Politica
Marcozzi e Cangini sui fondi per il Contributo di Autonoma Sistemazione: “Immediata chiarezza dall'Amministrazione regionale”

“La Regione non ha più fondi per pagare il Contributo mensile di autonoma sistemazione (Cas) e  scrive ai sindaci, dunque, di non prendere ulteriori impegni di spesa. A rischio anche i rimborsi per gli alberghi che ospitano gli sfollati. La Protezione civile smentisce. Chiediamo immediatamente delucidazioni all'Amministrazione regionale che dinanzi a uno scenario così preoccupante, anzi drammatico, non può tacere” la denuncia arriva dalla Capogruppo regionale FI Jessica Marcozzi, alla quale segue anche l'interrogazione di Andrea Cangini, senatore di Forza Italia.

Marcozzi e Cangini sui fondi per il Contributo di Autonoma Sistemazione: “Immediata chiarezza dall'Amministrazione regionale”

“Dove sono i Cas che spettano a circa 20 mila sfollati? Ed è proprio questo che ho chiesto con precisa interrogazione a cui spero venga risposto con urgenza. Vogliamo anche chiarezza su chi sia il responsabile dello stop ai fondi. I nostri concittadini terremotati e sfollati hanno già atteso anche troppo risposte concrete, mai arrivate. L'Amministrazione regionale, che avrebbe chiesto senza ricevere risposte ulteriori fondi al Dipartimento della Protezione civile, e il Commissario straordinario per la ricostruzione battano un colpo” ha concluso la Marcozzi.

 

Sulla stessa line arriva anche l’interrogazione di Cangini. "La Regione Marche scrive ai sindaci del cratere sostenendo che, a causa della mancata erogazione dei relativi fondi da parte del governo, non sarà più in grado di pagare ai terremotati il Contributo mensile di autonoma sistemazione (Cas) né di rimborsare gli alberghi che ospitano gli sfollati. La Protezione civile smentisce.”

 

“Il premier Conte e suoi vice Di Maio e Salvini, che sul terremoto hanno fatto la campagna elettorale per poi abbandonare i terremotati al loro destino, prendano posizione e dicano parole chiare. Ma se è vera la smentita della Protezione civile, il governatore Ceriscioli farebbe bene a mettersi una mano sulla coscienza e a spiegare il senso di una lettera che aggiunge incertezza all'incertezza. Delle quattro regioni colpite dal sisma, le Marche sono quella più indietro nella ricostruzione: sarebbe ora che anche il Pd si assumesse le proprie responsabilità" ha concluso Cangini.

 

Letture:1390
Data pubblicazione : 12/10/2018 15:16
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Giusto

    20-11-2018 17:29 - #3
    Per quanto mi riguarda so di per certo che a Cerqueto una fraz. di Civitella del Tronto un imbroglione ha preso il CAS senza averne ditirro su una seconda casa, fingendo anche che il padre abitasse con lui, mentre entrambi con il resto della famiglia abitano al mare, tutto il paese lo sa e lo conosce ma nessuno parla, non ci sono stati controlli di niente da parte del Comune, e inoltre c'e' addirittura chi ha creato finte imprese di costruzione con sede all' estero, per accapararsi soldi dello Stato dati per alluvioni e terremoti ( Sara' forse la stessa persona?) . NESSUN CONTROLLO in Abruzzo e' uno schifo davvero le Marche hanno creato apposite commissioni per rivedere dettagliatamente tutte le autonome sistemazioni e controllare ad uno ad uno ogni sfollato dove vive e se verramente e' un terremotato o un delinquente.
  • Aragorn

    15-10-2018 22:14 - #2
    quando ho letto il titolo pensavo che la vostra protesta si riferisse a come i contributi siano stati assegnati senza nessun criterio, pare che da queste parti sia spuntata più di un'auto nuova di zecca...niente si può aggiungere a quello che ha scritto borbonese, se non che ci sarebbe anche la questione dei famosi 5000 euro di indennizzo per i lavoratori autonomi, altro scandalo colossale...chi volesse rinfrescarsi la memoria può cercare "amandola contributi dopo il sisma"...mi verrebbe da dire: quando la piantate con la campagna elettorale? invece mi rendo conto che è appena cominciata...sbrigheteve insieme ai vostri soci del pd, perché esso tra contributi, ricostruzioni, ospedali, e magheggi vari, è praticamente ora de ji a votà!
  • Borbonese dei Borboni

    12-10-2018 17:43 - #1
    Cangini e Marcozzi, mettete in sintonia cervello, (se c'è) e bocca, (quella non manca). Nel Vostro comunicato sostenete che è vergognoso lasciare in mezzo alla strada 20.000 persone senza erogare il dovuto (?) CAS. Forse non vi siete bene informati. Attualmente la sola regione Marche ha erogato ben 195 miloni di euro di contributi a famiglie molte delle quali utilizzano le loro seconde case a fini abitativi in attesa di avere i cospiqui finanziamenti per mettere a posto le loro case. Secondo la vostra logica è giusto che gente che percepisce dalle 600/1000 euro al mese, senza giustificazioni possono continuare a percepire soldi pubblici. Fare una battaglia per dare soldi pubblici indifferentemente a chi paga un affitto e a chi no è un atto di equità sociale. Vi rammento che nel sisma del 1997 sono state spese solo poche lire di rimborso in quanto le ordinanze erano impostate in modo diametralmente opposto a quanto avvenuto sino ad ora. E le persone che per qualsiasi motivo dovevano abbandonare la propria abitazione era riconosciuto solo il valore dell’affitto debitamente documentato e null’altro. Nel 2016 il governo Gentiloni con il commissario Errani hanno elargito mancette a destra e a manca ed oggi la coperta è cortissima. Spendere 195 milioni in epoca di vacche magre è solo da irresponsabili è su questo che dovevate fare l’interrogazione e non su altro. Così avete avallato la solita teoria che tanto a pagare è sempre pantalone e poi vi strappate le vesti su reddito di cittadinanza per soldi dati a chi momentaneamente non lavora. Siete una colossale contraddizione. Urlate contro una finanziaria che ha rimesso al centro il lavoro, la dignità della gente, i diritti dei lavoratori e vi strappate le vesti se sono finiti i soldi per i CAS percepiti per la maggior parte da persone con seconde e terze case. !!!! Cangini e Marcozzi, per carità potete urlare quanto volete ma non c’è accenno di credibilità e proposta nel Vostro urlare. Se paragoniamo Genova al sisma ci rendiamo conto che, con tutto il rispetto per le persone che vivono fuori casa e per i morti, nella nostra regione ci sono persone che sono due anni e più fuori dalle loro abitazioni senza che ci siano rimostranze, pretese o altra roba. Ecco la dignità dei Marchigiani non è seconda a nessuno. Non siamo abituati a fare casini per questioni politiche ma guardiamo i fatti. Da una parte una tragedia, importante ma circoscritta, da noi una tragedia immane di territori che non rinasceranno mai. Cangini non è poca la differenza se casomai possa esistere differenze nelle tragedie. Forse sarebbe più utile domandarsi Cangini e C. perché sono stati buttati via tanti soldi per i CAS finalizzati solo ad una parvenza di reddito di cittadinanza e non invece per realizzare e ricostruire case private ed opere pubbliche. E’ questo il motivo del grande inganno che la vecchia politica di cui fate parte, non è capace di argomentare Cangini perché dentro quella politica ci siete voi ed il PD fino al collo !
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications