Politica
Sblocco dei fondi per le periferie, da Calcinaro un grazie anche ai Cinque Stelle fermani: "Liberare Lido Tre Archi da questa gabbia è un vantaggio per tutta la città e il territorio"

E' stata raggiunta ieri l'intesa sui fondi per le periferie, ratificata in Conferenza Unificata al Ministero per gli Affari Regionali. Un accordo che sblocca gli 8,6 milioni di euro di finanziamento per la riqualificazione di Lido Tre Arche. A questo proposito il Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro ha dichiarato:

Sblocco dei fondi per le periferie, da Calcinaro un grazie anche ai Cinque Stelle fermani:

“Abbiamo ricevuto dall’Anci il testo dell’accordo in Conferenza: questo ci fa pensare che dalle parole poi si arrivi realmente ai fatti con l’inserimento nella prossima Finanziaria della norma che fa tornare effettivi i finanziamenti. Finanziamenti che per noi saranno presto lavori, perché tutti gli interventi sono già a livello esecutivo, a partire dal primo che sarà il più importante, quello che prevede quasi mezzo milione di euro per la videosorveglianza".

"Magari mi posso anche sentire privilegiato rispetto ad altri sindaci - continua Calcinaro - vedendo le rassegne stampa su internet, nel senso che l’importanza del progetto e quindi del finanziamento è stata recepita anche da tutta l’opposizione, compresa quella che oggi ha un ruolo di responsabilità di Governo: voglio ringraziare anche il comportamento tenuto dai Cinque Stelle fermani che si sono espressi pubblicamente in favore del mantenimento di questi fondi, e questo non è da poco. Peraltro anche con il consigliere comunale Mirko Temperini siamo andati in loco a raccontare il quartiere all’on. Mirella Emiliozzi. Voglio sottolinearlo perché questo lavoro può essere portato avanti tanto più facilmente con una posizione di vera indipendenza, come quella delle nostre due liste civiche, che ci consente di dialogare senza pregiudizi con le forze politiche presenti sul territorio e a livello nazionale, con un grande rispetto reciproco pur nelle rispettive differenze, consci che il dialogo parte da questa Amministrazione per fini che possano portare solamente un’utilità alla città: questo è un fattore aggiuntivo molto importante e credo, da quello che vedo intorno, anche abbastanza raro".

"Possiamo ben dire che i primi bandi potranno partire anche entro fine anno per vedere i benefici già nel 2019 - prosegue il primo cittadino -. Voglio dire questo perché è anche un segnale nei confronti di quelle persone brave e operose che vivono a Lido Tre Archi, che sono la maggioranza, a volte anche la maggioranza silenziosa, e che oggi hanno un segno di forte speranza sul futuro di quel quartiere. Insieme con l’arrivo di ulteriori agenti, con il Questore e i vertici delle forze dell’ordine che hanno espresso la volontà importante di presidiare fortemente quella zona, noi metteremo proprio con le risorse del bando a disposizione anche un presidio H24.
Oggi cercare di liberare Tre Archi da questa gabbia è un vantaggio per tutto il territorio e per tutta la città, perché a volte i reati che vengono commessi anche altrove possono avere un nesso molto stretto con chi, si copre in quella zona per portare avanti attività delittuose: sarebbe un passo in avanti non solo per il quartiere, ma per tutta la città”.

Letture:1173
Data pubblicazione : 19/10/2018 15:11
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • l'osservatore fermano

    27-10-2018 14:12 - #1
    Fondi bloccati e voilà fondi sbloccati e conseguenti ringraziamenti ai 5 stelle! Ricominciamo dall'inizio: i fondi sono stati stanziati dal PD con il progetto dell'architetto Renzo Piano per il "rammendo delle periferie"( noi con il cuore e il cervello sinistrorsi ci chiediamo spesso che fine abbia fatto il PD) e revocati dai 5 stelle. I primi 500.000/00 euro saranno impiegati per l'acquisto e l'installazione di telecamere! Vogliamo trasformare il quartiere in Alcatraz? Però a pensare male difficilmente ci si sbaglia.."la sicurezza prima di tutto", qualcuno ne ha sentito parlare? Non vorremmo passare per semplici contestatori e pertanto qui di seguito elenchiamo alcune delle cose propedeutiche ai progetti in essere e soprattutto per evitare di spendere, forse, inutilmente i soldi preziosi a disposizione: 1) Realizzare un censimento di chi ci vive e dove 2) Verificare che chi ci vive e chi affitta abbiano denunciato alle autorità competenti il contratto. 3) Se i numeri lo permettono realizzare nidi,materne e elementari 4) Realizzare un oratorio per gli adolescenti dove giocare in tranquillità e sicurezza se i genitori lavorano 6) Creare una biblioteca dove potere scegliere a piacimento libri,socializzare e magari studiare 7) Realizzare verde pubblico attrezzato dove mamme e nonne possano portare i più piccoli a giocare. 8) Il sistema fognario è stato realizzato? 9) Un servizio di trasporti per e dal Centro città degno di questo nome e con frequenze accettabili, affinchè anche chi risiede a Fermo possa qualche volta incontrarsi con i residenti del lido Tre Archi e viceversa 10) assistiamo esterrefatti ad atti di vandalismo e violenza inaccettabili, pertanto occorre realizzare postazioni fisse per vv.uu. e/o Carabinieri o Polizia di stato. 11) incentivare il commercio con nuovi negozi e attività artigianali 12) Forse il primo per importanza,organizzare consigli comunali almeno due volte all'anno in loco. 13) Per quanto riguarda gli immobili esistenti da risanare/ ristrutturare,lasciamo agli esperti il compito di giudicare e come farlo. Utopie? Non lo so, però un luogo dove vivere dignitosamente ha certamente bisogno almeno di quanto sopra per sentirsi "parte" di una comunità. Buon lavoro e saluti cordiali a chi dovrà accollarsi l'onere (però ci saranno anche il merito e l'onore) di rendere il Quartiere un fiore all'occhiello per la nostra Fermo.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications