Politica
Decreto sicurezza. "Fermo e il Fermano si rifiutino di obbedire ad una norma anticostituzionale". Rifondazione Comunista lancia l'appello: "Orlando non va lasciato solo!"

Dopo le polemiche sul Decreto sicurezza, anche Rifondazione Comunista di Fermo interviene con un appello nel quale si invitano i sindaci del Fermano a seguire la linea di De Magistris e Orlando nel merito dell'applicazione dell'art 13 del decreto sicurezza. A tal proposito, Massimo Rossi presenterà a breve un ordine del giorno al Consiglio comunale di Fermo.

Decreto sicurezza.

“Fermo e tutte le altre amministrazioni comunali fermane, onorino la tradizione democratica del nostro territorio e, come a Palermo, disobbediscano alla barbarie”, è l'appello del Partito della Rifondazione Comunista di Fermo. 

"La scelta del sindaco di Palermo Leoluca Orlando di non rispettare le norme del cosiddetto “decreto sicurezza” nelle parte che vieta ai Comuni la possibilità di rilasciare la residenza a quei migranti a cui scade il permesso di soggiorno, è un atto di alto valore costituzionale. Quel divieto significherebbe, infatti, impedire a migliaia e migliaia di persone di usufruire dell’assistenza sanitaria, di non poter più avere la scuola per i propri ragazzi, ne alcun altro diritto, e più in generale mettere nell’illegalità persone che da tempo vivono e lavorano nel nostro Paese".
Sa a Palermo intellettuali e Unione studenti si stanno, in queste ultime ore, associando al sindaco Orlando, a Fermo è il responsabile organizzazione Prc Alessandro Fortuna a farsi portavoce del dissenso. "Certo questa azione sembra tardiva e parziale, certo il decreto Minniti conteneva già le premesse di questa inciviltà, tuttavia è una scelta importante e Orlando non va lasciato da solo. Già altri sindaci sembrano intenzionati a seguirne la rotta. Per questo invitiamo l’amministrazione comunale di Fermo e tutte le altre amministrazioni comunali fermane, ad un atto coerente con la storia civile del nostro territorio, cioè ad emanare un provvedimento che come a Palermo, Napoli e in altre città, rifiutando di obbedire ad una norma palesemente anticostituzionale, riconosca e consenta il diritto di cittadinanza a quelle persone che abbiamo saputo accogliere e che ci hanno insegnato cosa significhino in concreto le parole solidarietà e integrazione".

Letture:2722
Data pubblicazione : 04/01/2019 09:27
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
13 commenti presenti
  • l'osservatore fermano

    05-01-2019 15:48 - #13
    E' sin troppo facile ergersi paladini dei "più buoni di tutti". Io sono di sinistra, sono fermano e penso che le leggi dello Stato si rispettano anche se sono da modificare e/o migliorare nelle Sedi delegate a ciò, come in questo caso, altrimenti siamo simili agli attuali populisti detentori del potere che a suo tempo incitavano i Sindaci a trasgredire una legge dello Stato. Nel contempo occorre combattere in Parlamento per modificarla! Da subito, con i nostri parlamentari e le Piazze e i Cittadini che ci credono. Parliamo ora della nostra Fermo "si bella e perduta" ; infatti la maggior parte delle nostre scuole storiche e bellissime, se ne andranno in periferia e ricostruite in plessi scolastici nuovi, in località fuori dal contesto storico, e simili alle periferie dormitorio delle città industriali e tutto nel silenzio assordante delle opposizioni (a meno che...). L'ex ristorante Mario è attualmente sede degli uffici ASITE al costo di 150.000 euro annui( nel programma elettorale avrebbe dovuto trovare posto a fianco dei VV.UU. per risparmiare) e lo stesso accadrà per gli alunni della Betti al medesimo prezzo (9000/00 di affitto al mese+ 3000/00 sempre al mese per i lavori da effettuare, per i primi 6 anni) . Quanto tempo richiede il restauro dell'edificio della Betti? E per l'ITIS? Esiste uno studio in merito? Qualche studio di ingegneria/architettura si è proposto per questa benemerita azione? Un buon padre di famiglia (l'amministrazione) dovrebbe trovare i soldi per rimettere in sicurezza le scuole, le mura cittadine, la segnaletica stradale, le strade ; ma soprattutto girerebbe per la città e le sue vie per verificare che tutto sia in ordine, pulito e funzioni al meglio compreso il "decoro" inteso come estetica e fruibilità di tutto il Centro. ecc. Potremmo essere noi cittadini i Ciceroni per queste passeggiate (lo segnaliamo sulla stampa e direttamente ma non sempre ci sono riscontri). Questo si che avrebbe l'appoggio orgoglioso di tutta la cittadinanza perchè è una battaglia che tutti vorremmo combattere. Sono andato fuori tema? Mi hanno insegnato ed ho appreso dai nostri grandi politici del passato che in primis si deve fare Politica sul territorio. L'opposizione, in questo, è colpevole e lo sta dimostrando con l'attuale presa di posizione. Viviamo fortunatamente in una Democrazia e all'interno di questa si deve agire! L'auspicio è quello di unire tutte le nostre forze per restituire Fermo a TUTTI i fermani e al ruolo che merita.
  • il qualunquismo solo birette e luna park !

    05-01-2019 13:28 - #12
    a Fermo non si è nemmeno messo una targa per la morte di Emmanuel per evitare di turbare il senso comune qualunquista.. figuriamoci schierarsi con la dignità umana e con i valori etici fondanti la Costituzione... a Fermo bastano i pattini e lu pallò!! w gli uomini qualunque
  • Franco

    05-01-2019 12:04 - #11
    Grande commento Ernesto Che. Del tutto condivisibile e fatto con una analisi puntuale de danni fatti dalla sinistra in Italia e che ancora oggi pensa di essere la unica tenutrice della verità. Complimenti per l’analisi a cui posso solo aggiungere una considerazione. Dal governo Prodi ad oggi la sinistra ha perso milioni di voti a chi sono andati è perché? Semplice e direi banale l’analisi. Con l’entrata in vigore dell’euro anno 2001, governo, Berlusconi (euroscettico) tant’è che non mise mai in atto controlli per verificare la corretta trasformazione dei prezzi da lire in euro, abbiamo la svolta determinante e definitiva del collasso economico e sociale di questo paese. In quel periodo c’è stata gente che si è arricchita indecorosamente (con il cambio) e chi si è sempre più impoverita sempre con il cambio. I commercianti, gli imprenditori, hanno trovato fonti di guadagno inaspettate ed i secondi in particolare nel nostro territorio hanno preferito delocalizzare le attività per maggiori guadagni ma con perdite enormi in termini di occupazione. Nessuno ha il coraggio di dirlo ma in quel periodo l’inflazione è arrivata al 100%. La politica e la sinistra e mettiamoci anche i sindacati nulla hanno fatto per contrastare questa macelleria sociale che oggi appare nella più totale drammaticità. Ecco allora che, come ha scritto Ernesto Che, occorrerebbe da parte della sinistra una vera analisi dei danni causati in tutti questi anni da politiche favorite dalla inconsistenza politica di uomini come Dalema, Bertinotti, Veltroni, Vendola, Renzi e via dicendo. Insomma una mediocre classe politica che si è fatta surclassare da altrettanto modisti personaggi quali Salvini e Di Maio. Cari uomini e donne della sinistra non dobbiamo prendercela con nessuno se le cose non vanno ma solo con la nostra incapacità di capire il mondo. Per questo credo che sarebbe più logico invece che sbraitare chiedere scusa a tutti gli Italiani per averli lasciati da soli e in mani non certo rassicuranti e successivamente a ricostruire una empatia politica con tutta la società che è sempre più sbigottita da quanto sta avvenendo non solo in Italia ma nel mondo intero.
  • Paolo

    04-01-2019 21:45 - #10
    Vorrio vede' un politicu unu che se inc.... x noiatri italiani!!!!!! Unu!!!!
  • ERNESTO CHE

    04-01-2019 16:27 - #9
    Ex “compagno” Rossi & C. vi vorrei ricordare che è stata necessaria una presa di posizione di un ex Democristiano, tale Orlando, per farvi ricordare di essere “uomini/donne di sinistra” e questo non depone certo a vostro favore. Sono diversi giorni che si conosceva il contenuto del così detto, “Decreto Sicurezza”, ma ci è voluto l’intervento di Orlando e del sindaco di Napoli per ricordarvi il Vostro ruolo politico di consiglieri comunali che però, quotidianamente, dimenticate di essere visto che le questioni locali vi interessano relativamente per la pochezza degli interventi e soprattutto per l’indifferenza con cui subite le scelte di questa amministrazione. Certo i vostri pensieri “culturalmente e salottieramente” sono rivolti alla politica Nazionale, Europea, Mondiale e….Extraterrestre. Per voi le vicende locali sono solo una “scocciatura” offensiva per i vostri alti pensieri politici. Certo è che avete perso il controllo del vostro essere “comunisti” allontanandovi del contatto terra terra con i problemi reali della gente tra cui metterei, anche, ma non solo la così detta “sicurezza”. Per anni a sinistra si è pensato che l’accoglienza sia la più alta forma di accettazione e del multiculturalismo senza guardare che tale fenomeno poteva avere effetti devastanti sulla collettività, sia perché il lavoro è diventato merce rara e sia perché spesso l’accoglienza si è confusa con l’accettazione anche della delinquenza che è bene ricordare non è solo un fenomeno marginale all’accoglienza ma ne è parte integrante. Guardare solo alcuni aspetti come è stato fatto da quella sinistra di maniera ha favorito i Salvini di turno incrementando un odio che ha portato un partito “inconsistente” ad avere il 30% dei consensi . Sig Rossi di chi è la colpa ? Di Salvini o di politiche miopi fatti dai governi a partire dal “Sindacalista Bertinotti” per arrivare all’effimero pseudo compagno Renzi e a tutto l’inconsistente PD ? Risposta banale. Una sinistra incapace di saper governare una società che cambiava minuto dopo minuto, con la differenza che, mentre gli altri partiti si attrezzavano con slogan, la sinistra si “masturbava” guardandosi allo specchio e chiedendosi chi era la sinistra più bella del reame. Oggi nel vostro comunicato non c’è un minimo di riflessione sulle Vostre responsabilità e su dove avete portato il paese e pensate ancora che sia sufficiente una mozione in Consiglio Comunale per riconquistare i milioni di voti persi. Che tristezza sig. Rossi & C.
  • ffrancesco

    04-01-2019 15:18 - #8
    Quelli di rifondazione prima di dare sentenze di costituzionaslita si rileggano quello che il Sig. Palmiro Toglòiatti pronunciava il 11/3/1947 : " .... e di qui anche quella bizzarria della corte costittruzionale, organo che non si sa che cosa sia e grazie alla istituzione degli illustri cittadini verrebbere ad essere collocati al di sopra di tutte le assembleee di tutto il sistema PARLAMENTO E DELLA DEMOCRAZIA, PER ESSERNE I GIUDICI. CHI SONO COSTORO? DA CHE PARTE TRARREBBERO IL LORO POTERE SE IL POPOLO non è chiamato a sceglierli? Questo diceva il Caro Palmiro . I Signori sindaci sono chiamati a rispettare e fare rispettare le legg iche in uno stato democratico deve essere rispettate. A Palermo come a Napoli dalle immagini TV non mi risulta che si rispettino le leggi perche pagate i VVUU se tutti circolano senza assicurazione, senza casco ecc ecc?. A distanza di 71 anni possiamo oggi dire se aveva ragione Togliatti o aveva torto se aveva torto allora tutti possiamo disobbedire.
  • Serpico

    04-01-2019 14:45 - #7
    Le leggi emanate dallo stato vanno rispettate. Al governo ora ci sono partiti votati da noi Italiani. I risultati che ci porterà questo governo li vedremo e poi li giudicheremo come abbiamo fatto con gli altri governi. Premesso tutto questo il mio parere è che Orlando prende decisioni contrarie alla legge quindi va lasciato da solo. Detto questo vorrei far notare che se decidessimo di metterci a contrasto con lo stato non pagando più le tasse perché troppo alte .... se decidessimo di non pagare il bollo. .... il concetto è lo stesso. LA LEGGE VA RISPETTATA anche se al governo c'è qualcuno che non ho votato.
  • Mattia

    04-01-2019 12:55 - #6
    Signor cittadino, le voglio ricordare che Mattarella in primis può non firmare quando ritiene una legge contraria ai principi costituzionali. Nonostante lui stesso abbia espresso di non essere in accordo con essa, l'ha firmata in quanto non c'erano i presupposti per ritenerla anticostituzionale. Controlli sul suo libro di diritto se manca qualche pagina perchè se l'è persa.
  • Un cittadino

    04-01-2019 12:19 - #5
    Quando leggo certi commenti non posso non pensare alla banalità del male. I sindaci e i cittadini hanno il dovere della disobbedienza civile quando ritengono una legge contraria ai principi costituzionali. Pensiamo a quanto sarebbe stata utile la disobbedienza nei confronti di chi voleva applicare le leggi naziste e fasciste. E non serve blaterare di sicurezza e ordine pubblico, se poi nemmeno si è compreso che il decreto sicurezza aggraverà questi problemi.
  • Lucio

    04-01-2019 12:05 - #4
    Basta co' sti aiuti !!!!! Portarteli a casa vostra!!!! Gente come Saviano.... Renzi....del Rio.... Poletti...hanno rovinato l Italia!!! X fortuna Salvini e di Maio!!!!!
  • giuseppe

    04-01-2019 11:18 - #3
    I sinistri si appellano alla costituzione solo quando gli fa comodo
  • Giovanni

    04-01-2019 10:52 - #2
    Si possono associare quanto vogliono, i comuni sono tenuti ad uniformarsi alle leggi. Ricordo che il decreto sicurezza è legge ed è stato promulgato da Mattarella. I comunisti che si fanno sempre promotori della voce del popolo, rispettino quello che il popolo ha votato il 4 marzo e soprattutto inizino a rispettare le istituzioni invece di fare sempre di testa loro. La pacchia è finita.
  • AMICHEVOLE CONSIGLIO DI INIZIO ANNO

    04-01-2019 10:29 - #1
    Fate meno chiacchiere e calmatevi, tanto alzate sempre e solo meno del due di picche. Avete la vostra parte (Grossa) di responsabilità se siamo arrivati ad avere l' attuale "governo del cambiamento" e in attesa che la Storia vi dia ragione ci teniamo Salvini (gli altri fanno da comparse, a cominciare da un fortunato docente di Diritto Civile che ha avuto solo un cu.... ampio come il vuoto dei suoi discorsi ). Vi piaccia o no, è comunque SBAGLIATO il principio, l' idea stessa di rifiutare leggi dello Stato. Oggi protestiamo contro un decreto che fa schifo, domani qualche Sindaco protesterà contro lo scioglimento del Consiglio Comunale per mafia, o perchè la Guardia di Finanza rompe con i controlli sugli appalti comunali. Che poi queste leggi siano state approvate da un Governo e da un Parlamento che avete contribuito a creare e far prosperare cambia di poco. Imparate a fare politica sul serio, affrontando problemi reali in maniera concreta, parlando con la gente, ascoltandola, senza trattare da potenziali nemici con cui non si deve perdere tempo quelli che non capiscono le vostre fantasie astruse . Questioni come "ordine pubblico" "sicurezza" e altre parolacce del genere non sono "fasciste", è grazie alla vostra idiozia congenita - mascherata dietro i sacri dogmi di ridicoli ideologismi - che le avete lasciate in dono ai fascisti di ieri e di oggi. Sarebbe assurdo pretendere che la smettiate di dire fesserie con tono professorale, almeno abbiate il buon gusto di dire - magari ogni tanto - che vi siete sbagliati.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications