Politica
Tragedia di Corinaldo. "Assuefarsi all'assurdo è la peggiore delle colpe". Il senatore Cangini propone una legge a difesa dei nostri figli

"Se il concerto fosse iniziato in orario, tutto questo sarebbe accaduto? Era un concerto per giovanissimi. Doveva iniziare alle 22, ma all'una di notte il cantante Sfera Ebbasta era ancora a Rimini. E' normale? No, non è normale. E per niente normale è il fatto che noi genitori ci si rassegni a vedere i nostri figli trattati come merce da banco, quando non come carne da macello. Quando ero giovane i minorenni in discoteca ci andavano di pomeriggio. Ora ci vanno nel cuore della notte come gli adulti. Difficile che li facciano entrare prima dell'una. E' normale? No, non è normale. Non è normale che una ragazzina torni a casa alle tre del mattino, non è normale che un concerto per teenager all'una di notte non sia ancora iniziato, non è normale che all'ingresso di molte discoteche si finga di non vedere che buona parte dei documenti di identità esibiti dai minori di 14 anni hanno la data di nascita contraffatta, non è normale che all'interno si vendano superalcolici".

Tragedia di Corinaldo.

Comincia così la riflessione del senatore di Forza Italia Andrea Cangini sulla tragedia avvenuta nella notte tra venerdì e sabato nella discoteca "Lanterna azzurra" di Corinaldo.

"Chi ha responsabilità politiche o istituzionali non può considerare normale quel che purtroppo ormai rientra nella normalità - prosegue il parlamentare eletto nelle Marche -. Assuefarsi all'assurdo è la peggiore delle colpe, la colpa degli ignavi. Perciò, confidando nella sensibilità dei colleghi senatori indipendentemente dal partito in cui militano, intendo mettere a punto un disegno di legge per riportare alla normalità quel che normale non è. Lo dobbiamo ai giovanissimi morti di Corinaldo, ai loro genitori, ai loro amici. Lo dobbiamo, in fondo, alla nostra coscienza".

Letture:1404
Data pubblicazione : 11/12/2018 10:38
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications