Politica
Tragedia di Corinaldo. Verducci ricorda le vittime in Senato e lancia la sua proposta all'aula: "Rivedere le norme sugli spray al peperoncino"

"Questi sono giorni di lutto per le Marche e per l'Italia intera, ci sono ragazzi che lottano per la vita in ospedale e piangiamo Emma, Asia, Benedetta, Daniele, Mattia, Eleonora, adolescenti pieni di voglia di vivere e delle inquietudini tipiche della loro età. Travolta insieme a loro, piangiamo anche una mamma che aveva appena fatto in tempo a salvare la sua bambina di 11 anni. E' un dolore senza rimedio e non potremo riavvolgere il nastro, per questo abbiamo diritto di sapere perché i nostri ragazzi non sono stati protetti". Lo ha detto il senatore del Pd Francesco Verducci commemorando nell'Aula del Senato le vittime dell'incidente nella discoteca di Corinaldo.

Tragedia di Corinaldo. Verducci ricorda le vittime in Senato e lancia la sua proposta all'aula:

"Vogliamo sapere - ha proseguito Verducci - se sono stati violati norme e parametri sul numero dei presenti, sulle misure di sicurezza, sulla natura del concerto, sull'organizzazione dell'evento e degli orari, sulla vendita degli alcolici. Vogliamo sapere se la causa scatenante è stato l'uso sconsiderato di uno spray al peperoncino, un'arma vera e propria che ha già provocato incidenti analoghi. Da quando ne è stato liberalizzato l'uso, in Italia c'è stata una diffusione abnorme e pericolosa di questi spray. Centinaia i casi di violenza, eppure è stato addirittura allegato nelle edicole al quotidiano Libero, oltre che distribuito in iniziative politiche come i banchetti del tesseramento della Lega. Quest'aula tutta insieme dovrebbe dire che quando aumenta la diffusione delle armi non solo non aumenta la sicurezza, ma crescono l'insicurezza, la paura e gli incidenti. Credo che il modo migliore per celebrare la memoria delle vittime sia che l'aula del Senato dica con forza che bisogna rivedere la norma per la liberalizzazione di questo spray. Alcuni ragazzi a Corinaldo si sono comportati da eroi e, come Davide, hanno salvato molte vite umane. Lui ha detto: "non saremo più gli stessi, se ne sono andati i nostri sogni". Dobbiamo restituirglieli. In quella generazione c'è lo specchio e la coscienza dell'Italia e noi non possiamo permettere né che si rompa né che si smarrisca".

Letture:881
Data pubblicazione : 10/12/2018 18:16
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications