Politica
La Marcozzi e Celani attaccano il governo: "Il nulla, anche e soprattutto sul terremoto". E Forza Italia invoca chiarezza sulla struttura commissariale

"Il nulla. Anche e soprattutto sul terremoto. Questo Governo, ogni giorno che passa, dimostra sempre più di essere assolutamente inadeguato a guidare il Paese, soprattutto in un momento critico come l’attuale, con emergenze da affrontare. Su tutte, quella legata al sisma. Il Governo latita. Ma Forza Italia con responsabilità e impegno non dimentica chi da due anni soffre". Parole durissime quelle indirizzate dai consiglieri regionali azzurri Jessica Marcozzi e Piero Celani nei confronti dell'esecutivo Conte. 

La Marcozzi e Celani attaccano il governo:

"Il nostro vicecapogruppo alla Camera dei Deputati, Simone Baldelli, ha infatti presentato un ordine del giorno al Milleproroghe, votato pressoché all’unanimità dalla Camera, in cui si impegna il governo ad assumere "quanto prima una decisione chiara sulla figura del commissario per la ricostruzione nelle zone terremotate, superando l'attuale precarietà del regime di prorogatio" - si legge ancora nella nota -. Il testo approvato impegna il governo "ad intervenire al più presto sul piano normativo su temi di interesse centrale per le popolazioni colpite del terremoto, come quello della continuità della struttura commissariale, che scadrebbe il 31 dicembre 2018, e sui contratti dei lavoratori a tempo determinato, circa un migliaio, attualmente impegnati sull'emergenza nella struttura commissariale, negli Uffici speciali per la ricostruzione e nei Comuni e ai quali è necessario dare certezze professionali e continuità di servizio per i prossimi anni". Dal canto nostro chiediamo con forza all’Amministrazione regionale di fare tutto quanto nelle sue capacità per spingere il Governo a smuoversi dall’immobilismo e ad affrontare concretamente l’emergenza sisma dando risposte, se ne sono capaci, ai nostri concittadini che soffrono da troppi mesi".

Letture:911
Data pubblicazione : 15/09/2018 14:11
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Franco

    15-09-2018 21:48 - #1
    E su, ma perché continuate a farvi del male Celani e Marcozzi ! La vostra è una storia già sentita e risentita ed è pure vergognoso che voi, politicamente, veniate a sostenere certe cose . Premetto per dovere di oggettività che non sono ne della Lega e ne del Movimento 5 Stelle Ma guardo ai fatti passati, presenti e futuri. Dopo le note vicende, l'attuale governo si è insediato da circa 3/4 mesi e voi gli addossate tutte le colpe del mondo sul sisma quando abbiamo avuto due commissari Errani e la De Micheli rigorosamente PD che non sono stati capaci di tirare fuori un ragno dal buco. Due anni di totale nullità sia dal punto di vista normativo che per quanto riguarda la ricostruzione sia pubblica che privata. Come fate a sostenere che la colpa sia di chi ci governa attualmente che ritengo giustamente vuole vederci chiaro su quanto è successo in precedenza, soldi spesi, come sono stati spesi e come poter affrontare una seria ricostruzione. Solo gli sciocchi o i prevenuti possono pensare che tutto si possa risolvere in un lampo. Ricordo alle due figurine della politica de noantri, che tale Silvio Berlusconi, nel sisma dell’Abruzzo, quello che colpi l’Aquila promise a “ora” (verbalmente) una ricostruzione in pochi mesi. Risultato ? Spesi diversi miliardi per case realizzate già fatiscenti, la ricostruzione dopo anni e anni è ripresa solo da poco tempo e con grandi difficoltà economiche per accedere ai fondi. Forse Celani e Marcozzi i fondi ce li siamo fumati per il G8 dell’apparire voluto dal Gran Maestro Silvio detto Berlusca. Che si faccia politica può stare anche bene, che si mistifichi la realtà da parte di un partito, Forza Italia, che oramai è ridotto a testimonianza del tempo che fu è incommentevole. Prima di pensare agli italiani che sono bravi, per fortuna, all’auto sostentamento perché non vi guardate intorno ed evitare magre figure ?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications