Sanità
Lido di Fermo. Venerdì l'inaugurazione di "Casablanca", il progetto di "convivenza protetta" per persone socialmente svantaggiate

Il Dipartimento di Salute Mentale ha il piacere di offrire un aperitivo a "Casablanca" a Lido di Fermo, venerdì 29 giugno alle ore 12, per far conoscere e promuovere l'avvio della "Convivenza Protetta", aperta nel quartiere di Casabianca di Fermo dal mese di gennaio 2018.

Lido di Fermo. Venerdì l'inaugurazione di
La dottoressa Mara Palmieri, primaria di Psichiatria del Murri

Che cos'è Casablanca?

Più che una struttura o servizio, Casablanca è un "modo dell'abitare" dal momento in cui tre donne sui 40 anni hanno deciso di mettere insieme le proprie risorse, non solo economiche, per riprogettare insieme la propria vita nel territorio, al di fuori della strutture, in un appartamento dove condividere spese, tempo, impegni e le esperienze.

Per chi?
Partendo dall'obiettivo della domiciliarità, il DSM ha preso l'iniziativa di supportare la realizzazione di un'autonomia di vita nel proprio domicilio per persone con fragilità diverse, carenti di riferimenti e supporti famigliari, socialmente svantaggiate.

Come? Con quali modalità o metodologie?
Per dare vita a questo nucleo di persone conviventi si è cercato di mettere insieme risorse istituzionali e lavoro multi-professionale, attraverso una concreta integrazione tra i Comuni di provenienza delle persone, l'Ambito Sociale XIX e L'Area Vasta 4.
Con il raccordo delle istituzioni è stato predisposto un supporto educativo domiciliare con il Progetto UNRRA "A beautiful Mmind" e uno gestionale con il SAD.
Un'equipe dedicata, di progetto, vede poi coinvolti, in tempi e modalità diverse, professionisti del DSM, delle Cooperative, dei Comuni e dell'Ambito Sociale, che mediante un impegno coordinato operano per offrire "opportunità" alle persone per mezzo di percorsi differenziati individualizzati tra ambito sanitario, assistenziale e sociale.

Perché? Ovvero, con quali obiettivi?
L'integrazione tra istituzioni, figure istituzionali quali Amministratori di Sostegno e tra operatori è senza dubbio prodromo dell'obiettivo più importante, quello di arrivare ad una significativa inclusione sociale, nel quartiere e nella comunità di vita.
Il sostegno educativo e l'aiuto alla gestione della coabitazione non è solo quello di accompagnare le persone conviventi a superare i problemi concreti, le disabilità individuali e garantirsi una vita dignitosa, sono anche indirizzati alla formazione di cittadini sodali, nella convivenza quotidiana e, più ampiamente, nel rispetto e nell'impegno per la comunità.

Letture:747
Data pubblicazione : 27/06/2018 09:18
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications