Politica
Porto San Giorgio. I consiglieri di centrodestra chiedono la convocazione del Consiglio Comunale. "Negli ultimi sette mesi non si prendono le decisioni e non si fanno scelte"

I Consiglieri di centrodestra di Porto San Giorgio stamattina hanno protocollato la richiesta di convocazione del Consiglio Comunale, che ai sensi del regolamento dovrà tenersi entro venti giorni.

Porto San Giorgio. I consiglieri di centrodestra chiedono la convocazione del Consiglio Comunale.

"Siamo dovuti arrivare a questa iniziativa - spiegano i consiglieri - perchè negli ultimi sette mesi, ed è un fatto senza precedenti, la suprema assise della città è stata riunita solo tre volte a riprova di un governo cittadino, quello del PD, che è in uno stato di vera e propria paralisi amministrativa. Non si prendono decisioni, non si fanno scelte, ormai non si fa più nulla. Si tira a campare con la città che sta degradando inesorabilmente.
Nello specifico all'ordine del giorno del Consiglio che abbiamo richiesto ci sono due importanti interrogazioni: una dell'intero centrodestra sull'attuale caos degli avvisi TARI, a cui a onor del vero è già stata fornita ieri riposta scritta, ma che comunque merita anche una risposta in Consiglio; un'altra interrogazione di Maria Lina Vitturini sullo stato della pubblica illuminazione.
Ma l'aspetto più importante è che abbiamo inserito all'ordine del giorno un dibattito generale sul caos TARI che tanti problemi sta creando ai nostri concittadini.
Sono moltissimi giorni che l'ufficio tributi del Comune è preso d'assalto dai sangiorgesi con la conseguente creazione di code lunghissime.
I problemi sono sostanzialmente di due tipi.
Il primo è che a molti cittadini sono stati inviati avvisi per il pagamento TARI 2018 con dati errati sia sull'ubicazione e la consistenza degli immobili, sia sul numero dei componenti il nucleo familiare, dati che comportano di conseguenza anche importi della tassa errati.
Non è possibile e non è giusto che sia il singolo cittadino che debba recarsi in Comune, facendo oltretutto lunghe code, a far presente questi errori, ma è lo stesso ente che, in presenza di sbagli tanto frequenti, deve rifare bene gli avvisi e mandarli di nuovo ai contribuenti, annullando tutti quelli inviati finora.
Il secondo problema riguarda un questionario inviato a moltissimi sangiorgesi riguardante unità immobiliari che risulterebbero non aver mai pagato la TARI.
In Consiglio cercheremo di capire come è possibile chiedere a cittadini dati che la pubblica amministrazione dovrebbe già avere e come mai gli avvisi, che minacciano sanzioni se non restituiti, sono stati inviati non con raccomandata, ma con lettera semplice che, come tutti sanno, non ha alcun valore di notifica.
Diamo appuntamento ai Sangiorgesi quindi al prossimo Consiglio Comunale, al quale speriamo ci sia una folta rappresentanza di cittadini ad assistere e condividere con noi queste sacrosante battaglie."

Letture:1051
Data pubblicazione : 15/05/2018 12:02
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications