Sanità
Montegranaro. Gruppi di sostegno rivolti ai caregiver dell'anziano fragile e con demenza, iscrizioni al via il 15 luglio

L’aumento dell’incidenza delle malattie collegate all’età sta determinando negli ultimi anni un significativo incremento delle famiglie che si trovano ad assistere anziani fragili e con demenza, a cui consegue un forte accrescimento dei costi globali diretti di tipo sanitario e sociale relativi all’assistenza formale e informale verso la malattia. L’anziano con demenza può andare incontro ad una progressiva perdita delle funzioni cerebrali e a turbe della sfera comportamentale, tanto da richiedere spesso un’assistenza continua che può provocare ricadute negative nei confronti della qualità della vita della persona che lo assiste (il caregiver). 

Montegranaro. Gruppi di sostegno rivolti ai caregiver dell'anziano fragile e con demenza, iscrizioni al via il 15 luglio

La famiglia, presso il proprio domicilio, rappresenta attualmente nel nostro Paese la maggiore fonte di assistenza rivolta alla popolazione anziana. Assistere i propri familiari a domicilio può creare disagio psicologico, ansia, sintomi depressivi, deterioramento della salute fisica, isolamento sociale e diminuzione del tempo da dedicare a se stessi. Questo fenomeno è noto come “burden del caregiver”, la cui individuazione precoce può agire positivamente nei riguardi della qualità dell’assistenza al malato. È necessario, da parte dei servizi e delle associazioni dei familiari che assistono gli anziani, prendere in carico sia il malato fragile che chi lo assiste, anche sotto forma di supporto psicologico e formazione.

Il Piano Nazionale Demenze promuove gli interventi appropriati ed adeguati alla gestione globale dei soggetti affetti da demenza, istituendo anche il Centro Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD), attivo presso il Presidio Territoriale Sanitario di Montegranaro, che garantisce il percorso diagnostico, la presa in carico dei soggetti affetti da demenza, la formazione e il sostegno al caregiver. La creazione dei gruppi rivolti ai familiari che svolgono la cura nei confronti di un anziano fragile e non autosufficiente ha molteplici vantaggi, tra cui l’uscire dall’isolamento, avere la possibilità di parlare, ascoltare ed esprimere le proprie emozioni, condividere sofferenze ed esperienze, trovare un senso di solidarietà, considerare i problemi da altri punti di vista.

 

Obiettivi:
- Fornire formazione e informazione nei riguardi dell’assistenza all’anziano con patologia
- Permettere ai partecipanti di condividere le proprie esperienze con altre persone che vivono la medesima situazione, in uno spazio di socializzazione
- Prevenire o ridurre nei familiari caregiver il disagio psicologico e lo stress, migliorando la qualità della vita
- Fornire il supporto per la corretta gestione delle problematiche pratiche e delle situazioni emotive e       relazionali che si possono presentare nell’assistenza delle persone non autosufficienti
- Ampliare la collaborazione tra i Servizi, i caregiver, e le associazioni di volontariato Associazione Familiari   Malati di Alzheimer (AFMA).

 

Partecipanti e requisiti per l’ammissione ai gruppi
Potranno frequentare i gruppi soggetti di entrambi i sessi, impegnati nell’assistenza rivolta ad anziani, soggetti fragili, disabili e portatori di patologie, in particolare la demenza.


Docenti e facilitatori
Ad ogni incontro saranno presenti operatori di diversa professionalità e verranno date informazioni riguardo all’assistenza dell’anziano, all’uso dei servizi esistenti.


Reclutamento dei partecipanti
L’iniziativa verrà resa nota attraverso comunicati/ conferenze stampa e l’affissione di volantini informativi in particolare presso i Servizi Sociali dei Comuni, gli Ambiti Territoriali Sociali, i servizi per l’Impiego, i servizi dell’ASUR Area Vasta 4 e dell’INRCA, le chiese e i centri sociali.


Frequenza e durata
Il percorso formativo si articolerà in circa 12 incontri, che si terranno 2 volte al mese (frequenza quindicinale) presso i locali messi a disposizione dal Presidio Territoriale Sanitario di Montegranaro, anche sede del Centro Disturbi Cognitivi e Demenze.


Informazioni
Per iscriversi o per avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi alla Segreteria della Sede del CDCD di Montegranaro, al numero telefonico 0734/6255264, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.30 alle ore 13.30.

Le iscrizioni verranno raccolte dal 15 luglio al 31 agosto 2018.

Letture:403
Data pubblicazione : 12/07/2018 18:09
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications