Politica
Verde a Lido. Marrozzini: "Ciarrocchi si sarebbe dovuto scusare con i cittadini e lo invito a farsi una passeggiata ricognitiva anche nel centro storico, che soffre la presenza di erbacce"

"La verità fa male e forse è questo il motivo di tanta acredine nella risposta dell’Assessore cui voglio dire che io non ho un ufficio stampa che mi cura e predispone i comunicati, come è invece accaduto alla Maggioranza. Ciarrocchi non dovrebbe dimenticare che i consiglieri rappresentano l’intera città e sebbene da sola, cerco di controllare tutti i quartieri. A fronte di una segnalazione di oggettiva situazione di incuria addebitabile a mancanze da parte del suo Assessorato, invece di accampare scuse su piogge che avrebbero impedito la raccolta o sulla deviazione del fiume Tenna, l’Assessore avrebbe potuto limitarsi a dire che avrebbe provveduto quanto prima, scusandosi del ritardo con i cittadini." non si fa aspettare la controrisposta all'Assessore all'Ambiente del Comune di Fermo, Alessandro Ciarrocchi, da parte di Sonia Marrozzini, Consigliere Capogruppo di Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista, in seguito al dibattito sul verde pubblico di Lido.

Verde a Lido. Marrozzini:

"A tal proposito voglio ribadire a Ciarrocchi che, per quanto riguarda il fatto che l’erba non sia stata raccolta, da quello che mi risulta parlando con chi vive nel quartiere, è ormai abitudine sotto al suo assessorato non provvedere a ciò dopo lo sfalcio, già da qualche anno. Da quanto ho potuto apprendere, infatti, l’Asite si limita ad effettuare il taglio e lasciare l’erba in sito - prosegue la Marrozzini.

Che andrebbe anche bene se l’erba venisse tagliata quando è ancora bassa ma non può andare più bene se questa cresce a dismisura, come accaduto, per effetto di una errata programmazione da parte di chi dirige, non certo per colpa dei lavoratori. Circa la situazione della scuola, anche qui ciò che risulta a questo consigliere è che le maestre hanno più volte segnalato la situazione all’interno del plesso ma nessuno ha provveduto ad effettuare i tagli, ne tantomeno le potature delle piante o quantomeno la rimozione dei rami caduti. Invece di ironizzare si pensi a risolvere le problematiche segnalate foriere di pericolo oltre che specchio di abbandono e incuria della costa nord di Fermo.

Mi scuso con l’Assessore se non ho specificato bene che alcune foto riguardavano San Tommaso, ma ritengo che in certe situazioni si debba dare preminenza alla sostanza, più che alla forma.

Infine voglio precisare a Ciarrocchi che, essendo egli l’Assessore all’Ambiente, il dibattito politico deve per forza di cosa attenere anche alla pulizia e alla cura della nostra città e quindi del suo compito, che secondo la sottoscritta è importante tanto quanto una nuova strada, una variante urbanistica o una festa, anche se capisco che questo a lui possa dare fastidio.

Ciarrocchi riacquisti la necessaria serenità, dunque, e faccia il lavoro che gli è stato affidato con spirito di servizio e con la dovuta attenzione, considerando che anche le vie del centro storico soffrono la massiccia presenza di erbacce per le quali ometto di inviare le foto, invitandolo a fare una passeggiata ricognitiva, uscendo dall’ufficio di Assessore, e lasci all’opposizione il compito istituzionale di far notare dove si sta sbagliando."

Letture:1682
Data pubblicazione : 25/05/2018 12:17
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Paolo

    25-05-2018 17:28 - #1
    Ma perchè la Marrozzini con lo stello zelo e puntiglio che dimostra oggi non ha fatto la stessa cosa quando era consigliere del PD e amministravano loro. Risulta alla Marrozzini che la città quando amministrava la Brambatti e il PD era più pulita di oggi ? La risposta la fornisco io, NO, negli anni passati era peggio, il verde che più verde non si può, in certe giardini pubblici sembrava di stare in Amazzonia.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications