Sanità
Chiusura temporanea di psichiatria a Fermo. L’associazione Psiche2000 e la protesta di pazienti e familiari. Malati 'spediti' anche fuori regione

L’associazione Psiche2000 - familiari e volontari per la salute mentale, è venuta a conoscenza, tramite alcuni familiari, visibilmente preoccupati, che dal 21 maggio scorso gli psichiatri dell’ospedale Murri di Fermo non possono più ricoverare nell’ospedale di zona i pazienti bisognosi di cure psichiatriche, poiché il reparto di psichiatria Spdc (Servizio psichiatrico diagnosi e cura) di Fermo, Area Vasta 4, è temporaneamente chiuso per lavori inerenti la messa in sicurezza.

Chiusura temporanea di psichiatria a Fermo. L’associazione Psiche2000 e la protesta di pazienti e familiari. Malati 'spediti' anche fuori regione

La presidente dell’associazione Angela Pallotti, sollecitata dai soci familiari, si è recata al Csm (Centro salute mentale) di Fermo per avere chiarimenti e lì, è stata confermata l’avvenuta sospensione dei ricoveri, a causa di impellenti lavori di messa in sicurezza del reparto. “Già dai giorni scorsi – spiega la presidente di Psiche2000, Angela Pallotti - alcuni pazienti sono stati ricoverati in altri ospedali, anche fuori regione, perché non c’erano più posti nei reparti psichiatrici delle Marche!”. “A questo punto ci chiediamo: come mai, il reparto non fosse stato messo già a norma, prima del trasferimento dal piano terra al 3° piano del Murri, avvenuto circa 6 anni fa? Come mai, considerando alcuni reparti attualmente vuoti, non si è scelta l’opzione di trasferirvi i casi più urgenti, in alcune stanze opportunamente allestite, o addirittura, di utilizzare gli ospedali semivuoti sparsi sul territorio fermano? Come mai, le persone con disturbi psichiatrici e le loro famiglie non siano adeguatamente considerate dagli amministratori della sanità, i quali decidono, arbitrariamente e senza nessuna comunicazione, di spostarli per l’Italia, per potere essere curati? E, come mai – continua la presidente Pallotti – nessuno abbia mai considerato il disagio vissuto dai pazienti a causa del conseguente cambiamento delle figure mediche e assistenziali di riferimento né le difficoltà logistiche ed economiche che i loro cari sono costretti a vivere?”

Quest’ultimo avvenimento, evidenzia l’associazione Psiche2000, ha messo in luce nuovamente le carenze della sanità regionale, relativamente alla salute mentale, sia nella prevenzione che nella cura e riabilitazione. Già da tempo, abbiamo assistito ad una visibile riduzione del servizio ambulatoriale con chiusura alle ore 14, come un ufficio (!), e la limitazione dell’erogazione delle medicine a due ore, dalle 10 alle 12. Il personale medico è sottodimensionato in relazione alla popolazione del fermano e ai bisogni, per cui non sono stati più sostenuti gruppi Ama (auto mutuo aiuto) né per utenti, né per familiari.

Dal canto suo, l’associazione sta adoperandosi per offrire supporti alla riabilitazione, sia nel campo del lavoro, con il sostegno alla cooperativa Ecoama, che nell’area della socializzazione, con un progetto di Ortoterapia, destinato agli ospiti delle strutture riabilitative e agli utenti del Servizio Sollievo di Fermo, realizzato insieme all’associazione Il Tarassaco e co-finanziato dal CSV Marche; inoltre, si è attivata per la nascita di gruppi Ama per famigliari, con un positivo riscontro tra i partecipanti.

“Tuttavia,la nostra collaborazione con i servizi - conclude la presidente - deve essere considerata di sostegno e stimolo, mai di sostituzione nei compiti che spettano alle istituzioni! Premesso che la salute mentale è un bene di tutti e che va perciò tutelata e salvaguardata confidiamo in una maggiore attenzione ai bisogni delle persone in difficoltà e in una risoluzione intelligente e tempestiva della questione”.

Letture:3612
Data pubblicazione : 27/05/2014 17:01
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • èlla

    27-05-2014 19:11 - #1
    e come si suol dire siamo arrivati alla frutta,se servono i fondi andate a prenderli da chi timbra il cartellino e poi va a farsi i comodi suoi,è ora che si vigili su questi individui.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications