Religione
Fermo: emesso il giudizio definitivo sulle virtù e sulla fama di Santità di Fra Marcellino da Capradosso. Il Santo Padre Papa Francesco ha posto la firma sul decreto di Venerabilità

I devoti da ora in poi non diranno più il “Servo di Dio”, ma il “Venerabile Fra Marcellino”. E' bene sapere che il capo – cordata dei Venerabli, proclamati dal Santo Padre nello stesso Decreto, è stato il “Servo di Dio” Papa Giovanni Paolo I° (don Albino Luciani) e quindi un ottimo amico di percorso.

Fermo: emesso il giudizio definitivo sulle virtù e sulla fama di Santità di Fra Marcellino da Capradosso. Il Santo Padre Papa Francesco ha posto la firma sul decreto di Venerabilità

Da qualche giorno, il “Servo di Dio” Fra Marcellino da Capradosso è il “Venerabile Fra Marcellino”. La Commissione dei Cardinali e dei Vescovi ha emesso il giudizio definitivo sulle Virtù e sulla Fama di Santità e, di conseguenza, il Santo Padre Papa Francesco ha posto la firma sul Decreto di Venerabilità.

Ora i fedeli hanno la certezza assoluta che Fra Marcellino ha vissuto e praticato le virtù in grado eroico e gode di una grande fama di Santità e di segni. A questo punto, il prossimo passo coinciderà con la Beatificazione. Nella speranza che ciò possa compiersi in breve tempo.

Giovanni Maoloni – Fra Marcellino, appunto - nacque nel paese di Capradosso (Frazione di Villa Sambuco di Castel di Lama, Ascoli Piceno) il 22 Settembre 1873 da povera ed onesta famiglia di contadini. Crebbe nel suo ambiente campagnolo, conoscendo il lavoro, la casa e la Chiesa. Superate forti opposizioni, da parte soprattutto del fratello, poté indossare l'abito dei Cappuccini nel convento di Fossombrone il 27 Aprile del 1902, quando aveva già 29 anni di età. Fu destinato al convento di Fermo, ove come frate laico, esercitò gli umili uffici di ortolano, portinaio e questuante. Da tutti fu ammirato per la sua grande fede e pietà, per la sua profonda umiltà ed eroica obbedienza, per le mortificazioni e penitenze, ma soprattutto per la sua grande carità fraterna, in convento e fuori, verso tutti, specie per i peccatori, per i tribolati e ammalati. Per il suo amoroso servizio, nel 1906 fu mandato a Montegiorgio per assistere un confratello tubercoloso. Colpito da peritonite tubercolare, morì nel convento di Fermo il 26 Febbraio 1909. I processi ordinari sulla fama di Santità ebbero inizio nella Curia di Fermo nel 1948 e si conclusero nel 1956. Attualmente, terminata la biografia documentata e l'informatio, è stata consegnata il 7 Luglio 1998 la Positio super virtutibus.

E proprio la comunità fermana ha accolto la notizia con grande gioia. Il 26 Febbraio 2017, nell'anniversario della sua morte, una folla traboccante (anche 5 pullman provenienti da fuori) ha gremito la Chiesa dei Padri Cappuccini del Convento di Fermo, Monsignor Armando Trasarti (Vescovo di Fano ed Officiante) ha illustrato la figura di Fra Marcellino dichiarando che: “Dio manifesta la sua bontà e la sua sapienza nelle persone umili e semplici”, evidenziando una vita vissuta nell'umiltà, nella pazienza e nella penitenza, nel lavoro e soprattutto nella preghiera (encomiabile il tempo passato davanti al Tabernacolo, specialmente di notte).

Riferite grazie di guarigione ottenute per sua intercessione: una signora, venuta a Fermo nel giorno dell'anniversario della morte di Fra Marcellino, ha pregato per il nipote gravemente malato di leucemia e dopo 3 settimane ha informato di una malattia dissolta, fra lo stupore e la meraviglia dei medici; una seconda grazia, è invece avvenuta in maniera analoga ma in riferimento ad una persona malata agli occhi e bisognosa di un difficile intervento. Dopo poco tempo tutto si è risolto senza ricorrere all' operazione chirurgica, con buon recupero della vista.

 

Questi gli appuntamenti di preghiera – per l'anno 2018 – in onore di Fra Marcellino da Capradosso:

 

  • Domenica 25 Febbraio a Fermo, per l'anniversario della sua morte

  • Domenica 15 Luglio al Santuario di Montemisio di Capradosso, luogo dove è vissuto

  • Domenica 23 Settembre a Villa Sambuco di Castel di Lama, dove è nato







Letture:1184
Data pubblicazione : 10/01/2018 17:48
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications