Politica
IL TRACOLLO DEL FERMANO. Francesco Verducci sarà l'unico parlamentare della nostra Provincia nella XVIII legislatura

Si sapeva già in fase di presentazione della candidature che il Fermano avrebbe rischiato di perdere dei rappresentanti rispetto ai tre parlamentari dell'ultima legislatura.

L'unico parlamentare uscente sostanzialmente certo della rielezione era il senatore Francesco Verducci, candidato capolista del Pd nel listino bloccato per il Senato: ed effettivamente, nonostante un risultato percentualmente inferiore alle aspettative nella nostra regione, per quanto comunque superiore alla media nazionale, il partito è riuscito a conquistare quel seggio sufficiente per garantire un altro mandato al docente universitario di Servigliano. 

 

IL TRACOLLO DEL FERMANO. Francesco Verducci sarà l'unico parlamentare della nostra Provincia nella XVIII legislatura

Era allora prevedibile che il resto della rappresentanza del Fermano sarebbe stata affidata essenzialmente alle performances elettorali di Paolo Petrini e Graziella Ciriaci. E se l'imprenditrice ortezzanese è uscita sconfitta nella sfida contro il pentastellato Giorgio Fede, accusando però un margine tutto sommato piuttosto ridotto, l'ex sindaco di Porto Sant'Elpidio e assessore regionale ha fatto la fine di quasi tutti i candidati della coalizione di centrosinistra nei collegi uninominali: terzo posto a distanza siderale dal duo di testa.

 

Due risultati a loro modo pesanti per due “pezzi grossi” della politica locale, che mancano quindi l'appuntamento con l'elezione (o la rielezione, nel caso di Petrini) in Parlamento. Per il resto si sapeva che tutti gli altri esponenti della nostra Provincia inseriti nelle liste dei vari partiti occupavano posizioni ad elezione sostanzialmente impossibile. Qualche piccola speranza poteva forse nutrirla il professore fermano Giuseppe Buondonno, capolista al Senato per Liberi e Uguali, una possibilità però immediatamente preclusa dalla debacle della nuova forza di sinistra guidata a livello nazionale da Piero Grasso.

 

Si è così materializzato uno degli scenari peggiori possibili immaginati al momento della delineazione dei confini dei collegi elettorali: il Fermano, al cui capoluogo non era stato nemmeno riservato il nome di un singolo collegio (quello della Camera che comprendeva Fermo portava infatti la denominazione di Civitanova Marche per via della maggiore popolosità della città rivierasca) e che sempre alla Camera era stato persino smembrato in due parti, avrà un solo rappresentante nella prossima legislatura: un ulteriore vulnus ad un territorio che sembra far sempre più fatica a recitare un ruolo importante nei tavoli che contano.

Letture:3250
Data pubblicazione : 05/03/2018 13:35
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Bar/sani G

    07-03-2018 19:40 - #4
    Commento 2 leggo un impercettibile tono di acredine nel suo commento. Ci può stare l'amarezza è tanta e credo sia direttamente proporzionale all'arroganza del "SUO", si fa per dire, segretario. Non riconoscere che Renzi si è giocato un patrimonio di voti, consensi e credibilità è come mettere la testa sotto la sabbia. Ascoltando la sua comunicazione post voto si è avuta l'impressione che nelle sue parole ci sia stato il "disprezzo" per gli Italiani. Le chiedo e si chieda valgono più gli interessi dei singoli (Renzi, Boschi, Orfini, Verducci ecc.ecc.) o gli interessi di questa nazione ? Se per le valgono i primi, bene ed è giusto che abbia fatto così altrimenti, mi creda se si dovesse tornare a votare il PD prendere tra l'8 e 10% ! Guardi, che non ci sono vincitori assoluti, ma due gruppi che hanno più voti di tutti, il vero vincitore è il PD che può essere l'ago della bilancia. Non farlo e capisco la tentazione, è sparire dall'agone politico e rimanere una testimonianza. Non so se si ricorda quando da bambini si organizzavano partitine e il proprietario del pallone quando era in svantaggio se lo portava via, così ha fatto Renzi ! Buon per lui...!!! PS un piccolissimo particolare, senza infierire ma la Boschi per caso non era a caccia di poltrone quando è stata inserite in sei circoscrizioni o forse questa è sempre la famosa novella di Esopo dove tutti guardiamo le pagliuzze nell'occhio del vicino ma non la trave che abbiamo nei nostri occhi ? La saluto e un consiglio non si morda il fegato per i 5 Stelle, non sembra ma hanno imparato e molto dagli errori propri e di quelli di Renzi che è stato per loro un buon maestro, infatti hanno fatto l'opposto e mi creda non era difficile capirlo ma tant'è !!!
  • paolo

    06-03-2018 22:07 - #3
    la strafottenza di renzi supera quella di berlusconi..caro amico renzi ha contribuito allo sfascio della sinistra...se cosi si puo chiamare..nella tomba berlinguer si lamenta!!!come si fa a votare un pd che tutela le banche inculando i risparmiatori...un leader sconfitto nel referndum con promessa di dimissioni non mantenute..un pd che permette contratti di lavoro tipo terzo mond tutelando gli imprenditori...contento tu...ma la legnata e'arrivata puntuale..
  • Sono con Matteo Renzi

    06-03-2018 09:41 - #2
    Ho votato PD e ne sono fiero anche se abbiamo perso le elezioni e sono perfettamente daccordo con Renzi e quanto detto in conferenza stampa. I Grillini hanno vinto le elezioni e che si facciano da soli il governo, Ma come è possibile sopportare la presunzione di un Di Battista grillino, che neanche si è prentato furbescamente alle elezioni ( dopo 2 madati dicono che tornano a casa) che invece di guardare in casa propria si mette a sbertucciare Renzi dopo averlo ricoperto di insulti in campagna elettorale. Mi sembra che la base PD anche quella poca rimasta sia con Renzi, invece i poltronisti si smarcano e pensano di riavere uno strapuntino presentandosi da Di Maio e grillini con il cappello in mano, una vergona. Bravo Renzi e non mollare, i patti davanti al caminetto che se li facciano i grillini con i leghisti e i mendicanti dello strapuntino.
  • Lucio

    05-03-2018 16:43 - #1
    L unica persona in grado di rappresentarci x competenze e professionalità era Nino...oltre il nulla...nessun buondonno...calcinaro...ciriaci...petrini...eccecc...ecco il risultato!!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications