Sanità
Sant'Elpidio a Mare. Proclamato lo stato di agitazione contro l'esternalizzazione delle cure intermedie. Durissima la Cisl FP: "Una resa della sanità pubblica al privato"

La Cisl FP Marche - Area Sindacale di Fermo esprime sconcerto per l'assoluto silenzio e quindi per il disinteresse mostrato sia dalla Direzione Generale ASUR che dall'Assessorato alla Sanità Regionale, retto dallo stesso Presidente, di fronte alla gravissima carenza in particolare di personale di assistenza e tecnico sanitario che si sta appalesando in Area Vasta 4 con l'avvicinarsi delle ferie estive.

Sant'Elpidio a Mare. Proclamato lo stato di agitazione contro l'esternalizzazione delle cure intermedie. Durissima la Cisl FP:
Il segretario regionale della Cisl FP Giuseppe Donati

La soluzione prospettata dal Direttore Livini è una vera e propria resa davanti all'evidenza per l'impossibilità di garantire un diritto contrattualmente previsto come le ferie estive, ma soprattutto è la resa del sistema sanitario pubblico in favore del privato.

La Regione Marche già con la PDL 145 aveva mostrato la volontà politica di "regalare" pezzi importanti di sanità pubblica ai privati, seppur trovando ostacoli anche all'interno della stessa maggioranza politica che sostiene l'esecutivo. Evidentemente Ceriscioli ed altri hanno trovato un'altra strada per raggiungere il perverso obiettivo di svendere i serivizi sanitari e sociosanitari a gruppi privati ben conosciuti nelle Marche, che detengono ormai il monopolio della sanità privata nella nostra Regione.

ASUR e Regione hanno deciso di strangolare le Aree Vaste impedendo loro di assumere il personale infermieristico, OSS necessario per garantire la normale pianificazione assistenziale. Stanno surrettiziamente costringendo i Direttori di Area Vasta a chiudere i reparti e i servizi oppure ad esternalizzarli. Facile, troppo facile, per la politica chiudere gli occhi davanti a numeri ineludibili di carenza di organico e scaricare sui territori la responsabliità di trovare soluzioni impossibili.

Va detto e spiegato che, mentre la normale assuzione di personale a tempo indeterminato o determinato viene finanziata con il capitolo della spesa per il personale, sul quale gravano mille vincoli, quella per le esternalizzazioni e quindi per l'assegnazione di interi servizi o reparti ai privati e alle Cooperative grava sul capitolo "Beni e Servizi", che invece non ha limiti. Il messaggio è chiaro: per assumere personale attraverso selezioni e concorsi non ci sono i soldi, ma per " regalare" ai privati pezzi interi di sanità pubblica, invece, ce ne sono tanti. Ecco quindi che le Cure intermedie di Sant'Elpidio a Mare andranno in mano ad una Cooperativa. La stessa sorte era toccata alla RSA di Montegranaro e prima ancora alla RSA di Amandola. Solo grazie all'intervento sindacale si è evitato per ore che anche i Punti Prelievo territoriali andassero in mano a privati, sempre in base a direttive date dalla Regione.

 

In Area Vasta 4 mancano quasi 80 unità tra Infermieri ed OSS. Questo perchè, seppur presenti nei report dell'ASUR e della Regione, non sono però in servizio e non lo saranno per molto tempo, altri ancora non lo saranno mai. Mancano perchè in aspettativa per maternità o per assistenza a familiari con gravissime malattie, mancano perchè sono part time, mancano perchè, fruendo della Legge 104, hanno dei congedi di legge. Tutte situazioni legittime e garantite da leggi dello Stato, quindi ben conosciute dall'ASUR e dalla Regione. Fino ad oggi, il peso di tutte queste assenze è gravato sui professionisti e gli operatori rimasti. Ferie bloccate o permessi e riposi negati: così l'Area Vasta 4 ha fronteggiato fino ad oggi la carenza strutturale e straordinaria di personale. I dati delle ferie non godute, ma soprattutto delle ore accumulate perchè lavorate in più rispetto a quelle dovute, dicono chiaramente che quello che la CISFL FP sta denunciando è vero. Le ore accumulate sono arrivate addiriuttura a circa 50.000. Quando le recupereranno gli Infermieri e gli OSS? Mai!!!!

Solo grazie a questa politica "indifendibile" la Regione Marche occupa le prime posizioni nelle classifiche di virtuosità che pubblica il Sole 24 Ore. La virtuosità è stata garanitata sulla pelle dei dipendenti e cedendo pezzi ai privati.

Davanti a questi numeri impietosi che non garantiscono la pianificazione decente dell'assistenza sia ospedaliera che territoriale, come si comporta la Direzione Generale dell'ASUR? Scappa via e rifiuta anche d'incontrare i sindacati dell'Area Vasta 4, non ha il coraggio di metterci la faccia.

E' una fuga vergognosa e pavida quella dell'ASUR per non rispondere alle responsabilità gestionali e politiche, generate anche da scelte regionali, come ad esempio il taglio del 2% dei budget alla Aree Vaste che per quella di Fermo significa 5 milioni in meno da poter spendere.

 

Ieri pomeriggio la Cisl Fp, insieme alla Rsu dell'Area Vasta 4, ha incontraro in assemblea i lavoratori all'interno del presidio di Sant'Elpidio a Mare. Ne è scaturita la decisione di proclamare lo stato di agitazione e di rappresentare la situazione al Prefetto di Fermo.

La Direzione di Area Vasta, ASUR e Regione dovranno spiegare al Prefetto il perchè di tanto accanimento contro il territorio fermano e tanta indifferenza verso i dipendenti dell'AV 4.

Mercoledì 30 maggio alle ore 11,30, sempre davanti al presidio di Sant'Elpidio a Mare, verrà anche organizzato un sit in del personale e una Conferenza Stampa alla quale sono invitati le istituzioni locali, il Sindaco, l'Amministrazione Comunale e i politici locali.

Letture:1594
Data pubblicazione : 26/05/2018 10:07
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications