Sanità
Vaccini anche per gli operatori sanitari dell'Asur in quanto soggetti a rischio

E' di qualche mese fa la notizia del contagio di morbillo per 8 dipendenti dell'Asur. Una delle infermiere, addirittura, ebbe delle complicanze molto gravi a causa della malattia. A quanto pare, nessuno degli otto si era vaccinato o aveva fatto i dovuti richiami. In virtù di una simile situazione e considerando quanto gli operatori sanitari siano a rischio oggi, in Italia, essendo loro i primi a dover affrontare negli ospedali la diffusione di malattie ormai ritenute debellate come la difterite o la meningite, non stupisce la decisione dell'Asur. Il calo delle vaccinazioni è ancora un fatto reale e il pericolo sussiste ancora, non dimentichiamocelo. 

Vaccini anche per gli operatori sanitari dell'Asur in quanto soggetti a rischio
Ph: Sole 24 Ore

Nonostante il decreto vaccini abbia reso obbligatorio vaccinarsi per poter frequentare le scuole dell'infanzia e abbia imposto multe a chi non vaccinerà i ragazzi frequentanti le scuole dell'obbligo, la situazione è ancora transitoria. Sicuramente il decreto porterà a un miglioramento della situazione, ma è ancora presto per vederne i risultati. 

 

L'Azienda Sanitaria Unica Regionale (ASUR) ha, quindi, comunicato:  

 

Sulla base della Legge 119/2017 recante disposizioni in materia di prevenzione vaccinale, l'Asur ha attivato un percorso,  attraverso un gruppo tecnico,  con l'obiettivo di mettere in campo quanto necessario per ottenere  un'adeguata copertura vaccinale negli operatori sanitari.

 

"L'intenzione della Direzione Generale dell'Azienda - spiega Alessandro Marini, direttore generale Asur-  è quella di realizzare  una attiva e costante sorveglianza  negli operatori  sanitari dipendenti, partendo dal documento di valutazione del rischio biologico, per arrivare alla   identificazione della tipologia di  vaccinazioni da richiedere al personale qualora non immunizzato dalla malattia naturale".

 

I Responsabili dei Servizi di Protezione e Prevenzione  dell'ASUR, Medici Competenti delle Aree Vaste, Direttori dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica (servizi vaccinali) e Direttori di Direzione Medica Ospedaliera stanno lavorando sulle modalità operative per il raggiungimento della copertura immunitaria o  vaccinale degli operatori sanitari che operano a stretto contatto con pazienti e utenti, dando priorità alle aree nelle quali sono presenti soggetti immunodepressi ed aree   di maggiori criticità per l'esposizione al rischio biologico.

 

"Si parte con una serie di campagne di comunicazione, formative ed informative per il personale sanitario - spiega Alessandro Marini direttore generale Asur - al fine di diffondere in modo uniforme a tutti gli operatori dipendenti la strategia che l'Azienda intende adottare per raggiungere l'obiettivo prefissato, e saranno definiti anche  il cronoprogramma delle attività, l'offerta vaccinale e la gestione delle inadempienze".

Letture:1344
Data pubblicazione : 05/09/2017 11:47
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications