Politica
Rinnovo del Consiglio provinciale, si vota fino alle 20. Il Movimento 5 Stelle annuncia la sua astensione: "Attendiamo il superamento della Legge Del Rio"

Sono in corso in queste ore le elezioni per il rinnovo del consiglio della Provincia di Fermo. Il seggio, istituito presso la sede dell'ente, rimarrà aperto fino alle 20 e immediatamente a seguire avverranno lo spoglio e la proclamazione dei dieci eletti.

Rinnovo del Consiglio provinciale, si vota fino alle 20. Il Movimento 5 Stelle annuncia la sua astensione:

Come ormai noto, si tratta di un'elezione di secondo grado: possono infatti votare solamente i sindaci e i consiglieri comunali delle 40 realtà del nostro territorio, 493 "grandi elettori" chiamati ad esprimersi in un giorno lavorativo e per giunta prefestivo.

Una decisione, quella relativa alla data della consultazione, che ha trovato unanime condanna da parte delle forze in campo e che potrebbe incidere sul dato dell'affluenza e di riflesso sull'esito del voto.

Chi di sicuro non voterà per scelta, e non per impedimenti di carattere lavorativo, sono i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle (Marco Mochi e Mirko Temperini per Fermo, Moira Vallati per Porto Sant'Elpidio, Alessandro Quinzi e Danilo Santini per Monte Urano, Roberto Sabbatini per Sant'Elpidio a Mare, Barbara Montalto per Montegranaro e Simone Vecchi per Montegiorgio), che hanno comunicato la loro astensione con una nota ufficiale diffusa nella mattinata di oggi. 

"Se gli articoli apparsi sulla stampa avevano già dato tutto per scontato, la realtà è di gran lunga più complessa e, almeno per il Movimento 5 Stelle, è sempre il frutto di confronto e dialettica - scrivono gli amministratori del territorio -. Solo ieri sera e con l'unanimità di tutti i partecipanti si è preso atto di quella che è oggi la realtà politica della nostra Provincia. Poche idee e confuse! Sopratutto decine di telefonate da parte dei candidati. Tutti pronti a parlar male degli altri, anche dei loro stessi colleghi di lista. Il prossimo consiglio sarà ancora espressione di una classe politica già vista e vecchia, per facce ed abitudini elettorali. Soprattutto gli schieramenti di oggi cambieranno in corso d'opera con le solite logiche di convenienza".

"Noi staremo fuori da queste logiche e non andremo al voto - si legge ancora nella nota -. Decideranno loro e sopratutto decideranno per loro continuando a governare su Ato, Scuole e Appalti. Non lo faranno per i cittadini.  Ai cittadini non è permesso di votare e sopratutto non è neanche concesso di sapere quali saranno i programmi delle liste in campo, quale sarà ad esempio la posizione dell'una e dell'altra parte perlomeno in materia di rifiuti. Il Movimento resta in attesa dell'unica cosa sensata: il superamento della riforma Delrio!"

Letture:1056
Data pubblicazione : 31/10/2018 10:25
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Diana

    03-11-2018 14:08 - #3
    Il M5S a Fermo è inesistente. Qualche insipido comunicato di tanto in tanto e nulla più. I punti del programma? Un lontano ricordo della campagna elettorale sottotono. Nelle condizioni in cui è la città potrebbero portare avanti mille battaglie per dare filo da torcere a questa amministrazione di facciata. Lasciassero il posto a chi vorrebbe davvero portare un cambiamento a Fermo
  • ERNESTO

    31-10-2018 20:13 - #2
    Il commento 1 ha ragione. A Fermo e nel Fermano il M5S è poca cosa. Anche loro scontano l'improvvisazione su molti temi. A Fermo in particolare sono silenti totalmente come tutta l'opposizione, forse la spinta di novità e quanto sta avvenendo a livello Nazionale li ha portati alla prudenza e al silenzio per non sbagliare o......forse la strategia potrebbe essere quella di una alleanza con Calcinaro e C. per entrare nelle prossime amministrative a far parte del Governo della città Capoluogo. Insomma le solite logiche politiciste che per anni hanno governano questa Nazione. Con questa ipotesi in campo e con quanto avviene a Roma, ci siamo "fumati" anche l'ultima speranza di cambiamento. Da esterno accetto tutto ma non che si continui, anche al governo a dire oggi una cosa e domani cambiare versione è rivoltante ! Lo abbiamo sentito fare da Berlusconi da Renzi ma da chi si professa diverso no, non è accettabile. Occorre coerenza. Spiace dirlo, perché in molti ci avevano sperato, Di Maio, Tioninelli e tutti gli altri farebbero meglio invece di parlare tutti i giorni ad approfondire i temi per evitare magre figure, come sulla ricostruzione del ponte di Genova. Si sono dati i numeri al lotto per rifare il ponte passando da subito a nove mesi,poi a dodici, poi a quindici , poi a diciotto per accorgersi infine che quelli erano i tempi se tutto va bene per la demolizione. Improvvisazione, impreparazione, poca conoscenza del settore in cui si è Ministro. Un mix di puerile inconsistenza politica. Non so quanto possa durare questo stato di cose ma una cosa è certa, tra l’attacco di tutte le componenti sociali a questo governo (opposizioni, clero, sindacati, stampa televisioni, imprenditori per aggiungere le cancellerie europee) e la loro impreparazione su molti temi e la loro poca dimestichezza sul come reagire fanno supporre che la vita non sarà lunga, cosa che forse , neppure a loro dispiace visto che il contratto tra due partiti opposti non è più sufficiente a garantire una certa continuità al governo. Stiamo a vedere. Le prospettive per questa nazione non sono rose. Tra lo spread che sale ed il ritorno alle urne con il rischio che non cambi nulla, preferisco il buon senso di chi si spogli dei propri interessi partitici vedi PD e dia un segnale di collaborazione a questo governo, condizionandone le scelte perché quella si che sarebbe una sonora lezione a chi per anni ha gridato che occorreva cambiare e non continuare a mangiare popcorn per il gusto di vedere l’Italia allo sfascio, in cui tutti sono coinvolti. Ma questo sarebbe un ragionamento da stati ed un’altra storia.
  • Mahhhhhhhhhhhhhh !

    31-10-2018 11:43 - #1
    non considero i grillini di Fermo, cioè non li giudico in quanto marginali in questa amministrazione, Mahhhhhhhhhhhhhh! mi sono stufato delle loro prese di posizione oltranziste, sempre con il dito puntato contro gli altri ed è sotto gli occhi di tutti il casino che stanno facendo al governo, con il rischio di ritrovarsi con dei puri più puri di loro. Nel comunicato scrivono " Sopratutto decine di telefonate da parte dei candidati. Tutti pronti a parlar male degli altri, anche dei loro stessi colleghi di lista. ", ma scusate, ma voi non state a parlare male degli altri, in senso lato s'intende, dalla mattina alla sera e tra di voi, sempre in senso lato .....
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications