Sanità
Sanità. Personale del Fermano danneggiato. Occorrerà reagire. Intervento della CISL

Il personale della sanità, come tutti i dipendenti pubblici, sta subendo le gravi ripercussioni del blocco del contratto nazionale che dal 2010 non viene rinnovato. Ciò ha significato una perdita economica che si aggira intorno a 4000 euro per ogni lavoratore.

Sanità. Personale del Fermano danneggiato. Occorrerà reagire. Intervento della CISL

Un piccolo spiraglio si è aperto nel 2015 allorquando il Governo ha riaperto per i dipendenti P.A. la possibilità di effettuare la progressione di carriera pur mantenendo il blocco contrattuale.

La Direzione di Area Vasta 4 insieme alle Organizzazioni Sindacali e alla RSU ha sottoscritto il 31 dicembre 2015 l’accordo per l’indire il bando interno riguardante la progressione orizzontale di carriera. Tutto il percorso di presentazione delle domande è stato effettuato da tempo ma, causa l’ingiustificabile ritardo della Giunta Regionale nel deliberare i criteri per la costituzione dei fondi contrattuali 2015 e 2016, tutto si è bloccato.

Come in  tutte le Marche, anche a Fermo, l’indecisione della Giunta, derivante, si dice, dal fatto che la Direzione dell’Azienda Marche Nord di Pesaro, senza attendere gli atti regionali, abbia già costituito i fondi 2015 tagliandoli di circa 200.000 euro per una interpretazione restrittiva delle norme nazionali, sta generando una sorta di immobilismo nella contrattazione decentrata con un ulteriore danno economico a carico del personale del comparto sanità. Nessun accordo economico è al momento possibile perché non si conosce l’effettivo ammontare dei fondi dell’anno 2015 e dell’anno 2016.

Tutto molto strano. Non si comprende infatti, qualora fossero vere le indiscrezioni trapelate, perché sia stato concesso al Dirigente competente di Marche Nord di procedere in assenza di linee d’indirizzo regionali, creando un precedente negativo e perché le conseguenze di questo comportamento anomalo dovrebbe ricadere negativamente su tutto il personale della sanità della regione.

La situazione di questo stallo decisionale in materia di fondi contrattuali, incomprensibile anche alla luce degli impegni assunti con i Sindacati regionali dal Servizio Salute lo scorso 1 agosto , sta ricadendo negativamente su circa 1.100 dipendenti del comparto dell’Area Vasta 4 (quelli che hanno stipendi di 1000 -1500 euro mensili), che avrebbero potuto ottenere il giusto riconoscimento della fascia economica superiore se in possesso dei requisiti richiesti. Non si parla certo di grandi cifre ma comunque tutto aiuta, tenuto conto dei circa 4000 euro persi grazie al blocco del contratto nazionale.

L’assenza dell’atto regionale, non avrà effetti negativi solo sulla progressione orizzontale ma anche su altri istituti economici.  Il personale dell’AV 4 vedrà slittare anche il pagamento dell’ anticipo della produttività 2016 previsto a settembre. Addirittura, coloro che hanno partecipato nel 2015 ai progetti speciali, lavorando oltre l’orario contrattuale e gli OSS che hanno coperto i turni estivi in orario aggiuntivo sempre nel 2015, fino ad ora hanno visto nemmeno un euro. Siamo a settembre 2016 e stiamo parlando del 2015.

E’ chiaro che tutto questo non è tollerabile né per i dipendenti di Fermo né per quelli degli altri territori. Martedì 6 settembre la CISL FP Marche riunirà la sua segreteria. All’ordine del giorno ci saranno possibili iniziative vertenziali da assumere singolarmente o unitariamente, senza escluderne nessuna, contro lo stallo decisionale della Giunta qualora quest’ultima non decida di adottare subito lo schema di delibera illustrata ai Sindacati lo scorso 1 agosto.

Letture:3446
Data pubblicazione : 05/09/2016 12:52
Scritto da : Giuseppe Donati - CISL FP MARCHE
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications