di tutti. Eppure – ha proseguito la candidata – parlare della necessità di agire a livello politico europeo per ripianificare il contesto immigrazione e riflettere sulle condizioni socio culturali attuali, non è facile per molte persone che additano questa necessaria presa di coscienza come stile “razzista”. Invece, un  tema così importante e centrale che mette in gioco il futuro di una nazione fatta di uomini e donne, non può essere strumentale né ad una campagna elettorale né a nessun credo partitico. I fatti di sangue che sono avvenuti nelle Marche, come in tutta Italia, dimostrano il fallimento del sistema politico degli ultimi anni, che ha la grave colpa di aver trasformato i valori di accoglienza, integrazione e senso di comunità, custodi dello sviluppo socio culturale di una nazione, in una triste guerra tra poveri. Mettendo da parte ogni slogan razzista che offende e  svilisce chiunque, restano disagi, difficoltà, malesseri e addirittura imbarazzi, all’interno di un contesto socio culturale che sta implodendo trascinando con sé anche chi, nella solidarietà e nell’accoglienza, ha sempre creduto come valori di crescita e allo stesso tempo ha sempre rifiutato la violenza. Ecco allora che: “bloccare i nuovi arrivi di immigrati e rimpatriare i clandestini” (attraverso accordi internazionali che permettano anche di salvare in mare chi rischia di annegare) diventa sinonimo di rispetto per il prossimo, vera fiducia nell’integrazione basata sulla solidarietà e soprattutto diventa lo stimolo per costruire una società forte, radicata sulla buona qualità della vita, condizione spettante di diritto a tutti, che il governo ha l’obbligo di garantire. Sfido chiunque, oggi, a parlare di buna qualità della vita e invito a riflettere sullo stato della situazione reale, affinché ognuno creda nella possibilità del cambiamento e nel raggiungimento di un vero equilibrio sociale, fondato su coesione interna e sviluppo umano".

Letture:1796
Data pubblicazione : 15/02/2018 12:45
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications