Politica
Stop ai fondi per Lido Tre Archi, tolte risorse anche alle zone terremotate. Il Pd fermano insorge: "Il nostro territorio vittima di uno dei più grandi furti della storia"

“Siamo qui per denunciare il furto che si sta perpetrando ai danni del nostro territorio, uno dei più grandi mai registrati nel corso della storia italiana”. E' un fiume in piena Fabiano Alessandrini, segretario provinciale del Partito Democratico, a due giorni di distanza dalla conversione in legge del Decreto Milleproroghe che dispone il rinvio di due anni dei fondi stanziati nell'ultima legislatura dai governi dem e che sarebbero serviti a finanziare 96 progetti di riqualificazione (tra cui quello di Lido Tre Archi) delle periferie dei capoluoghi di provincia di tutta Italia.  

Stop ai fondi per Lido Tre Archi, tolte risorse anche alle zone terremotate. Il Pd fermano insorge:

E la rabbia piddina cresce nella misura in cui, a margine del voto finale a Palazzo Madama, il Governo ha anche optato per la cancellazione del punto all'ordine del giorno della riunione della Conferenza Unificata relativo proprio alla discussione su come provare a recuperare quelle risorse in una norma successiva. “Quanto successo all'incontro con l'Anci (che in seguito all'accaduto ha congelato i propri rapporti con l'esecutivo nazionale, ndr) è emblematico di quale sia la volontà gialloverde – incalza Alessandrini -. Del bando per le periferie si riparlerà se tutto va bene dopo il 2020: se va bene, però, perché nel frattempo quelle risorse non ci saranno più perché verranno utilizzate per fare un po' di flat tax e un po' di reddito di cittadinanza. E' un furto che si sta perpetrando nel silenzio generale: ad esempio c'è un'assenza totale dei parlamentari di governo eletti in questo territorio”.

Quella di Alessandrini è una rabbia mista a preoccupazione. Rabbia per i motivi già esposti e perché si va a bloccare un progetto arrivato ormai alla conclusione del suo iter preliminare; preoccupazione perché la riqualificazione di Lido Tre Archi avrebbe avuto effetti positivi non solo per la città di Fermo ma per tutta la fascia costiera della nostra provincia.

 

Ma non è finita qui, perché secondo i vertici dem del territorio (in conferenza stampa erano presenti anche l'ex segretario provinciale Paolo Nicolai e il numero 1 del Pd del capoluogo Carlo D'Alessio) un altro furto nei confronti del nostro territorio è già arrivato anche in relazione al terremoto e ora rischia di aggravarsi ulteriormente: “Con il Milleproroghe il Governo ha detto no al sostegno delle partite Iva e agli ammortizzatori sociali per i lavoratori colpiti da questa tragedia, oltre a non rinnovare le risorse per i tecnici dei Comuni che stanno gestendo l'emergenza post-sisma – prosegue Alessandrini -. Tutte risorse che erano state già messe in campo e che ora vengono negate”.

Ma non è finita qui perché, evidenzia il segretario, nella bozza del decreto al vaglio del Governo in merito alla questione del Ponte Morandi a Genova trovano spazio anche misure urgenti per gli eventi sismici del Centro Italia: secondo quanto si legge all'articolo 38, comma 1, lettera d) del testo, spetterà ad un Decreto del Presidente del Consiglio individuare i comuni in cui verranno applicate in via prioritaria.

Quello che al Pd non va giù, però, sono i criteri con i quali verrà stilata questa lista: il rapporto tra il numero di edifici inagibili presenti nel Comune e il numero di quelli totali nei territori colpiti dal sisma, il tasso di non utilizzabilità delle strutture presenti nei singoli territori comunale, la pericolosità territoriale dovuta alla presenza di fenomeni di dissesto idrogeologico e persino, e questo è il punto su cui più si concentrano gli strali dei dem, il numero di vittime: “Significa che si andrà a individuare un cratere nel cratere in base a queste caratteristiche, con contestuale blocco totale di tutto il resto fino a quando non verrà completata la ricostruzione di questi paesi – spiega Alessandrini -. Inoltre è previsto anche il rinnovo dei Cas (contributi di autonoma sistemazione) fino al 2020: dobbiamo presumere che fino a quel momento per gli sfollati non ci sarà possibilità di tornare a casa?”.

 

Il segretario dem non rinuncia nemmeno a togliersi un sassolino dalla scarpa ripensando all'esito delle elezioni di febbraio: “Oggi, oltre a Verducci, avere un Petrini o anche un Ceroni in più in Parlamento sarebbe stato importante: non è la stessa cosa avere al loro posto questi cialtroni. Mi dispiace ma votare di pancia porta delle conseguenze e purtroppo i cittadini stanno cominciando a rendersene conto”.

Quello che il Pd rivendica, anche attraverso le parole di Nicolai e D'Alessio, è di averci sempre messo la faccia e di esserci stato in ogni situazione, laddove adesso gli altri invece latitano.

La linea da tenere ora, però, è molto chiara: attivarsi in tutte le sedi per proseguire la battaglia insieme ai parlamentari, ai sindaci e al Presidente della Regione. Una battaglia che, secondo i vertici piddini, va vinta perché in ballo c'è la difesa di quel territorio di cui molti si sarebbero semplicemente riempiti la bocca a meri fini elettorali.

Per centrare l'obiettivo i dem cercano sponde, a cominciare dalle prossime elezioni per il rinnovo dei consigli provinciali: “Il Pd, date anche le ultime nette affermazioni a Porto San Giorgio, Sant'Elpidio a Mare e Porto Sant'Elpidio, potrebbe anche presentare tranquillamente una propria lista – chiude Alessandrini – ma siamo disponibili a ragionare con chi, soprattutto tra i civici, vuole intavolare questo ragionamento di difesa del territorio: chi su questi temi vuole portare avanti una battaglia comune ha fin da subito la disponibilità del Partito Democratico”.

Letture:1950
Data pubblicazione : 22/09/2018 15:23
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
7 commenti presenti
  • FERMANO VERO

    24-09-2018 19:50 - #7
    NOI VERI FERMANI SIAMO STUFI DI QUESTO GOVERNO CHE CI TAGLIA I FONDI, E' ORA DI RIMANDARLI A CASA, CI LEVANO I SOLDI CHE NOI ABBIAMO SBORSATO CON LE NOSTRE TASSE E IL NOSTRO DURO LAVORO NEI CAMPI E NELLE OFFICINE PER DARLI AI RICCHI (FLAT TAX) E AI DISOCCUPATI (REDDITO DI CITTADINANZA). E' ORA DI FINIRLA, NOI VERI FERMANI SOSTENIAMO SEMPRE IL PD CONTRO IL GOVERNO CHE CI LEVA I SOLDI DELLE NOSTRE TASSE. W FERMO W IL PD CHE CI SOSTIENE SEMPRE CONTRO IL GOVERNO DEL GRANDE FRATELLO!
  • Forza PD

    24-09-2018 16:26 - #6
    Alessandrini, obiettivo raggiunto! 1100 lettori di un comunicato stampa che in sostanza non dice nulla è un miracolo di comunicazione. Avanti così !
  • Marco S

    24-09-2018 15:33 - #5
    Mammamia. Un tiro al piccione ingeneroso o forse troppo generoso. Insomma il PD è al bivio o la chiusura per incapacità politica o la rigenerazione con altri presupposti. Non si scappa. Pare a tutti evidente che l'attuale classe dirigente è impreparata a formulare una nuova politica senza ripercorrere gli errori del passato. La soluzione condivisibile è quella di una chiara e definitiva scissione tra i Renziani e gli anti Renziani. Non c'è possibilità di mediazione tra chi vuole una politica di centro destra e gli altri che rimangono ancorati ed anche giustamente a riallacciare un dibattito con l'intera sinistra. Non se ne esce con la semplice mediazione che momentaneamente nasconde i problemi ed i contrasti per poi farli riemergere subito dopo. E' già stato sperimentato. Due visioni contrapposte della costruzione di una nuova società all'interno di un partito inevitabilmente portano al conflitto già ampiamente praticato a sinistra negli anni passati. Quindi come in una buona coppia quando le cose non vanno si prende atto della incomunicabilità e si dividono le strade. Inutile continuare una agonia. Occorre essere realisti e non struzzi. Aspettiamo comunicati stampa veri e di proposte segretario Alessandrini e non le solite invettive che non portano lontano. Un simpatizzante PD
  • Guglielmo Scocco

    24-09-2018 08:42 - #4
    Mi dispiace Alessandrini ma voi del PD non avete ancora capito nulla e di come va il mondo che vi circonda ! Avete perso il contatto con la realtà, siete disconnessi con la gente e con i reali bisogni del "popolo" quello che ha fatto del PCI un partito di massa. Continuate a pontificare dalle vostre stanze e parlare di problemi di cui non conoscete la reale situazione. Spiace dirlo ma vi siete fatti scavalcare a sinistra dalla Lega (ed è tutto dire) e dal M5S. Non è questa la strada giusta per rigenerare un partito. Prendiamo per esempio il sisma. La invito a farsi un giro in macchina o forse sarebbe meglio in pulman, visto che la Steat fa buoni prezzi, nelle aree colpite, quelle dentro il così detto cratere. Troverete, parlando con la gente ed i tecnici, sia comunali che esterni che sicuramente c'è un forte malcontento per come sono state gestite le cose. Alessandrini in quelle zone c'è l'immobilismo e un caos normativo che avete creato voi del PD con i vostri commissari e non altri. Non mistificate la realtà. Sul sisma avete fallito occorre prenderne atto e non continuare a dire che la colpa è di chi è da tre mesi li ! Siate seri ! Per istruire le pratiche, bene che vada passano quattro mesi una vergogna ! Sulle opere pubbliche c'è uno stallo pauroso, siamo alla farsa! Il vostra grande problema Alessandrini è la credibilità che avete in questi dieci anni di governo, prendetene atto. Vi comprendo quando nei vostri comunicati non dite nulla e sapete solo inveire è perchè non avete una idea di Italia che non può essere quella di subalternità a tutti. Avete avuto subalternità alla Fornero che non si poteva modificare per mancanza di fondi e poi avete speso 10 miliardi per gli ottanta euro quando Damiano del vostro partito sosteneva quota 100 da diversi anni cosa che sta facendo l'attuale governo. Avete parlato di lavoro per i giovani e avete creato solo posti precari avvantaggiando solo i vostri amici imprenditori "domenicali". Ma caro alesandrini il vostro male dei mali ha un nome e cognome Matteo Renzi con tutti i suoi fedelissimi che sta distruggendo quel poco che è rimasto del partito. Nel PCI di altri tempi e di altri modi dove la vera democrazia era una pratica quotidiano, l'individuo sopra nominato e la sua ciurma sarebbe stato accompagnato , con buone maniere, fuori dalla porta. Alessandrini meno comunicati stampa, più contatto con la realtà e meno demagogia, altrimenti la morte del PD è sicura !
  • Luigi T.

    23-09-2018 21:44 - #3
    Bar/sani ha centrato il problema del PD ! L'elaborazione del lutto del 4 Marzo, vi ha stravolto. E' come se il tempo sia rimasto, per i dirigenti del partito, fermo a quella data. Di solito il lutto, specialmente di una persona cara, si elabora in silenzio, con una riflessione sui momenti belli e brutti trascorsi. Evidentemente per voi, Alessandrini, quella elaborazione non riesce a discostarsi dall’invettiva su chi vi ha reso un partito ininfluente, dopo i fasti Renziani ! Non avete capito che continuare su questa strada, il suo comunicato ne è una testimonianza, come le interviste di Martina, Renzi, Marcucci ed altri del PD, ha un solo risultato, far crescere Salvini e Di Maio. Non occorre essere statisti per capire che quella strada di denigrare gli avversari senza proporre una alternativa è devastante. Usare un fiume di parale come il suo comunicato e non dire nulla su come voi intendete risolvere i problemi non serve. Meglio il silenzio! E’ il tempo della riflessione e non della confusione di cui siete maestri. Un partito dove è in atto, da anni, un tutti contro tutti, non va lontano. Fermatevi, ragionate, discutete, trovate una linea comune che non sia il solito ritornello. Siamo i più bravi, siamo i più belli, siamo i più intelligenti. Alla gente di voi frega poco, servono risposte chiare senza aspettare che gli altri falliscano! Allora Allessandrini vogliamo capire che proponete sulla riforma fiscale con una evasione dell’IVA di 34 miliardi ? Che proponete sull’evasione fiscale di 180 miliardi ? Che proponete sulla eliminazione del contante per azzerare il nero ? Che proponete per far si che il medico, il professionista o l’idraulico ci dica 50 euro senza fattura o 70 euro con fattura ? Che proponete sulla riforma della giustizia per far durare i processi non 15/20 anni ma, al massimo 4 anni, diminuendo i gradi di giudizio e soprattutto una depenalizzazione dei reati minori ? Che ne pensate sulla riforma della Costituzione, con la vera eliminazione del Senato, l’accorpamento delle regioni e dei comuni e l’eliminazione (vera) delle provincie ? Che ne pensate della riforma della sanità che è diventata un assumificio vergognoso da parte delle regioni ? Che ne pensate della riforma della scuola che deve essere totalmente rifondata per programmi, didattica, modalità premiali per i meritevoli, scuola a tempo pieno e strutture adeguate ? Che ne pensate di una riforma seria degli appalti pubblici che Cantone non è più in grado di gestire ? Che ne pensate, infine della riforma del lavoro e delle pensioni che non avete saputo affrontare dopo che la “Professoressa Fornero” si era dimenticata di circa 150/200 mila esodati ? Come potete continuate a dire che i soldi non ci sono e che qualsiasi riforma è impossibile per i costi esorbitanti, spendendo poi 10 miliardi di euro inutili e dati poi tolti e poi ridati per 80 euro che non hanno prodotto nulla ? Che proponete sulla precarizzazione del lavoro e sullo sfruttamento dei giovani da parte dei vostri amici imprenditori che assomigliano più ad avvoltoi che a veri capitani d’industria ? Tutti temi vecchi caro Alessandrini che voi del PD li avete affrontati da destra e non da sinistra come tutti gli elettori si aspettavano. Gli accordi, malsani, con Berlusconi e con Forza Italia vi sono costati cari, carissimi in termini di credibilità e voti. Se volete continuare su questa strada bene, potete farlo ma ve ne dovete assumere tutte le responsabilità e non, come state facendo ora accusando gli Italiani di non aver saputo votare. Atteggiamento politico patetico, immorale e che vi porterà solo al dissolvimento del partito.
  • ffrancesco

    23-09-2018 15:15 - #2
    Vi state consumando come una candela accesa e non fate più luce-
  • Bar/sani G

    22-09-2018 16:31 - #1
    Alessandrini ma quanta confusione fa nei suoi comunicati stampa. Non si sa come leggerli per la pochezza del contenuto. Sono interventi privi di una logica politica e buoni solo per qualche sprovveduto del suo partito a cui non avete avuto, ancora il coraggio di dire la verità e cioè che il PD è in via di estinzione. Andiamo ai contenuti, se così li vogliamo chiamare, del comunicato stampa. Senza tema di smentita è stato il PD a votare l’emendamento posto dal governo per SOSPENDERE e non annullare i fondi sulle periferie in quanto molti progetti risultano incompleti, parziali, poco realizzabili e soprattutto inadeguati a dare risposte VERE alle periferie. Contrariamente ai vostri fondi a pioggia pre elettorali c’è stato qualcuno che giustamente e correttamente sui soldi che voi avete promesso per qualche voto in più abbia stoppato momentaneamente i finanziamenti. Se non ricordo male Tre Archi ha già avuto soldi per la sua riqualificazione, ai bei tempi delle vostre vacche grasse, dove sono finiti ? I lavori fatti hanno migliorato il quartiere e risolto i problemi ? No !!! Basta chiedere ai residenti. Il progetto di Tre Archi proposto non avrebbe risolto nessuno dei problemi ma sarebbe servito alla solita mangiatoia di cui i vecchi partiti sono abituati. Sisma. Alessandrini se fossi in lei sul sisma stenderei un velo pietoso e il silenzio dovrebbe essere la vostra stella polare da qui a trent’anni. Non so dove vive e come vive ma sembra più un extraterrestre che uno che si spaccia per segretario di una partito…si fa per dire serio ! Ma se Renzi, Errani, Gentiloni e la De Micheli hanno messo in piedi la più grande, inefficiente, inefficacie e costosissima macchina farlocca di tutti i tempi sul sisma che neppure è in grado dopo due anni di dare risposte all’inizio della ricostruzione come fa a sostenere e parlare di truffe. Sicuramente si riferiva a quelle del suo partito, sull’acquisto delle casette di legno tutto senza gara o quella dell’acquisto di immobili invenduti a costi esorbitanti ?!!! Certo un uomo come lei della vecchia politica rimpiange i tempi degli inciuci tra PD e Forza Italia. Non si rammarichi tra poco il vecchio e ammuffito patto tra Renzi e Berlusconi tornerà in auge per la vostra grande gioia. Se poi guardiamo i nomi che ha fatto, Verducci, Petrini e Ceroni, bhe, questa è una classe politica di cui nessuno sente la mancanza, anzi bene hanno fatto gli elettori o i partiti a mandarli a casa per impreparazione e inefficienza. Salvo Verducci messo sempre in posti elettivamente sicuri che non avevano neppure bisogno di campagna elettorale. Insomma uno squallore politico spazzato via per fortuna dagli elettori. Alessandrini e C. nella vostra “farneticante” nota politica, tutto torna. Vi manca il potere e cercate sponde dove ? Non già, come sarebbe normale, tra i cittadini che vi hanno ripudiato ma attraverso i meccanismi della politica non rappresentativa del volere popolare, quella dei nominati. Con la magnifica riforma Del Rio del governi Renzi/Gentiloni di semiabolizione delle Provincie oggi i Presidenti delle stesse debbono essere nominati dai Consigli Comunali e non dal popolo e quindi ll PD per paura di perdere quei pochi posti che ancora avanzano cerca accordi anche in svendita con tutti, liste civiche, Forza Italia, la Meloni pur di rimanere attaccati alle loro misere poltrone. Poltrone che hanno tutte un grande difetto, scricchiolii continui a partire da quella del Presidente Ceriscioli che è quella più a rischio. Ecco è questa la sintesi del comunicato stampa del PD, aiutiamoci tra poveri per continuare a sostenere i costi delle mega strutture (circoli, segreterie, immobili, stipendi) che fino ad ora sono state allegramente mantenute da fonti esterne ????!!!! Andreotti diceva il Potere logora chi non ce l’ha. Al PD è bastato poco per andare in crisi di astinenza. Si tranquillizzi Alessandrini gli Italiani non sono scemi come molti nel PD pensano, anzi un piccolo consiglio per voi meno apparite e meno danni fate a…voi stessi !
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications