Sanità
Esternalizzato il servizio Potes di Amandola. La rabbia dell'associazione conducenti emergenza: “Tre autisti di ambulanza retribuiti ma privati della possibilità di svolgere la propria mansione"

L'associazione Conducenti di Emergenza Sanitaria delle Marche (Co.E.S.) aveva già espresso timori in materia qualche settimana fa. Oggi quelle paure sono diventate realtà. Dallo scorso 1 febbraio infatti, secondo una dura nota inviata dall'associazione verso i vertici ASUR e dell'Area Vasta 4, il servizio Po.T.E.S. di Amandola è stato esternalizzato.

Esternalizzato il servizio Potes di Amandola. La rabbia dell'associazione conducenti emergenza: “Tre autisti di ambulanza retribuiti ma privati della possibilità di svolgere la propria mansione

“Attualmente i tre dipendenti dell'Area Vasta 4 in servizio presso la postazione 118 di Amandola sono stati privati della possibilità di svolgere la propria mansione – spiega l'associazione Conducenti di Emergenza Sanitaria delle Marche – pur essendo retribuiti ed inquadrati nella qualifica di Autisti di Ambulanza con funzione di Autisti Soccorritori, mentre il servizio dell'ambulanza MSA è stata affidata H24, 7 giorni su 7, alla Croce Azzurra di Santa Vittoria in Matenano comportando uno spreco di risorse umane, professionali ed economiche”.

Presidente Co.E.S. che aggiunge: “Maggiore è lo sconcerto di questa vicenda se si pensa che, in applicazione di quanto disposto dalla legge 208/2015, l'ASUR deve assumere circa 35 dipendenti Autisti Soccorritori posti in mobilità dalla Croce Rossa italiana, forse sarebbe stato opportuno reinternalizzare in toto il servizio MSA di Amandola completando l'organico dei tre autisti di ambulanza Area Vasta 4 con altri 3 provenienti dalla mobilità CRI, forse questa sensata modalità avrebbe comportato un risparmio di spesa per le casse pubbliche.”

Associazione che conclude: “Non ultimo, non si evince ancora on chiarezza a quale attività lavorativa verranno destinati i tre autisti di ambulanza dipendenti AV4 esautorati dal servizio 118, in quanto se verranno assegnati ad attività improprie per la qualifica d'inquadramento o ad attività di qualifica inferiore, ci saranno presupposti per informare le competenti autorità giudiziarie e contabili”. Associazione che ha inviato la richiesta di incontro urgente ai vertici di area Vasta 4: “Senza avere alcuna risposta”

Letture:4216
Data pubblicazione : 04/02/2016 15:23
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications